Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Vitamina D: quando ha senso assumere la vitamina del sole

Nel grigio dell’inverno, non possiamo prendere il sole e saturarci di vitamina D. Nei social network, le pillole di vitamina D sono pubblicizzate in quasi ogni angolo. Ma i consumatori dovrebbero fare attenzione quando lo prendono da soli: un sovradosaggio può essere pericoloso.

Chi è solo saltuariamente sui social Instagram o Tiktok non potrà evitare di pubblicizzare il proprio apporto di vitamina D. Molti influencer pubblicizzano effetti positivi sulla salute e suggeriscono che l’integrazione con vitamina D sia essenziale, soprattutto ora nella stagione buia, per rimanere in salute. È vero che un apporto adeguato di vitamina del sole è importante per il metabolismo osseo. Ma non tutti dovrebbero semplicemente assumere questi preparati multivitaminici da soli: un sovradosaggio può essere pericoloso. Quando ha senso assumere integratori, di quanta vitamina d abbiamo bisogno e cosa succede in caso di sovradosaggio.

Qual è la funzione della vitamina D nel corpo?

La vitamina D svolge un ruolo importante nel metabolismo osseo. Perché: abbiamo bisogno di calcio per la stabilità di denti e ossa. Il corpo lo immagazzina sotto forma di fosfato di calcio. La vitamina D supporta l’assorbimento del calcio dall’intestino nel sangue e la sua conservazione nelle ossa. Regola anche il metabolismo del calcio e del fosfato. La vitamina D è anche coinvolta in altri processi metabolici.

Come otteniamo abbastanza vitamina D?

L’Istituto federale per la valutazione dei rischi (BfR) e la Società tedesca per la nutrizione (DGE) affermano che il modo migliore per garantire l’apporto di vitamina D è attraverso la sintesi cutanea. Per poter assorbire abbastanza vitamina D attraverso la pelle, dobbiamo trascorrere abbastanza tempo all’aperto durante la stagione calda.

Per una cura adeguata, il DGE raccomanda di esporre viso, mani e braccia al sole due o tre volte alla settimana tra marzo e ottobre e senza protezione solare (da 10 a 25 minuti). Ma attenzione: evitate a tutti i costi le scottature! Secondo il BfR, assorbiamo dall’80 al 90 percento del nostro fabbisogno di vitamina D attraverso l’autosintesi con un’adeguata esposizione al sole attraverso la nostra stessa produzione corporea nella pelle. Nei mesi invernali, il nostro corpo degrada la vitamina D, che viene immagazzinata nei muscoli e nei tessuti adiposi. Se i serbatoi sono abbastanza pieni, questa scorta è sufficiente per trascorrere l’inverno senza penuria.

Solo una piccolissima parte del fabbisogno di vitamina D può essere soddisfatta attraverso la dieta. Si trova principalmente nei pesci di mare grassi come il salmone, l’aringa e lo sgombro. La vitamina D si trova anche nei tuorli d’uovo, nel fegato e in alcuni funghi commestibili.

Quanto è buona la fornitura di tedeschi con vitamina D?

Secondo i dati del Robert Koch Institute (RKI), la maggior parte dei tedeschi è ben lungi dall’avere una carenza clinica di vitamina D che potrebbe nuocere alla loro salute. Dopo aver valutato i dati degli anni dal 2008 al 2011 e dal 2003 al 2006 (per bambini e adolescenti), l’RKI ipotizza che il 15,2% degli adulti e il 12,5% dei bambini abbiano una carenza di vitamina D.

Cosa succede alla carenza di vitamina D e come si manifesta?

L’RKI insegna che si parla di carenza di vitamina D solo quando il corpo è carente di vitamina D per un periodo di tempo più lungo e si verificano sintomi come l’ammorbidimento delle ossa. Il livello di vitamina D nel sangue è soggetto a fluttuazioni stagionali. Un basso valore di vitamina D una volta misurato non significa necessariamente che una carenza di vitamina D sia presente da tempo.

La carenza di vitamina D può avere gravi conseguenze per la salute delle ossa. “L’esito più grave è la decalcificazione e infine l’osteomalacia. Nei neonati e nei bambini, questo può portare a sintomi di rachitismo, il che significa un grave difetto nella crescita ossea e una deformità scheletrica permanente, compresi i lividi nell’area”, afferma l’RKI. ridotto tono muscolare e suscettibilità alle infezioni.

Gli adulti con carenza di vitamina D possono avvertire dolore osseo, debolezza muscolare e deformità delle ossa portanti. Questi sintomi sono causati dalla decalcificazione delle ossa. La carenza di vitamina D può anche contribuire all’osteoporosi. Con questa malattia, le ossa diventano porose e si rompono facilmente.

Chi è più a rischio di carenza di vitamina D?

Alcune persone sono maggiormente a rischio di sviluppare una carenza di vitamina D perché raramente o mai trascorrono del tempo all’aperto. Questi includono, ad esempio, le persone bisognose di cure e coloro che sono costretti a letto. Con l’età, la produzione endogena di vitamina D diminuisce, motivo per cui le persone sono generalmente a rischio di sviluppare una carenza, secondo l’RKI.

I bambini sono anche a maggior rischio di carenza di vitamina D perché non dovrebbero essere esposti alla luce solare diretta. Anche coloro che escono solo con la pelle coperta e le persone con malattie croniche gastrointestinali, epatiche o renali o coloro che assumono farmaci che compromettono il metabolismo della vitamina D appartengono al gruppo a rischio. Anche le persone con la pelle più scura sono a maggior rischio. A causa dell’aumento del contenuto di melanina nella pelle, i raggi ultravioletti del sole vengono bloccati in modo più efficace.

Chi ha senso assumere integratori alimentari per ottenere una quantità adeguata di vitamina D?

Negli integratori alimentari troviamo la vitamina del sole come il colecalciferolo (D3) o l’ergocalciferolo (D2). Secondo il NRW Consumer Advice Center, la vitamina D3 si ottiene principalmente dal grasso di lana e la vitamina D2 dai raggi UV dell’ergosterolo del lievito. Secondo il DGE, questi integratori dovrebbero essere utilizzati solo se lo stato di vitamina D non può essere migliorato né dalla sintesi cutanea stessa né dall’alimentazione. Il motivo: la vitamina D è una vitamina liposolubile, il che significa che può essere immagazzinata nel tessuto adiposo e muscolare. L’assunzione di integratori di vitamina D in dosi eccessivamente elevate può portare a un sovradosaggio acuto o graduale.

Se l’apporto attraverso l’autosintesi e attraverso il cibo non è sufficiente, il DGE raccomanda l’integrazione di vitamina D con una dose giornaliera di soli 20 microgrammi al giorno. “Dosi più elevate dovrebbero essere assunte solo sotto controllo medico tenendo conto dello stato individuale di vitamina D. Per gli integratori alimentari da banco, attualmente non esistono livelli massimi vincolanti per il contenuto di vitamina D, né a livello nazionale né internazionale”, riferiscono gli esperti. DG. L’assunzione di integratori di vitamina D può avere senso per i gruppi a rischio, ma la loro assunzione dovrebbe sempre essere discussa con un medico.

Secondo il BfR, l’assunzione giornaliera di preparati di vitamina D a dosi di 50 o 100 mcg non ha senso nutrizionale. Tuttavia, l’autorità lo classifica come improbabile che abbia effetti negativi sulla salute derivanti dall’ingestione accidentale di tali preparati ad alte dosi. Tuttavia, coloro che assumono preparazioni giornaliere ad alto dosaggio di vitamina D a lungo termine sono esposti a maggiori rischi per la salute – e questo è indicato dall’attuale situazione dello studio.

Cosa succede quando assumi troppa vitamina D?

“Sebbene la tossicosi non possa essere causata dalla formazione di vitamina D nel corpo e dall’alimentazione naturale, è possibile attraverso l’assunzione eccessiva di integratori alimentari o farmaci ad alto dosaggio (…)”, scrive RKI.

Se assumi troppa vitamina D, questo porta ad un aumento del livello di calcio. Nei casi più gravi, questo porta a crampi addominali, vomito, nausea e perdita di appetito. Nei casi più gravi, può portare a battito cardiaco irregolare, danni ai reni, perdita di coscienza e morte. Poiché la vitamina D è immagazzinata nel corpo, un sovradosaggio può verificarsi non solo in modo acuto, ma anche graduale.

Fonti:Centro consumatori Renania settentrionale-VestfaliaE il BfR,RKIE il DG 1E il DGE2E il DG 3

READ  Il picco dell'onda Omicron è passato ora? Pratica di guarigione