Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Alto rischio ospedalizzazione: l’Italia rende obbligatoria la vaccinazione dal 50

Alto rischio di ospedalizzazione
L’Italia rende obbligatoria la vaccinazione dal 50

Il tasso di vaccinazione in Italia è relativamente alto, ma ci sono margini di miglioramento. Considerando il numero di casi di intimidazione da parte di Omikron, il governo sta estendendo la vaccinazione obbligatoria ad alcuni gruppi professionali. Ora tutti gli over 50 dovrebbero essere vaccinati.

A causa dell’epidemia, il governo italiano sta introducendo un vaccino corona obbligatorio per le persone di età superiore ai 50 anni. “Ci stiamo facendo avanti per ridurre la pressione sugli ambulatori, tra quelli a rischio di ricovero”, ha detto mercoledì sera il premier Mario Draghi. Dal 15 febbraio la regola 2G in vigore si applicherà a chi ha più di 50 anni. Cioè, per andare a lavorare, devono essere stati vaccinati contro il governo-19 o essersi ripresi dalla malattia.

Fino ad ora, per tutti i dipendenti in Italia era obbligatorio il “pass verde”, ovvero un attestato di vaccinazione, guarigione o test negativo. Un test rapido negativo è approvato per 48 ore.

“Queste misure mirano a mantenere il corretto funzionamento degli ospedali e allo stesso tempo ad aprire scuole e attività commerciali”, ha spiegato Draki delle nuove misure. La vaccinazione obbligatoria è stata estesa anche al personale universitario. Questo era già in pratica nelle scuole, nell’assistenza sanitaria e nella polizia. I termini entreranno in vigore quando appariranno nella Gazzetta ufficiale. All’inizio non si sapeva quando sarebbe successo.

La regola 3G si applica ai servizi di bodybuilding come i parrucchieri. Quindi hai bisogno di almeno un test corona negativo. Tale restrizione si applica anche all’accesso agli uffici governativi, alle poste, alle banche e ai negozi. Sono esclusi i negozi e le farmacie per le necessità quotidiane.

Negli ultimi giorni è stato oggetto di controversie anche il problema delle variazioni immigrate nelle scuole. I ragazzi e le ragazze torneranno in classe da lunedì. Draghi si è sempre espresso a favore di evitare la formazione a distanza. Nelle scuole elementari, se ci sono due contagi, tutti in una classe devono andare a casa per dieci giorni. Al liceo, l’istruzione a distanza è prevista solo per tre casi di corona. Nel caso di due, tutti coloro che non sono incoraggiati a casa o guariti 120 giorni fa dovrebbero frequentare la lezione a casa.

L’Italia sta attualmente affrontando un numero senza precedenti di nuove epidemie. Mercoledì sono stati contati più di 189.000 casi e martedì più di 170.000. Il 74% della popolazione è completamente vaccinato.

READ  Ritratto: Georgia Maloney è la nuova regina della destra italiana