Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

15 fattori che aumentano il rischio di malattia

15 fattori che aumentano il rischio di malattia

  1. Home page
  2. panorama

La demenza colpisce anche i giovani. L’esordio e i tempi della malattia non dipendono solo dall’età e dalla composizione genetica. Un nuovo studio fornisce risultati rivoluzionari.

Francoforte – La demenza è una malattia maligna. Inizialmente ne soffre soprattutto la memoria a breve termine, poiché ciò che è stato appena percepito viene nuovamente dimenticato dopo poco tempo. Successivamente le persone colpite rimuovono i ricordi dalla memoria a lungo termine, perdono le capacità cognitive e motorie e spesso non riconoscono i loro parenti stretti.

Il rischio di sviluppare un tipo di demenza aumenta con l’età. Ma così Associazione tedesca per l'Alzheimer Annunciato all’inizio del 2022, si deve presumere che più di 100.000 persone di età inferiore ai 65 anni convivano attualmente con demenza in Germania. Tuttavia, l’insorgenza della malattia non è solo genetica, ma è influenzata anche da altri fattori, come ha dimostrato un nuovo studio.

La demenza non colpisce solo gli anziani. Se e quando la malattia si manifesta dipende da molti fattori. (Avatar) © fizkes/Pond5/IMAGO

Non è solo la composizione genetica che conta: un nuovo studio sui fattori di rischio per la demenza nelle persone sotto i 65 anni

I ricercatori delle Università di Exeter e Maastricht hanno valutato i dati sanitari di oltre 356.000 pazienti del Regno Unito in uno studio di coorte. I partecipanti allo studio avevano meno di 65 anni. risultati Stare È stato presentato a Jama Neurology alla fine del 2023.

Il gruppo di ricerca sottolinea che la demenza in età più giovane si verifica più spesso a causa della composizione genetica rispetto alle malattie in età più avanzata. Ma solo dal 5 al 10% dei casi di demenza clinica possono essere spiegati da fattori genetici. L'obiettivo dei ricercatori era studiare i fattori di rischio modificabili, come lo stile di vita o i parametri cardiovascolari, e le loro interazioni con i fattori genetici associati alla demenza nelle persone di età inferiore ai 65 anni.

READ  Vaccini corona: una nuova generazione in arrivo - Astrazeneca ha la soluzione migliore?

I ricercatori hanno scoperto 15 fattori che possono influenzare la demenza nelle persone di età inferiore ai 65 anni

Il team di ricerca internazionale è stato in grado di identificare un totale di dodici fattori associati ad un aumento del rischio di sviluppare demenza precoce:

  • Fattori genetici (APOE4)
  • Ipotensione ortostatica
  • depressione
  • Alcolico
  • Apoplessia
  • Basso status socioeconomico
  • Diabete
  • Malattia cardiovascolare
  • Carenza di vitamina D
  • Problema uditivo
  • Isolamento sociale
  • Livelli elevati di proteina C-reattiva (CRP)

Inoltre, i ricercatori hanno anche identificato tre fattori attenuanti per la demenza sotto i 65 anni. Ciò include un consumo moderato di alcol, un’istruzione superiore e una presa più forte sulle mani. Quest'ultimo può essere un indicatore della forza muscolare generale, ma il consumo moderato di alcol non deve essere necessariamente dovuto agli effetti positivi della birra, del vino o di altre bevande alcoliche. Invece, il gruppo di ricerca sospetta che i bevitori moderati vivano in media una vita più sana rispetto alle persone che non consumano alcol così spesso per ragioni mediche.

Demenza nelle persone sotto i 65 anni: i ricercatori trovano collegamenti

I ricercatori sottolineano come la salute mentale di una persona possa svolgere un ruolo importante nello sviluppo della demenza. Tuttavia, né l’alimentazione sana né il consumo di sigarette sono stati elencati come fattori di rischio. Tuttavia, la presenza di alcuni fattori non porta necessariamente alla malattia. Nello studio, il gruppo di ricerca ha identificato solo i collegamenti, non le cause.

Lo studio fornisce però spunti importanti. “La nostra ricerca è pionieristica perché abbiamo scoperto che il rischio di demenza a esordio precoce può essere ridotto”, afferma Janice Ranson dell'Università di Exeter, una delle coautrici dello studio. “Crediamo che questo potrebbe annunciare una nuova era nelle misure per ridurre i nuovi casi”.

Esistono anche prove che la malattia di Alzheimer, la forma più comune di demenza, può essere trasmessa da un particolare ormone. In ogni caso, alcuni segnali non vanno ignorati: questi segnali indicano demenza.