Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Bayern Monaco dopo l’umiliazione: il prezzo lo devono pagare gli altri

Bayern Monaco dopo l’umiliazione: il prezzo lo devono pagare gli altri

Dopo la pesante sconfitta per 5-1, Thomas Tuchel ha cercato di mantenere un tono calmo e di mantenere il massimo controllo. L’allenatore del Bayern Monaco ha tenuto una conferenza in modo obiettivo e sobrio dopo l’emozionante partita 1:5 (1:3) all’Eintracht Francoforte. Ma Tuchel non è riuscito a guardare oltre la ridicola serie di errori del Bayern e ha trovato parole chiare. “Siamo delusi e anche arrabbiati – ha detto l’allenatore -. C’è molto da elaborare e molto da digerire. Ovviamente abbiamo pochi argomenti su quello che abbiamo fatto. Quindi la responsabilità alla fine ricade su di me”.

Questa è stata solo la quarta partita della Bundesliga del millennio che il Bayern ha perso con quattro gol di scarto. E proprio come l’1:5 del novembre 2019, è successo di nuovo contro l’Eintracht. Tuchel si è lamentato dopo la sua prima sconfitta nel campionato tedesco dallo scorso maggio: “Gli errori individuali, ovviamente, sono troppi”. La sua squadra ha affrontato un pomeriggio gettato nello scompiglio dalla pioggia persistente a Francoforte.

“Non il più grande desiderio” di fare interviste

La squadra di Monaco, guidata dall’importante attaccante Harry Kane, questa volta innocuo, è a tre punti dalla capolista Bayer Leverkusen, che domenica ospiterà lo Stoccarda, con lo stesso numero di partite. Il gol di Joshua Kimmich (43′) è stato troppo poco. Omar Marmoush (12), Eric Junior, Dina Ebembe (31/50), Hugo Larsson (36) e Ansgar Knauf (60) hanno segnato per i padroni di casa davanti a 58.000 spettatori.

Mentre Tuchel rispondeva pazientemente a una domanda dopo l’altra nella zona mista e nella conferenza stampa, i suoi discepoli erano meno interessati alla solita procedura. Su questo punto è chiaro che Tuchel ha appoggiato i suoi professionisti attorno a Kane e al capitano Manuel Neuer. Tuchel ha detto: “Bisogna capire che i giocatori non hanno una grande voglia di spiegarlo oggi. Le risposte che diamo sul campo sono più importanti del fatto di brillare nell’intervista di oggi”.

“Questa non può essere la nostra affermazione. Ecco perché dovremo parlarne. Abbiamo bisogno di una reazione, di sicuro.” Thomas Tuchel, allenatore del Bayern Monaco

Thomas Müller: “Il motore della rabbia deve accendersi”

Ma una persona ha comunque parlato: Thomas Mueller. Il giocatore, uscito nuovamente dalla panchina di Francoforte, ha annunciato una reazione chiaramente sportiva: “Non perderemo la testa, lotteremo, torneremo”, ha detto il calciatore della nazionale tedesca a Sky. Il 34enne ha riassunto così gli ultimi 90 minuti: “Nella prima mezz’ora ci hanno quasi battuto”. “Deve esserci una reazione e il motore della rabbia deve avviarsi”.

READ  Bacarada osserva la Svizzera: commenti del CAS sul divieto di trasferimento del Colonia

Nessuna buona notizia quindi per i prossimi avversari del Bayern: martedì il Manchester United in Champions League (21:00/Live su BR24Sport) e poi in Bundesliga con Stoccarda e VfL Wolfsburg.

Annullare la partita invece di rispettare la scadenza: mancava il ritmo

Negli ultimi giorni il Bayern ha vissuto qualcosa di abbastanza insolito durante la stagione: una pausa di gioco invece di pressioni sul calendario. Con la partita della Bundesliga contro l’Union Berlino annullata a causa dell’inizio improvviso della stagione invernale e rinviata a gennaio e il record di campioni della Coppa di Germania già uscito, il Bayern non ha giocato per nove giorni. Durante questo periodo, gli avversari di Francoforte hanno subito sconfitte in tre diverse competizioni.

Questa mancanza di ritmo è stata chiaramente evidente per la squadra di Monaco. Nassir Mazraoui e il capocannoniere Kimmich hanno commesso gravi errori individuali. Il secondo gol del Francoforte, arrivato in un periodo di pressione da parte del Monaco, è sembrato decisivo: Eric Dina-Epembe ha superato con la potenza del suo connazionale Dayot Upamecano e Alphonso Davies, e ha lasciato scappare il tentativo di Neuer dal primo angolo.

Tuchel: Non esiste alcuna spiegazione per gli errori individuali

Tuchel, che sembrava confuso, ha detto: “Ora non ho alcuna spiegazione per i singoli errori”. Il suo omologo Dino Topmüller è stato “assolutamente felice” della risposta, appena tre giorni dopo la deludente uscita di coppa a Saarbrücken.

Il secondo gol era solo l’inizio. Quando Larsson ha segnato il 3-0 con la mano sinistra, assistito da Marmoush, Tuchel era già scomparso in panchina sotto il tetto protetto dalla pioggia. La squadra di Monaco non era sotto di tre gol dopo 35 minuti in campionato dal maggio 2004.

READ  Hertha Berlin: Corona's Hammer! Berliner è completamente in quarantena - la programmazione minacciosa

Il quarto e il quinto gol sono arrivati ​​dopo l’intervallo e il Bayern ora non ha più alcuna possibilità. Sugli spalti il ​​presidente onorario della Baviera Uli Hoeneß ha assistito con espressione cupa allo spettacolo unilaterale. “Non abbiamo molte discussioni”, ha detto Tuchel, guardando con sobrietà il risultato finale.