Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

15 gradi: l'uragano XXL dalla Norvegia ci regala un inverno mite |  Notizia

15 gradi: l'uragano XXL dalla Norvegia ci regala un inverno mite | Notizia

La neve è scomparsa. L'inverno evita la Germania: non ci sono gelate fino a metà febbraio. Grazie all'uragano XXL al largo della Norvegia, la temperatura sta raggiungendo i 15 gradi.

Questo è attualmente il tempo di inizio primavera in Germania. Tranne che di notte, quando c'è il gelo, non c'è più alcun segno dell'inverno.

“E ora il ciclone al largo della Norvegia colpisce di nuovo la nostra posizione moderata nel sud-ovest! Dopo Hoche Eno, Margit Hoche Franke si unisce a noi sul lato meridionale della profondità del ciclone”, dice alla BILD il meteorologo qualificato Dominic Young del servizio meteorologico Q.met.

La tempesta Margate può essere vista chiaramente sulla mappa meteorologica. Maggiore è la differenza di pressione dell'aria in un'area, più vicine sono le linee di pressione dell'aria (isobare) tra loro e più forti sono le raffiche di vento.

Foto: Wetter.net

La sua velocità raggiunge i 200 km/h e le onde raggiungono i 17 metri

L'uragano XXL al largo della Norvegia si è presentato come una normale depressione temporalesca, ma si è rapidamente intensificato.

L’esperto meteorologico Jung: “Ciò significa che la pressione atmosferica al centro della depressione è scesa molto rapidamente di almeno 24 ettopascal in 24 ore, e meteorologi qualificati parlano poi di generazione di bombe. Il fondo sta diventando davvero grasso come un'esplosione! Saluti dal cambiamento climatico, saremo esposti a questo rumore più spesso.

Velocità del vento/velocità della tempesta: spiegazione della scala Beaufort |  Infografica

Anche gli uragani in Norvegia e Germania sono causa di alte temperature. L’inverno è lontano e non arriverà per un po’.

“Il primo polline degli ontani e dei noccioli sta già volando e dal terreno spuntano i primi fiori precoci. In questi giorni si sente già la primavera. Ma l'inverno non è ancora finito e non bisogna proprio rinunciarvi “, dice l'esperto meteorologico Young.

READ  Violenze contro i manifestanti: nuove sanzioni Ue contro l'Iran

Dicembre è stato mite, ma anche gennaio ora è molto mite! Un altro classico inverno mite. Questo inverno è nella gamma degli inverni più caldi dal 1881!

Gennaio ha portato il gelo e la primavera

Nonostante il clima invernale occasionale, a gennaio il clima è stato più caldo rispetto ai confronti a lungo termine. La temperatura media è stata di 1,5 gradi, ovvero 2,0 gradi in più rispetto al valore del periodo di riferimento accettato a livello internazionale dal 1961 al 1990, ha annunciato il Servizio meteorologico tedesco (DWD). Rispetto al periodo di confronto attuale, più caldo, dal 1991 al 2020, l’aumento è stato di 0,6 gradi.

Un uomo percorre una bicicletta da carico lungo una strada sterrata nel distretto di Hannover all'alba

Un uomo percorre una bicicletta da carico lungo una strada sterrata nel distretto di Hannover all'alba

Fotografia: Julian Stratensholt/DPA

A gennaio la neve ha imbiancato quasi tutta la Germania. Secondo la DWD la maggior parte dei giorni di neve si è verificata nell'estremo nord, nelle Prealpi e nelle basse montagne meridionali e centrali. Il 17 gennaio, la pioggia gelata nella Germania centrale ha reso i marciapiedi e le strade pericolosamente scivolosi.

L'intervallo va dal gelo alla primavera: il 20 gennaio a Leutkirch-Herlazhofen nell'Algovia la DWD ha registrato una minima nazionale con meno 19,5 gradi. Poco dopo divenne insolitamente leggero. Il 24 gennaio, DWD ha misurato una temperatura diffusa compresa tra 13 e 15 gradi. Con Föhn il Piding nel Berchtesgadener Land ha raggiunto la precedente massima nazionale di 17,8 gradi.

L’esperto meteorologico Jung: “Tuttavia, il tempo per le fasi invernali più lunghe sta diventando sempre più breve. Le giornate si allungano, le notti si accorciano e ci avviciniamo alla primavera”.

READ  L’Azerbaigian attacca una regione abitata da armeni