Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Aumento del rischio di demenza a causa della gengivite: una pratica di guarigione

La relazione tra malattie gengivali e demenza

La parodontite non è solo una delle malattie croniche più comuni del cavo orale, ma anche un fattore di rischio per il morbo di Alzheimer, ha confermato un team di ricerca tedesco in un recente studio. Il trattamento precoce e persistente delle gengive ritirate può ridurre il rischio di sviluppare demenza.

I ricercatori dell’Università di Greifswald hanno scoperto un’associazione tra parodontite e demenza come parte di uno studio esistente. Quelli con malattie gengivali croniche sembrano avere maggiori probabilità di sviluppare demenza rispetto a quelli senza malattia parodontale. I risultati della ricerca sono stati recentemente pubblicati sulla rivista “Morbo di Alzheimer e demenza“Piede.

Parodontite patologica comune

La parodontite, un’infiammazione permanente delle strutture di supporto dei denti, è una delle malattie croniche più comuni in tutto il mondo. Nella sola Germania, più di 11 milioni di persone soffrono di una grave forma di parodontite. La parodontite è la seconda malattia orale più comune dopo la carie.

Conseguenze delle malattie gengivali

Le malattie gengivali non trattate possono portare alla perdita dei denti e avere un impatto sulla salute generale. Poiché la malattia è in gran parte indolore, viene spesso riconosciuta e trattata in ritardo. I ricercatori confrontano la parodontite con un iceberg: la maggior parte degli effetti si verifica dietro le quinte.

La malattia dentale colpisce la salute pubblica

L’impatto delle malattie dentali sulla salute pubblica è stato studiato per decenni. La parodontite, che colpisce tra il 15 e il 45 percento di tutte le persone in questo paese, a seconda della fascia di età, è già stata collegata a un aumento del rischio di malattie cardiache. Ora i ricercatori dell’University Medical Center di Greifswald hanno confermato il sospetto legame tra il morbo di Alzheimer e la parodontite.

READ  Il nuovo vaccino Corona di Valneva: cosa dovresti sapere sul vaccino morto

Le statistiche avanzate hanno permesso di dimostrarlo

“È molto difficile condurre studi sistematicamente significativi sugli effetti della malattia parodontale, una forma grave comune di malattia parodontale”, afferma il dott. Christian Schwan proviene dalla Clinica di Protesi, Odontoiatria Geriatrica e Materia Medica. Solo modelli statistici sviluppati di recente avrebbero reso possibile tale evidenza.

Correlazione da media a forte

Per la prima volta, il legame tra il trattamento della malattia parodontale e l’insorgenza della malattia di Alzheimer è stato trovato in un modello quasi sperimentale di 177 pazienti trattati per via orale nello studio Greifswald GANI-MED (il Greifswald Individualized Medicine Approach) e 409 pazienti non trattati. “, spiega il dentista. In generale, l’associazione tra morbo di Alzheimer e malattie gengivali è stata valutata da moderata a forte.

Il trattamento della malattia parodontale ha rallentato la perdita di materia cerebrale

I dati della risonanza magnetica dei partecipanti sono serviti come indicatore dell’insorgenza della malattia di Alzheimer. Sulla base dei dati, è possibile misurare una singola misura della tipica perdita di sostanza cerebrale dell’Alzheimer. Confrontando i diversi partecipanti, è stato possibile dimostrare che il trattamento della parodontite riduce la perdita di sostanza cerebrale.

Risultati evidenti

“Questi risultati sono notevoli nella misura in cui i pazienti con parodontite avevano <60 anni al momento dell'esame MRI e il tempo di osservazione tra il trattamento dentale e l'esame MRI era una media di 7,3 anni per i pazienti", hanno riassunto i coautori dello studio. Studio del professor Thomas Kocher e del professor Hans J.

Prevenire il morbo di Alzheimer trattando le malattie gengivali

“Il nostro approccio consiste chiaramente nella prevenzione e nel trattamento tempestivo delle malattie gengivali, che possono essere causate da un gran numero di germi, al fine di prevenire in anticipo tali potenziali danni consequenziali”, sottolinea Kocher.

READ  La revisione clinica del terzo vaccino contro il coronavirus tedesco sarà...

Secondo i ricercatori, un altro approccio è attualmente utilizzato in lavoro di ricerca americano stato testato. Il principale germe della parodontite che è migrato nel cervello viene combattuto con i farmaci. Il dottor conferma. Christian Schwan. Lo studio clinico con placebo non è fattibile in questo settore per ragioni etiche e mediche. (FP)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti medici مهني

autore:

Diplomi Editor (FH) Volker Plasic

gonfiare:

  • Università di Greifswald: lo studio di Greifswald conferma che la malattia parodontale aumenta il rischio di demenza – la prevenzione e il trattamento tempestivo della parodontite sono importanti (Pubblicato: 04.06.2021), uni-greifswald.de
  • Christian Schwann, Stefan Frenzel, Bert Holtfritter, et al.: Effetto del trattamento parodontale sulla malattia di Alzheimer preclinica – risultati del metodo di simulazione sperimentale; In: Malattia di Alzheimer e demenza, 2021, alz-journals.onlinelibrary.wiley.com

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.