Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

75 anni di AMS: la Lamborghini Diablo

Il motore romba, i volanti sono coperti da piccole nuvole blu. Poi all’improvviso un clic metallico, appena udibile sulla scena di partenza della Lamborghini: il flusso di potenza è stato interrotto e la forza di coppia ha posto fine anticipatamente al differenziale. Weidwund riporta il camion giallo da Stoccarda in Italia – sul retro di un carro attrezzi. fine del primo capitolo.

Hans-Dieter Suffert

Niente funziona: Diablo ritorna.

Quattro mesi dopo una telefonata da Sant’Agata Bolognese, sede della sportiva Lamborghini. Sandro Munari, plurivincitore del Rally di Montecarlo e Direttore delle Relazioni Pubbliche oggi in Lamborghini, ha annunciato che la Diablo è nuovamente pronta per un test drive. Ma questa volta solo in Italia. La ragione di ciò rimane inespressa nel regno della speculazione. I carri attrezzi sono costosi.


Spazio per i numeri 1,80 metri

Capitolo due. Diablo è pronto in fabbrica, appena lavato e puntuale al minuto. I primi chilometri, sulle montagne vicino a Maranello, terreno di caccia dei collaudatori Ferrari, sono l’occasione per approfondire la conoscenza con il Diavolo. Non c’è dubbio: Diablo suscita simpatia. Ti siedi molto meglio che nella precedente Countach; Il volante, che può essere regolato ampiamente, ora consente una posizione seduta che può gestire anche figure di 1,80 m.


75 anni di AMS Lamborghini Diablo

Wolfgang Driessen

La velocità diventa visibile: Diablo come capolavoro di Marcello Gandini.

Altrimenti ricordi. La nitidezza, indebolita all’anteriore a causa del goffo cruscotto in camera, è leggermente migliorata rispetto alla Countach. Non c’è da stupirsi, ovviamente, perché ciò che il designer Marcello Gandini ha creato non è altro che un cambiamento fluido e moderno al tema Countach, una volta creato da Burton. Le prese d’aria, che erano ancora collegate al predecessore perché il motore aveva bisogno di più respirazione di quanto il progettista avesse sognato, sono ora integrate armoniosamente nella carrozzeria.

READ  Gruppo 1: Tutto sulla squadra, gli allenatori e le opportunità | notizie di calcio


La guida sportiva è ancora divertente in Italia

Diablo è una dimostrazione di potenza e velocità riversate in forme mozzafiato. Soprattutto in Italia, perché qui manca un retrogusto sgradevole, che altrove ama spingere auto di questo tipo in un angolo sociale ben preciso. Gli italiani – congratulazioni – non vedono l’ora che arrivi Bella McKenna. Gli operai stradali mettono via la pala, anche le vecchie madri si girano quando Diablo ruggisce. È bello perché è diventato così raro.


75 anni di AMS Lamborghini Diablo

Wolfgang Driessen

Cabina DAS della Lamborghini Diablo.

Ma poi, sempre durante l’accelerazione, il secondo clic. Ancora una volta, il piantone dello sterzo sinistro si abbassa in modo instabile. Sandro Munari soffre per la sua compostezza. Dopotutto, è un pezzo tedesco, di ZF, il meglio del meglio, installato nella stessa forma della F 40 della Ferrari. Ma la sua potenza del turbo non attacca l’unità con la stessa brutale sorpresa dell’aspirapolvere a dodici cilindri di Diablo, che con la sua cilindrata di 5,7 litri scatena Per una forza quasi bruta anche nella gamma di bassa velocità.


Non troppo sorprendente: danno differenziale

Il differenziale viene sostituito durante la notte e il sipario è sul terzo trimestre. Le misurazioni delle prestazioni di guida sono nel software, in una parte dell’Autostrada che deve ancora aprire, dove la polizia chiude un occhio se una Lamborghini o una Ferrari più che raddoppiano il limite di velocità.

75 anni di AMS Lamborghini Diablo

Hans-Dieter Suffert

Fine del viaggio d’affari: 414.000 auto sportive Marc Diablo con danni al differenziale.

Ora il ricordo della Countach sta svanendo. Perché mentre la sua linea retta a velocità estrema ricorda quella di un serpente a sonagli, il Diablo corre come una corda, anche senza un’ala a poppa. Non c’è messa a fuoco tesa, nessuna sensazione di disagio nell’area dello stomaco, anche se i pilastri di confine dell’autostrada sono sfocati per niente bianchi.

READ  Eintracht Francoforte: Eden Terzic come potenziale allenatore è al centro dell'attenzione


La performance è stata descritta in una parola: diabolica

Un motore che fa dimenticare tutto il resto, il culmine del principio del pistone alternativo. È molto piacevole nel traffico cittadino, è facile partire al minimo leggermente aumentato, nonostante la frizione molto tossica. Il rumore rimane muto finché il Diablo sta rotolando con un carico basso. Ma l’apertura della manetta scatenò un temporale, dapprima un profondo gorgoglio, poi un urlo infernale.

75 anni di AMS Lamborghini Diablo

Hans-Dieter Suffert

Diablo ha una velocità di 325 km/h.

Concerto in italiano, una combinazione di rumore di aspirazione e suono di scarico quasi dimenticato nell’era dell’iniezione di carburante ad alta tecnologia e dei convertitori catalitici. Non importa quanto velocemente si prema l’acceleratore, il dodici cilindri mantiene la presa e raggiunge oltre 7.000 giri/min in una frazione di secondo. Terza, quarta e quinta marcia. Il cambio scivola facilmente attraverso la configurazione aperta, molto più preciso e senza sforzo di qualsiasi Ferrari. Sembra che il pagamento non finisca mai. Anche a più di 200 km / h, la Diablo era ancora in grado di sentire la pressione nella parte posteriore.


valori di accelerazione

In realtà sigillano la Diablo come una delle auto più veloci al mondo e non hanno davvero bisogno di commenti:


0-60 km/h – 2,7 secondi


0-100 km/h – 4,5 secondi


0-140 km/h – 7,2 secondi


0-160 km/h – 9,3s


0-180 km/h – 11,3s


0-200 km/h – 13,7 secondi


1 km con cavalletto. Inizio – 22,4 secondi

75 anni di AMS Lamborghini Diablo

Hans-Dieter Suffert

I semi della violenza: in 4,5 secondi a 100 km/h.

Inoltre grande flessibilità. Per arrivare da 60 a 100 km/h nella quarta, la Diablo impiega solo 8,8 secondi, da 80 a 120 km/h nella quinta ci vogliono 12,2 secondi. Questi sono i valori più alti, finora paragonabili solo alla Ferrari F 40, che mantiene la casa delle auto da corsa molto più della Lamborghini.

READ  Dopo accuse di razzismo: Ugo protegge Jens Lehmann e programma un incontro


Convenienza della sospensione vincolata

Diablo sembra più obbligatorio. Interni in pelle, vetri elettrici. Con stile, anche se non era in lavorazione, si è adattato senza problemi alla classe superiore. Anche il comfort della sospensione può essere percepito non solo in approcci delicati, ma con tutta la tenuta necessaria la sospensione rimane sul lato ancora vincolante.

75 anni di AMS Lamborghini Diablo

ams

Il rapporto è apparso nel quinto numero nel 1992.

Un’auto che può certamente suscitare entusiasmo, ma che mostra anche che l’intera gilda delle supersportive si è smarrita. Piccola e leggera, un tempo gli ideali delle auto sportive erano dimenticati.


Inizio di potenza pesante

Le auto da corsa, non solo Diablos, bestie imponenti, pesanti (Diablo: 1.580 kg) e anche un po’ goffe, sono ormai di casa in realtà solo in autostrada. Le strette strade di campagna rendono la guida veloce sul lavoro, non c’è maneggevolezza e non c’è spazio per treni larghi oltre due metri.

75 anni di AMS Lamborghini Diablo

Hans-Dieter Suffert

Solo eccezionale: dodici cilindri con un angolo di 60 gradi, quattro valvole per cilindro, 492 CV a 7000 giri/min, coppia di 580 Nm a 5200 giri/min.

E anche: per accelerare pesi pesanti come il Diablo – questo richiede la potenza del motore, che come effetto collaterale garantisce velocità quasi massime. Non c’è da stupirsi che la meccanica non sia sempre d’accordo con questo. Dopo che il test drive è stato completato, i freni Diablo erano finiti e la frizione ha rinunciato al suo fantasma. Sipario chiuso.


sondaggio

Da più di 25 anni!

Non è ancora passato un quarto di secolo.



Leggi di più