Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Accuse di razzismo contro Michelle Hunzicker e il collega Jerry Scottie

Michel Hunziker e un co-curatore hanno causato orrore in un programma televisivo italiano. Sono accusati di razzismo sulla base di determinati segnali. Ora ci sono le scuse di Hunziker.

Serie di foto con 22 foto

Nello spettacolo satirico “Striscia la Noteia” della TV italiana, l’annunciatore Jerry Scotti, ex membro del parlamento italiano, e il modello Michel Hunziker hanno sgranchito gli occhi con le dita e hanno iniziato a spostare la lettera R. Il portale “Diet Prada” ha richiamato l’attenzione sulle scene televisive su Instagram e ha mostrato anche un altro momento in cui Michel Hunziker si è comportato in modo razzista nei confronti dei cinesi.

Quando i due famosi personaggi della TV italiana hanno parlato della RAI italiana nello show, hanno voltato gli occhi indietro e hanno detto, ad esempio, “LAI” invece di RAI. La rabbia per questo è particolarmente alta perché, secondo il rapporto, lo spettacolo sta raggiungendo milioni di persone e 4,6 milioni di spettatori sono stati catturati per questo episodio. Quindi quello che Hunziker e Scott dicono e fanno è ampiamente diffuso.

Facendo clic a destra nel post di Instagram sopra, vedrai un post di Michael Hunziker, che – quando non è completamente noto – ha condiviso con 4,9 milioni di follower tramite il suo post della storia. Ha mostrato Odino, uno dei suoi cani, che giaceva al sole con gli occhi stretti. Ha scritto in italiano: “Buongiorno dalla mia bambina nuda che ama il sole e sembra cinese”.

Non è il primo caso di razzismo nello show televisivo

Diet Prada presenta anche i post su Instagram dell’autore Luis Pisano, che ha anche richiamato l’attenzione sul programma televisivo italiano e lo ha commentato nelle sue storie. Secondo questo, una settimana fa c’era già un caso di razzismo in uno sketch su “Striscia la Anmerkungia”, con cui Hunziker e Scotty si stavano divertendo.

READ  La ragazza single Janine Christine mostra la prima foto della sua bambina

Qualcuno ha scritto nei commenti al post di Diet Prada: “Sono così esausto. Il mondo è una grande commedia e un incubo che si trasforma in uno solo adesso”. Inoltre, qualcuno dice: “Il fatto che si sentano a proprio agio a farlo in diretta TV e anche a” scherzare “con continue risate dimostra che l’hanno fatto molte volte e che questo è un ambiente razzista, perché nessuno li ferma. Pensano davvero sono divertenti. “

Un utente spiega: “Essendo una persona che vive e lavora in Italia da dieci anni ed è sposata con un italiano, posso davvero dire che l’Italia ha molto lavoro da fare”. Un altro utente dice: “In quanto italiano, sono molto timido”.

Le scuse di Michelle Hunziker

Ora ci sono le scuse dall’ex conduttore di “Wetten, dass ..?”. Ha pubblicato su Instagram un video di un minuto intitolato “My Excuse”.

Ha scritto: “Sono profondamente dispiaciuta per quello che è successo. Sono impegnata in un cambiamento positivo e sono sempre stata contro ogni forma di discriminazione. Grazie per averti ritenuto responsabile, Diet Prada”. Nel video ha finalmente chiarito che è sempre stata dice alle sue figlie di scusarsi a vicenda, quindi è chiaro che anche lei ora si sta scusando.

“Chiedo scusa se ho ferito qualcuno”, dice. “Mi sono resa conto che stiamo vivendo in un’epoca in cui le persone sono sensibili ai propri diritti. Fortunatamente, al momento ci sono molti cambiamenti, poiché sta emergendo un nuovo mondo più inclusivo. “Voglio assolutamente farne parte.” Chiarisce anche che è tutt’altro che razzista. “Gli stereotipi si insinuano nella tua vita quotidiana senza nemmeno rendertene conto che esistono o che possono essere angoscianti per chiunque.” Sono diventati normali e ora bisogna imparare da tali incidenti. “Per favore, non odiare. Tutti commettiamo errori”, ha detto il 44enne alla fine del video. Molti utenti sono insoddisfatti di questo, parlano di false scuse e molti scrivono nei commenti che non si parla di un mondo più inclusivo se tali gesti razzisti potessero ancora essere visti in televisione. Non c’è ancora nessuna risposta da Jerry Scottie.

READ  Sconfiggere una pop star: Helen Fisher decolla, tra tutte le persone

#StopAsianHate

Con l’inizio della pandemia di coronavirus, che ha avuto origine nella città cinese di Wuhan, il razzismo è tornato bruscamente contro gli asiatici o le persone di origine asiatica. Ciò include attacchi sia psicologici che fisici. Non da meno è l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha sempre definito il virus “il virus della Cina”. Le esperienze online sono condivise con l’hashtag #StopAsianHate per attirare l’attenzione su questo problema. Di conseguenza, il razzismo anti-asiatico è più presente negli spazi pubblici, ma ha una lunga storia, che risale a centinaia di anni fa.