Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Afghanistan: il ministero respinge le accuse di iniziativa “ponte aereo”

Paesi esteri Volo charter per Kabul

Il ministero degli Esteri tedesco respinge le accuse dell’iniziativa “ponte aereo”

Quando i talebani presero il controllo dell’aeroporto di Kabul

Dopo l’attacco aereo su sospetti terroristi dell’ISIS, l’esercito americano sta ora indagando su possibili vittime civili. Durante l’attacco del drone, un veicolo carico di esplosivo è stato distrutto, impedendo potenzialmente un altro grave attacco terroristico.

A questo punto troverai contenuti da Podigee

Per interagire con o visualizzare contenuti da Podigee e altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

La Kabul Air Initiative voleva salvare le persone dall’Afghanistan con un volo charter privato. Alla fine, l’aereo avrebbe potuto trasportare solo 18 persone e gli attivisti hanno accusato il governo federale. Il Dipartimento di Stato si difende dalle critiche.

DrIl Dipartimento di Stato ha respinto le accuse dell’iniziativa di salvataggio privato “Kabul Bridge”, che voleva trasportare persone dall’Afghanistan con i propri aerei charter. Un portavoce del ministero degli Esteri ha detto lunedì a Berlino che l’affermazione secondo cui il governo federale ha ostacolato il processo è infondata. “È vero il contrario: abbiamo sostenuto attivamente l’iniziativa fin dall’inizio”, ha sottolineato.

L’iniziativa “Air Bridge”, che riunisce una serie di ONG, consigli per i rifugiati, iniziative e individui come l’eurodeputato verde Erik Marquardt, ha voluto utilizzare voli charter donati per l’evacuazione in Afghanistan. Sul suo sito web, è accusata dal governo federale di mancanza di sostegno.

Secondo il suo stesso resoconto, sabato l’iniziativa ha trasportato 18 persone su un aereo. Altre 189 persone che volevano spostare il “ponte aereo” da allora sono state fatte volare fuori dal paese a bordo di una macchina militare statunitense.

Gravi accuse contro il ministero degli Esteri tedesco

Un comunicato dell’iniziativa è arrivato domenica: “Con sforzi enormi, siamo riusciti a portare in salvo 18 lavoratori locali da Kabul. 18 persone, il cui numero sarebbe stato di centinaia in più se l’operazione di salvataggio non fosse stata attivamente bloccata dal ministero degli Esteri tedesco”.

Leggi anche

L’esperienza lascia senza parole e arrabbiato e mostra una “tattica di prevenzione burocratica e politica”. E: “È stato pubblicamente detto che l’aereo era il benvenuto, ma dopo l’atterraggio sul sito era chiaro: il nostro aereo non doveva evacuare le persone. Quando il Portogallo ha accettato con gratitudine l’offerta di evacuazione che abbiamo fatto al suo personale locale afghano, a quanto pare i diplomatici tedeschi ha cercato di forzare l’aereo a non evacuare nessuno”.

Ministero degli Esteri: gli aerei scomparsi non erano affatto il problema

Il portavoce del ministero degli Esteri ha affermato che lo stesso ministro degli Esteri Heiko Maas (Partito socialdemocratico) ha sostenuto l’iniziativa privata. Secondo il ministero degli Esteri tedesco, le persone scelte dalla campagna erano in grave pericolo dopo l’ascesa al potere dei talebani in Afghanistan. Pertanto, la casa ha sostenuto l’operazione di salvataggio.

Secondo il portavoce, Maas ha personalmente promesso di accogliere chi ha bisogno di protezione in Germania in una lettera al ministro degli Esteri del Qatar, tra gli altri. Inoltre, la procedura è stata accompagnata da un referente presso il Dipartimento di Stato. Quando l’aereo ha finalmente raggiunto Kabul, il personale del restante nucleo centrale dell’ambasciata tedesca che ha accompagnato l’evacuazione militare è stato ritirato per sostenere l’iniziativa privata su loro richiesta.

Leggi anche

Evacuazione del personale locale

Il portavoce ha anche affermato che l’iniziativa è stata avvertita prima del volo per Kabul che potrebbe non essere possibile trasportare le persone selezionate all’aeroporto in tempo. Come per l’intero processo di evacuazione internazionale, il problema non era con la capacità del trasporto aereo – la mancanza di aerei – ma con il raggiungimento dell’aeroporto, ha detto. Tuttavia, l’iniziativa si è diretta a Kabul. Alla fine ha trasferito 18 lavoratori locali dal Portogallo.

READ  Colpi mortali della polizia contro i neri: milioni di risarcimenti familiari