Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Airbnbs: “Venezia è perduta, ma possiamo ancora salvare Firenze”

Airbnbs: “Venezia è perduta, ma possiamo ancora salvare Firenze”

Circa il 30% degli appartamenti nel centro storico di Firenze sono pubblicati su Airbnb.
Tu Sha Ha Noi/Getty Images

Il 30% degli appartamenti nel centro di Firenze, in Italia, sono pubblicati su Airbnb, riporta il Wall Street Journal.

Gli affitti a Firenze sono aumentati del 42% dal 2016. La gente del posto che non può più permetterseli se ne va.

La città ha vietato nuovi affitti in centro, ma molti temono che non sia sufficiente.

Questa è una traduzione automatica di un articolo dei nostri colleghi americani di Business Insider. Tradotto e verificato automaticamente da un vero editore.

Il centro storico di Firenze è ricco di storia e arte, dalla pittoresca cattedrale al capolavoro di Michelangelo, il David. È anche pieno di turisti desiderosi di godersi tutto e di Airbnb che li ospitano. Il Wall Street Journal ha citato uno studio Università Romana La Sapienza. Di conseguenza, sulla piattaforma per gli affitti a breve termine sono elencati il ​​30% degli appartamenti in un’area di circa due chilometri quadrati. Ciò causa danni devastanti alla città.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha spiegato al quotidiano che i residenti lamentano di essere trattati come “personale d’albergo”, con “lenzuola sporche ovunque, rumore e chiamate al citofono a tutte le ore” di ignari turisti che chiedono aiuto.

A ottobre Firenze ha deciso di vietare tutti i nuovi annunci Airbnb nel centro della città. La mossa arriva mentre il numero di affitti a breve termine in tutta la città è raddoppiato dal 2016, e gli affitti a lungo termine sono aumentati del 42% durante quel periodo, secondo Nardella. Linda Sanesi, residente a Firenze, dice che anche i residenti con “molti soldi” non riescono più a trovare appartamenti a causa dell’aumento degli affitti.

READ  Morto Herbert Tenneggett, star della "Clinica della Foresta Nera".

Airbnbs: il Portogallo teme di diventare “come Disneyland”

“Stiamo cercando di rompere l’inerzia del Paese”, ha detto Nardella al giornale, aggiungendo che le comunità locali hanno poco potere per apportare cambiamenti. E che serve una legge nazionale che regoli gli affitti brevi: «Sono convinto che se faremo il primo passo, altri ne seguiranno».

Firenze non è la sola a cercare di limitare l’arrivo degli affitti a breve termine. Questo autunno, la città di New York ha adottato misure drastiche che hanno portato a un calo del 77% degli annunci immobiliari in città. All’inizio di quest’anno, il Portogallo ha vietato tutti i nuovi Airbnb per paura che diventassero “più simili a Disneyland”.

Leggi anche

Ho viaggiato da sola in oltre 100 Airbnb in tutto il mondo: ecco sei cose da considerare prima di prenotare

Massimo Torelli, attivista per l’edilizia abitativa fiorentina, ha dichiarato al giornale che il rumore e il disturbo negli edifici rilevati da Airbnb aumentano le ragioni per cui i residenti se ne vanno. “Per quanto tempo sopporterai il via vai di gente a tutte le ore, le feste e tutte le cose che facciamo in vacanza? Venezia è perduta, ma possiamo ancora salvare Firenze”.

La società afferma che Airbnb è una “ancora di salvezza economica” per molti italiani

Un portavoce di Airbnb ha detto a Business Insider che la società spera di “continuare il nostro lavoro con le autorità locali di Firenze per trovare un percorso che protegga le famiglie locali che fanno affidamento sul reddito che guadagnano dagli alloggi”.

E aggiungono: “Airbnb è un’ancora di salvezza economica per molti italiani; 1 host su 3 afferma che il reddito extra li aiuta a pagare la casa e l’aumento del costo della vita. Riconosciamo le sfide che devono affrontare le città storiche e accogliamo con favore i progressi compiuti dal governo italiano sulle nuove normative nazionali, che contribuiranno a sostenere gli obiettivi politici di città come Firenze.

READ  Corsi per amministratori in formato misto - Südtirol News

Gli sforzi per combattere l’impatto degli affitti a breve termine non hanno acquisito slancio a livello nazionale. Nella bozza di bilancio il governo italiano ha proposto di aumentare l’imposta sugli utili locativi dal 21% al 26%, ma solo sul secondo appartamento affittato dal proprietario.

Leggi anche

Una sonnolenta città degli Stati Uniti si è trasformata in un “gigante di Airbnb” e ora sta attraversando difficoltà crescenti