Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Aziende - Industria alberghiera: nessun rapido ritorno al livello pre-Corona - Economia

Aziende – Industria alberghiera: nessun rapido ritorno al livello pre-Corona – Economia

Berlino (Dpa) – Il settore alberghiero è uno dei settori duramente colpiti dalla pandemia di Corona. A quasi due anni dalle prime misure di lockdown, ci sono ancora poche speranze di un rapido ritorno ai vecchi numeri.

“Anche a 24 mesi dall’inizio della pandemia, siamo in completa incertezza e non abbiamo assolutamente alcun controllo per prepararci a qualsiasi cosa”, ha affermato Otto Lindner, CEO del Lindner Hotel Group di Düsseldorf. “Quando i dipendenti mi chiedono quanto tempo impiegherà il lavoro breve, non posso dare una risposta chiara”. La mancanza di qualsiasi parametro di layout è un onere pesante.

“L’incertezza degli ospiti d’affari è il problema più grande”, ha affermato Lindner, che è anche presidente del consiglio di amministrazione della German Hotel Association. “In questo momento siamo più o meno in trasferta turistica perché viaggi di lavoro, meeting, conferenze, fiere, tutto è stato completamente cancellato nel primo trimestre”.

La peggiore crisi degli ultimi decenni

Secondo i dati attuali dell’Ufficio federale di statistica, nel 2021 il numero di pernottamenti è stato di 310,3 milioni, il 37,4 percento in meno rispetto al livello dell’anno pre-crisi 2019. Rispetto al 2020 si è registrato un aumento solo del 2,7 percento . Secondo il presidente del consiglio di sorveglianza di Dorint, Dirk Iserloh, la pandemia è stata la peggiore crisi nel settore alberghiero degli ultimi decenni. “Per la nostra industria, solo la guerra è la cosa peggiore”, ha detto.

“Attualmente abbiamo un’occupazione di circa il 25 percento. Non puoi guadagnare stipendi o costi fissi con quello”, afferma il capo di Dorint Hotels con sede a Colonia. “Le spese continuano ad aumentare a causa dell’inflazione, quindi ci aspettiamo una grossa perdita in questo primo trimestre”, ha aggiunto.

READ  DAX con sconti - Dow stabile - Bitcoin sotto i $ 50.000 - Daimler con un aumento dei profitti - Conti aumenta le vendite e il margine - Focus su Software AG, Bayer, VW, RWE, Intel, Snap | Messaggio

Iserlohe presume che il turismo interno tornerà inizialmente al livello del 2019 – e forse anche più alto. “Poi saranno gli eventi speciali”, ha detto. “Poi seguiranno di nuovo le fiere e, alla fine, si terranno di nuovo i viaggi d’affari transcontinentali internazionali”. Non è ancora possibile raggiungere il livello del 2019 in generale. Il 2022 è un anno perso. Non vede il settore tornare a quello che era prima della pandemia fino al 2024.

Collegamento: Modalità drammatica

Il direttore generale dell’Associazione tedesca di alberghi e ristoranti Dioga, Ingrid Hartz, descrive la situazione attuale come drammatica. “Ciò riguarda principalmente il settore alberghiero e congressuale della città”, ha affermato Hartjes a Berlino. Secondo un sondaggio Dehoga su oltre 7.000 membri a gennaio, c’è stato un calo del 59% nel settore degli hotel per conferenze rispetto a gennaio 2019 e di circa il 40% nel settore degli hotel per vacanze.

Hartges vede la possibilità che la domanda aumenterà di nuovo, soprattutto nel settore turistico, da aprile. “Nei mesi estivi dispari sarà possibile tornare al livello di vendita del 2019”. Lo sviluppo del business dipende da molti fattori. “Ma sono ottimista sul fatto che da aprile in poi assisteremo a un aumento rilevante delle celebrazioni familiari, delle conferenze e degli eventi più grandi”. Dehoga prevede che le vendite non raggiungeranno il livello del 2019 fino al 2023.

Dal punto di vista della catena Motel One, l’inizio del 2022 è stato cauto. “Le mostre e gli eventi commerciali sono stati posticipati o cancellati all’inizio dell’anno”. La società con sede a Monaco ha affermato che la pandemia sta ostacolando anche i viaggi d’affari. “Ad oggi, non prevediamo di raggiungere di nuovo il livello pre-pandemia non prima del 2024”.

READ  Dopo che la Federal Network Agency ha bandito due offerte tariffarie: così interagiscono Telekom e Vodafone

Spero per un po’ di tempo dopo esserti rilassato

Markus Bernhard, CEO di Deutsche Hospitality, a cui appartiene Steigenberger Hotels, prevede una forte domanda una volta allentate le restrizioni sul coronavirus. “Le prenotazioni per il 2022 si stanno sviluppando meglio del previsto nelle prime settimane”. Si sente il bisogno di ritrovarsi e viaggiare ovunque. “Presumiamo che entro la fine del 2023 Deutsche Hospitality dovrebbe nuovamente generare numeri dall’anno pre-pandemia 2019”.

Torneremo ai livelli pre-pandemia nel 2023? Otto Lindner non è sicuro. “Penso che abbiamo la possibilità di eguagliare i livelli del 2018 nel 2023 e quelli del 2019 nel 2024”, ha detto. “Stiamo assistendo a un enorme aumento della domanda nello spazio di riunioni, conferenze ed eventi da marzo, ma è molto debole”, afferma Lindner. “Se le restrizioni sulla pandemia non vengono revocate, verranno spinte sempre più oltre”.

I calendari delle grandi fiere sono pieni per la seconda metà dell’anno. “La sfida per i siti fieristici è trovare e organizzare appuntamenti assolutamente gratuiti.” Secondo Lindner, uno dei problemi – come in altri settori – è la carenza di personale: “Circa il dieci per cento dei dipendenti soggetti a contributi previdenziali ha lasciato gli hotel e la ristorazione tedeschi durante la crisi, e la situazione temporanea per i lavoratori era molto più drammatica .”

I lavoratori qualificati sono emigrati

Iserlohe afferma che la carenza di personale, l’aumento dei costi energetici e un arretrato di lavori di riparazione pongono sfide al settore alberghiero. “La questione delle risorse umane diventerà sicuramente il problema più grande del settore in termini di aumento dei costi del personale”, ha affermato.

READ  Sassonia: le aziende fanno molto per i lavoratori stagionali

Gli specialisti sono migrati in altri settori. Sindacati e dipendenti hanno legittimamente chiesto un aumento di stipendio. “Se non possiamo aumentare le vendite, non saremo in grado di pagare i requisiti salariali”, ha detto Iserloh. “I margini sono troppo piccoli per poter finanziare investimenti in ristrutturazione, restauro e sostenibilità, nonché aumenti tariffari”.

© dpa-infocom, dpa: 220216-99-147678 / 2