Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il dramma continua nel Bayern Monaco: Jerome Boateng diventa una pedina nella lotta per il potere

Jerome Boateng dovrebbe lasciare il Bayern quest’estate. Foto: dpa / Sven Hoppe

Dramma su Boateng: la stella del Bayern Monaco diventa un gioco di lotta per il potere

Club di calcio Bayern Non rinnoverà il contratto con Jerome Boateng, che scadrà in estate. Una settimana fa, il direttore sportivo Hasan Salih Hamidic lo ha spiegato chiaramente su Sama TV. “Questa è una decisione congiunta della direzione del club, alla quale ha partecipato anche l’allenatore”, ha detto il direttore sportivo. Ma ora stanno emergendo sempre più dettagli: In Personal Boateng, la lotta per il potere tra Salihamidžić e Flick si intensifica e mostra quanto sia diviso il livello dirigenziale.

Nonostante continui ottime prestazioni come martedì sera in UEFA Champions League contro Parigi Saint-Germain vuole porre fine alla collaborazione estiva dopo più di dieci anni.

All’inizio di aprile dovrebbe essere rumoroso “.Foto di sportSalih Hamidic ha informato la dirigenza del 32enne che il suo contratto non sarà rinnovato. Motivo: l’elevata suscettibilità di Boateng agli infortuni e alle prestazioni incoerenti negli ultimi anni. Ciò ha causato stupore nel reparto del difensore centrale. Sotto Flick, Boateng è uscito dalla sua forma ed è stato una componente significativa del triplo successo dello scorso anno.

Questa notizia ha infastidito anche l’allenatore del Bayern Monaco. Flick ha ripetutamente sottolineato quanto sia importante la sua fede in un uomo difensivo esperto e affidabile come Boateng. L’allenatore ha dichiarato poche settimane fa: “Ha lavorato molto per tornare a quel livello. Jerome è tornato al vertice e nelle ultime partite ha giocato molto bene”. Quindi ci fu di nuovo un grande disaccordo tra Flick e Salih Hamidic.

READ  Gotze accusa Favre di "scuse": "Non aveva un posto per me"

Di conseguenza, la lotta per il potere tra l’allenatore e il capo dello sport alimenta ulteriormente il conflitto e provoca una crisi a livello di gestione. Perché a differenza del direttore sportivo Salihamidži, il presidente e sostenitore di Flick Karl-Heinz Rummenigge è stato aperto per un’ulteriore estensione in un incontro con i consiglieri di Boateng il giorno successivo. Le condizioni erano chiare: un periodo di un anno e un po ‘meno soldi. Alla squadra di Boateng è stato chiesto di essere paziente per alcune settimane.

Hoeneß avvelenato contro Boateng su RTL

Ma quello che inizialmente sembrava un raggio di speranza, Boateng è stato infine viziato dall’influente presidente onorario bavarese Uli Hoeness durante le qualificazioni EM su RTL. Questo ha parlato chiaramente contro Boateng nella futura squadra EM e difensore BVB Hummels. Uno schiaffo in faccia a Boateng e al suo sostenitore di Flick. Flick ha anche risposto pubblicamente con una mancanza di comprensione “So dal Bayern Monaco che hai sempre sostenuto i tuoi giocatori per anni”, ha detto in conferenza stampa.

Ma almeno con la dichiarazione di Hoeneß, era chiaro quanto fosse diviso lo staff del club Data I Boatenges al Bayern finiranno presto.

Salihamidži annuncia Boateng Aws in un momento inopportuno

Ma con l’annuncio al cielo pochi minuti prima dell’andata dei quarti di finale contro il Parigi, Salihamidži ha suscitato rabbia anche nei confronti della capolista Bayern, che riteneva che il momento non fosse appropriato.

Il direttore sportivo ha informato il centrocampista della decisione solo il giorno della partita mentre sudava. Questo lavoro in particolare, subito prima di una partita così importante, causa ancora oggi fastidio sia a Boateng che ai suoi colleghi.

READ  Nonostante lo scivolone: ​​l'Inter si avvicina sempre di più allo scudetto - Serie A.

La lotta per il potere in Bayern continua e potrebbe non essere l’ultimo punto su cui Flick e Salmidic non sono d’accordo.

(NB)

Opinione

Quattro ragioni per cui il Bayern Monaco ora si comporta in modo arrogante

Al Bayern, il blocco sembra stia lentamente lasciando il segno, nonostante il ruolo speciale che ha giocato il calcio. O che le precedenti celebrazioni per il titolo rendessero i responsabili dell’esperimento una realtà completamente diversa. Non ci sono ulteriori spiegazioni per il fatto che il CEO Karl-Heinz Rummenigge abbia naturalmente dichiarato sabato sera al “Current Sports Studio”: “Non siamo arroganti”.

noi. Se lo dice lui, allora deve essere così. Ma uno sguardo indietro alle dichiarazioni precedenti …

Collegamento dell’articolo