Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Accuse contro Bielorussia e Polonia: i migranti accusano gli agenti di polizia di tortura

Accuse contro Bielorussia e Polonia
I migranti accusano gli agenti di polizia di tortura

Il governo iracheno sta utilizzando un volo speciale per riportare indietro più di 400 dei suoi cittadini bloccati al confine bielorusso-polacco. Alcuni dicono che sono stati maltrattati dopo il loro ritorno. Varsavia, da parte sua, solleva nuove accuse contro Minsk nel contesto della crisi dei rifugiati.

I migranti bloccati al confine esterno della Polonia con l’Unione europea e tornati in Iraq dalla Bielorussia hanno denunciato gravi abusi. Diverse vittime delle regioni autonome curde dell’Iraq hanno detto a dpa che le persone sono state picchiate e torturate da agenti di polizia polacchi e bielorussi.

Un uomo di 38 anni di Dohuk ha detto di essere stato maltrattato e poi deportato con la forza dalla Bielorussia. Inoltre, lui e altri immigrati non avevano né acqua né cibo. L’iracheno vuole tornare lì nonostante la sua delusione per i paesi europei.

“Siamo stati trattati in modo disumano”, ha detto una yazida di 71 anni, che afferma di non sentirsi più al sicuro in Iraq e quindi di voler visitare i suoi parenti in Germania. La milizia terrorista dello Stato Islamico (IS) ha rapito alcuni dei suoi figli. Anche un uomo di 41 anni di Erbil ha detto di essere stato torturato da ufficiali bielorussi e polacchi. Come dice lui: “Le autorità bielorusse ci hanno tradito”.

Da giorni migliaia di persone soggiornano al freddo al confine bielorusso-polacco per entrare nell’Unione europea. Si dice che includano siriani e afgani, così come molte persone delle regioni autonome curde del nord dell’Iraq. La regione è considerata relativamente stabile, ma come il resto del Paese sta attraversando una crisi economica. Giovedì il governo di Baghdad ha rimpatriato 430 immigrati iracheni con un volo speciale.

L’Unione europea accusa il governatore della Bielorussia Alexander Lukashenko di organizzare i migranti dalle regioni di crisi verso i confini esterni del blocco per fare pressione sull’Occidente. Varsavia risponde con durezza e una legge che, secondo i critici, viola il diritto dell’UE in quanto sospende il diritto di asilo. Tuttavia, l’Unione europea si astiene dal criticare la Polonia.

Polonia: piccoli gruppi che cercano di attraversare il confine

Nel frattempo, la Polonia ha accusato la leadership bielorussa di aver cambiato strategia sul confine comune. “Piccoli gruppi di persone stanno cercando di attraversare il confine in molti luoghi”, ha detto a MFF il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak. Non c’è dubbio che questi attacchi siano sotto il controllo delle autorità bielorusse. Parla di un “nuovo modo”.

Le guardie di frontiera polacche hanno anche riferito di tentativi da parte di diversi piccoli gruppi di attraversare il confine. In ogni caso sono state coinvolte alcune decine di persone. Tuttavia, le forze di sicurezza hanno anche riferito che un gruppo più numeroso di circa 200 persone era armato con gas lacrimogeni, fuochi d’artificio e pietre.

Secondo i suoi dati, venerdì le autorità polacche hanno registrato un totale di 195 tentativi di attraversare il confine illegale. “A 82 stranieri è stato chiesto di lasciare il territorio polacco. Due ucraini e un tedesco sono stati arrestati per favoreggiamento”, hanno detto le guardie di frontiera su Twitter.

“Dobbiamo essere preparati al fatto che questo problema continuerà per mesi. Non ho dubbi che sarà così”, ha detto Blaschak. L’Unione Europea accusa il governatore della Bielorussia, Alexander Lukashenko, di aver contrabbandato deliberatamente rifugiati nella zona di confine con l’Unione Europea, in rappresaglia alle sanzioni imposte al suo Paese. Minsk respinge queste accuse.

Lukashenko ha detto alla BBC venerdì che era “abbastanza possibile” che le forze armate bielorusse avrebbero aiutato i migranti a entrare nell’Unione europea, ma ha negato di aver organizzato l’operazione. “Siamo slavi. Abbiamo un cuore. Le nostre forze sanno che i migranti vogliono venire in Germania. Forse qualcuno li ha aiutati”, ha detto. “Ma non ti ho invitato qui.”

Critiche alla telefonata della Merkel con Lukashenko

Questa settimana, la cancelliera Angela Merkel ha parlato della crisi dei rifugiati Due volte con Lukashenko. È venuto da molti modi critica, anche dall’opposizione bielorussa. “Il cancelliere ha parlato con un terrorista. Non avrebbe dovuto farlo”, ha detto Michael Rubin, coordinatore dell'”ambasciata del popolo” bielorussa, il cancelliere Zeitung.

Il politico dell’opposizione Paul Latushka ha criticato il fatto che Lukashenko sia stato riconosciuto come presidente. La crisi migratoria è un “esempio di terrorismo internazionale”. La Merkel è stata il primo capo del governo occidentale a parlare al telefono con Lukashenko dalla controversa rielezione di Lukashenko lo scorso anno.

READ  "Strano edificio" su Marte - Ricercatore confuso della NASA