Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Violenti disordini sul Monte del Tempio

ioA Gerusalemme si sono verificati scontri tra la polizia israeliana e per lo più giovani palestinesi. Più di 220 persone sono rimaste ferite nello scontro avvenuto venerdì sera vicino alla moschea di Al-Aqsa sul Monte del Tempio. Ha detto che almeno 205 palestinesi sono rimasti feriti
Mezzaluna Rossa. La polizia israeliana ha detto che 17 agenti sono rimasti feriti.

Diverse migliaia di manifestanti hanno incontrato circa 700 poliziotti antisommossa. La polizia ha usato cannoni ad acqua e veicoli blindati per disperdere la folla. I manifestanti hanno lanciato pietre contro i reparti di emergenza. Secondo testimoni oculari, la polizia ha usato proiettili di gomma contro i palestinesi davanti alla benedetta moschea di Al-Aqsa. Nella città vecchia si sono sentiti dozzine di spari. Il portavoce della polizia, Wissam Badr, ha detto all’Afp che i funzionari sono intervenuti per respingere “violenti disordini”. Secondo la polizia, che sorveglia gli ingressi al Monte del Tempio, gli ufficiali sono stati colpiti con “pietre, bottiglie e altre cose” da “centinaia di rivoltosi”. Diversi manifestanti sono stati arrestati.

Vi è attualmente un’enorme tensione tra israeliani e palestinesi riguardo alla minaccia di espellere le famiglie palestinesi a Gerusalemme est, che Israele ha annesso. Pochi giorni fa ci sono state proteste quotidiane, alcune violente. La polizia israeliana si era già preparata a nuovi scontri con i manifestanti palestinesi davanti alla preghiera del venerdì. Le foto dei media palestinesi hanno mostrato le linee delle forze di sicurezza israeliane. Migliaia di credenti musulmani si riuniscono sul Monte del Tempio per pregare l’ultimo venerdì del Ramadan.

Gli Stati Uniti hanno espresso “profonda preoccupazione” per la situazione a Gerusalemme. E il Ministero degli Affari Esteri ha chiesto “calma” e ha avvertito di misure che potrebbero aggravare la situazione. Le Nazioni Unite hanno messo in guardia Israele contro il previsto sgombero delle case palestinesi a Gerusalemme est. Un portavoce dell’ufficio legale delle Nazioni Unite, Robert Colville, ha detto venerdì a Ginevra che la questione potrebbe essere un “crimine di guerra”. Ha sottolineato: “Chiediamo a Israele di annullare immediatamente tutti gli sfratti”, sottolineando che Gerusalemme est “fa parte dei territori palestinesi occupati, a cui si applica il diritto internazionale umanitario”. “La potenza occupante non può confiscare la proprietà privata nei territori occupati”.

READ  USA: una sparatoria in una scuola elementare in Texas uccide 21! Il messaggio dell'autore del reato diventa pubblico