Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Viktor Orban ha aperto la campagna elettorale e ha criticato l’Unione europea

Orbán ha portato a Budapest decine di migliaia di sostenitori per questo scopo: il primo ministro ungherese ha dato il via alla sua campagna elettorale in occasione della festa nazionale e ha evocato l’immagine dell’Europa come un nemico.

Con la manifestazione organizzata di decine di migliaia di sostenitori da tutto il Paese e la retorica incendiaria contro l’Unione Europea, il capo del governo ungherese Victor Urban Ha aperto sabato la sua campagna per le elezioni parlamentari della prossima primavera.

Il politico di destra nel centro di Budapest ha affermato che le istituzioni dell’UE vogliono dettare ai cittadini di Ungheria e Polonia come dovrebbero vivere.

“Difendete le vostre case”

“Eminenti personalità europee vogliono batterci davanti agli ‘europei’, ai ‘sensibili’ (verso la diversità sessuale), ai liberali”, ha detto. Ma quando si tratta di “difesa della patria, della famiglia, della cultura, della libertà del quotidiano”, ognuno deve dare il proprio contributo. “Quando sarà il momento, mettiti davanti alle tue case e difendile”, ha aggiunto.

Orbán ha governato l’Ungheria con il partito Fidesz per quasi dodici anni. I suoi critici lo accusano di smantellare la democrazia e lo stato di diritto, la corruzione e il nepotismo. Il suo governo è coinvolto in molte gravi controversie con l’Unione europea, ad esempio sullo stato di diritto in Ungheria.

“Fidesz o Nicht-Fidesz?”

I partecipanti alla marcia sono stati portati a Budapest su autobus provenienti da tutto il Paese, ma anche da Romania, Polonia e Italia. Centinaia di autobus erano parcheggiati ai margini delle strade principali del centro. Sabato l’Ungheria ha celebrato una festa nazionale. Il 23 ottobre 1956 scoppiò una rivolta popolare contro il regime comunista. Pochi giorni dopo fu sanguinosamente represso dalle forze sovietiche.

READ  Bielorussia: l'Unione europea ne ha abbastanza di Lukashenko

Diverse migliaia di sostenitori dell’opposizione si sono radunati a circa due chilometri dal raduno di Orban. Sei partiti dalla sinistra verde al conservatore di destra vogliono candidarsi insieme alle elezioni del 2022. In una primarie auto-organizzate, la borghesia apartitica Peter Markie G. è stata eletta come candidato principale congiunto una settimana fa.

In qualità di oratore conclusivo della manifestazione, Marky Z. ha promesso alla coalizione di opposizione di continuare a mostrare unità: “Tutto si riduce a una domanda: Fides o non Fidesz”.