Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Viaggio in Europa: l’attaccante italiano

Due cuori battevano nel petto di Antonio Spano, uno italiano, l’altro tedesco. È per questo motivo che all’allenatore del Germania Grosskruitzenberg II diventa chiaro: “Il migliore dovrebbe vincere l’Europeo”.

© Sheepher

Antonio Spano è un girovago e un marcatore. L’italiano tedesco ha giocato per diverse squadre di calcio della regione. Segna infiniti goal. Si è anche fatto un nome come allenatore di giocatori. Due cuori che battono nel petto di Hanauer.

Hanau – Germania o Italia, chi dovrebbe essere il campione europeo? “Sono da entrambe le parti. Alla domanda sul campione europeo di quest’anno, risponde Antonio Spano. Non c’è da stupirsi che il 37enne giocatore e allenatore della Germania Grosskruitzburg II abbia la Squadra Azzurra nel sangue. I suoi genitori sono veri italiani, pugliesi. Tony, come viene chiamato. “Circoli calcistici, è cresciuto bilingue ed è molto vicino alla sua casa ancestrale, anche perché è cittadino italiano.

Nato a Hanau, ha indossato la sua maglia italiana per un’intervista con HANAUER ANZEIGER. Porta con sé anche la bandiera italiana. E foto incorniciata. “È nel mio salotto. Mostra l’Italia che vince il Mondiale 2006”.

Vincerà anche quest’anno “Gli Azzurri”? “L’Italia ha le carte in regola per andare lontano. Ma non credo che basterà per vincere il titolo. Le turbolenze sono iniziate troppo tardi per coinvolgere i giovani”, stima Tony Spano.

Ha iniziato la sua carriera calcistica a Kleinstheim all’età di sette anni. Il fratello maggiore Giuseppe lo portò ad allenarsi in quel periodo. “Suono continuamente da allora”, sorride. Era in giro molto. Tra i giovani, ad esempio, c’erano centri a Detesheim, Steinheim e Kesselstadt. “È stata un’esperienza meravigliosa”, ha detto mentre era al VfR quando ha vinto la Hesse Cup con il club quando aveva 16 anni.

READ  Olanda, Italia e Francia: tutti allentano - la Germania resta dura - la politica interna

Ha giocato il suo primo anno con suo fratello a Victoria Heldenbergen. Sono seguiti diversi altri incarichi, tra l’altro ha giocato per Hanau 93. “Un momento molto bello. A quel tempo siamo stati promossi dalla Zone League alla Group League”, ricorda un padre di due figli.

Il gol dell’Italia: Siro Immobile ha segnato alla fine di marzo nelle qualificazioni ai Mondiali per gli italiani per la finale 2-0 contro l’Irlanda del Nord.

© Marco Bertorillo / AFP

All’età di 24 anni, Tony Spano, oltre a perseguire un lavoro presso un’agenzia pubblicitaria di Hanau, ottenne la licenza di allenatore e due anni dopo divenne allenatore del giocatore del Brittenborn. Cosa lo ha spinto a farlo? “Ho visto molti allenatori nella mia carriera e ho avuto la sensazione di saper guidare e toccare con mano una squadra. Non solo mentalmente, ma anche nel cuore”.

Potrebbe aver avuto ragione con quella valutazione, dato che è andata a gonfie vele nel primo anno. Come giocatore, allenatore e come persona, ha fatto molto in quel periodo. “Sono ancora in ottimo contatto lì oggi”, ha detto Tony Spano all’SV Wolfgang. “Si trattava di comunità, di solidarietà. È stato fantastico. Se fosse così, puoi ottenere molto, muoverti molto”.

Un’altra tappa nella carriera di Tony Spano è stata con la seconda squadra dell’SG Bruchköbel, dove suo fratello stava già allenando i giovani. “Volevo crescere come allenatore. C’è stato un grande scambio, abbiamo lavorato alla grande insieme”.

Tony Spano è passato alla prima squadra in modo da poter giocare di nuovo nella Federation League. A trentacinque anni voleva conoscere di nuovo a Bruchköbel, a quel tempo era l’uomo più anziano. “La sfida di poter riprodurre di nuovo quell’alta qualità mi ha davvero sorpreso”, dice.

READ  Il consigliere di Halland, Mino Raiola, vuole rompere il limite magico dello stipendio

Tony Spano è stato con la Germania al Großkrutzenberg per due anni e mezzo, ha giocato per un anno e mezzo in prima squadra ed è ora l’allenatore del giocatore per la seconda volta. Il suo obiettivo: la promozione in Prima Divisione.

Da giocatore e allenatore, Spano cerca sempre di fare un buon lavoro e ha sempre un orecchio aperto per i suoi compagni di squadra. “Ho sempre desiderato esibirmi meglio di alcuni degli allenatori che ho visto. Come allenatore, devi essere un amico, un fratello e uno psichiatra allo stesso tempo. Devi raccogliere molto dell’edificio blocchi per la squadra per darti il ​​suo cuore. Ma se puoi farlo, puoi ottenere molto “.

Tuttavia, come sottolinea Tony Spano, è sempre importante mantenere una certa distanza. Ci dovrebbe essere sempre rispetto per l’allenatore. “Se metti insieme la tua squadra alla fine della stagione in modo che ci sia coesione dentro e fuori dal campo, allora hai fatto tutto bene”, sa.

Ci è sempre riuscito. Questo lo porta fuori. “Perché sono una persona di cuore. Cerco sempre di aiutare. Anche se, come giocatore allenatore, non puoi mai accontentare tutti. Questo a volte è scomodo”.

Potrebbe anche essere scomodo per la nazionale italiana all’esordio nel Campionato Europeo. L’avversario si chiama Turchia e attualmente ha, secondo Tony Spano, “un’ottima squadra”. Ma gli italiani hanno anche buoni giocatori nelle loro file. Toni Spano chiama l’attaccante di centrocampo Lorenzo Insigne, che attualmente gioca per il Napoli, o il portiere Gianluigi Donnarumma del Milan. Ma anche il centrocampista Marco Verratti (Paris Saint-Germain) apprezza molto Tony Spano. “Era un buon giocatore e un buon allenatore – dice del tecnico Roberto Mancini -. C’è molta speranza lì”.

READ  Auto sportive usate: BMW M3 / M4 | Auto e guida sportiva

Tony Spano definisce Roberto Baggio un modello, Juventus Torino e Francoforte Eintracht sono due favoriti, che non ama guardare in campo, ma davanti alla tv.

Ma Tony Spano preferisce essere in campo da sola. L’attaccante con il numero 9 sulle spalle spera di poterlo fare il più a lungo possibile, ma non vuole pensare a smettere troppo a lungo. “È molto difficile per me lasciarsi andare”, sorride il 37enne ed è sicuro.

Di Christine Behl