Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Azienda belga progetta terminale GNL a Wilhelmshaven: quotidiano per l'economia locale

Azienda belga progetta terminale GNL a Wilhelmshaven: quotidiano per l’economia locale

Il gas può essere riconvertito in idrogeno

TES sta già progettando di allestire un impianto di produzione di idrogeno a Wilhelmshaven. In altri paesi, il gas si ottiene solo dall’acqua utilizzando elettricità verde (elettrolisi) e viene fornito con anidride carbonica2 Legato da gas naturale o metano – via nave in Germania.

Una parte può quindi essere riconvertita in idrogeno e parte del gas naturale può essere immessa nella rete di approvvigionamento. È un gas verde quando non viene rilasciata anidride carbonica aggiuntiva durante la successiva combustione2 diventare libero.

Ridurre la dipendenza dalla Russia

Il GNL è gas naturale criogenico liquefatto ad alta pressione che può essere trasportato in cisterne ed è in fase di sviluppo in Europa come alternativa al gasdotto. Finora, l’Unione Europea ha ottenuto quasi la metà del suo fabbisogno tradizionale di gas naturale dalla Russia. Questa elevata dipendenza dovrebbe ora essere ridotta il più rapidamente possibile.

Secondo TES, il progetto a Wilhelmshaven è operativo principalmente dal 2019. Ora dovrebbe “svolgere prima un ruolo importante nell’approvvigionamento energetico della Germania”.

L’obiettivo era importare idrogeno verde

L’obiettivo principale era in realtà importare idrogeno verde. Questo dovrebbe essere utilizzato come mezzo di stoccaggio per l’energia elettrica nell’espansione della rete e nella trasmissione di energia, per produrre anidride carbonica2– Acciaio inferiore e come combustibile per celle a combustibile. Secondo TES, dovrebbe anche essere possibile utilizzare il GNL in via transitoria.

Il cancelliere Olaf Schultz ha annunciato la costruzione di due terminali di importazione di GNL in risposta all’attacco russo all’Ucraina ea causa dell’incertezza delle forniture di materie prime.

Anche Setad ha delle speranze

Inizialmente, Wilhelmshaven e Brunsbüttel sono discussi nello Schleswig-Holstein alla foce del fiume Elba. Stade spera anche di acquisire un secondo sito in Bassa Sassonia.

READ  L'euro scende al minimo degli ultimi cinque anni - il dollaro USA trae vantaggio dal minimo

Uniper ha già svolto alcuni lavori preparatori a Wilhelmshaven e ha esaminato la costruzione del terminale GNL. Nel frattempo, i piani sono stati scartati perché si diceva che in futuro ci fosse una domanda insufficiente di GNL (gas naturale liquefatto). Sullo sfondo della guerra in Ucraina, ora le cose potrebbero cambiare. Si dice che sia allo studio la possibilità di riprendere la pianificazione a Wilhelmshaven.

Wilhelmshaven e Brunsbüttel potrebbero essere implementati entro il 2024

Alla fine dello scorso anno Uniper ha chiuso la sua centrale a carbone solido a Wilhelmshaven. Lì verrà ora costruito un terminal per l’importazione di idrogeno. La messa in servizio è prevista per la seconda metà di questo decennio. Un cliente è Salzgitter Steel Group.

Il ministro dell’ambiente della Bassa Sassonia, Olaf Laiss, vede la rapida costruzione dell’impianto di GNL come una sfida importante. Ha affermato che le procedure di pianificazione e approvazione per questo dovrebbero essere accelerate. Il progetto principale potrebbe essere implementato nei siti di Wilhelmshaven e Brunsbüttel entro il 2024.

Lo stadio è ancora in funzione

Allo Stade, ciò non era possibile almeno fino al 2026, stima Lies. “Setad fa ancora parte del sistema”, ha sottolineato. Il sito sarà anche preso in considerazione in seguito per il gas verde. Secondo il Ministero dell’Ambiente, un panel di esperti supporterà la progettazione dei terminali GNL. (dpa/jk)