Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Vertice sull'idrogeno: l'industria richiede decisioni coraggiose

Vertice sull’idrogeno: l’industria richiede decisioni coraggiose

Dusseldorf L’industria tedesca avverte con urgenza che la Germania potrebbe perdere il contatto con lo sviluppo di un’economia dell’idrogeno. Ha detto: “È dalle cinque alle dodici”. BASF– Lo chef Martin Brodermuller al vertice dell’idrogeno handelsblatt. “Senza velocità, i sogni politici esploderanno”. La Germania dovrebbe investire massicciamente in energie rinnovabili e infrastrutture per l’idrogeno.

Molti rappresentanti delle imprese lo vedono allo stesso modo. “Il mondo non ci aspetta”, ha avvertito Siegfried Rossorm, presidente della Federazione delle industrie tedesche e presidente del consiglio di sorveglianza di ThyssenKrupp.

Negli Stati Uniti, ad esempio, le infrastrutture per l’idrogeno sono in costante sviluppo. “Il vento è cambiato”, ha detto Brodermuller. La Cina e gli Stati Uniti hanno affrontato le questioni più velocemente e in modo più realistico.

L’idrogeno è il fulcro dell’industria tedesca. Sia i produttori di acciaio che quelli chimici hanno grandi speranze di decarbonizzare le loro operazioni con l’aiuto di gas climaticamente neutri. Il ThyssenKruppIl gruppo, ad esempio, in futuro non vuole più produrre acciaio con coke, ma con idrogeno. Ciò richiede grandi quantità di elettricità verde per produrre l’idrogeno richiesto in modo neutro dal punto di vista climatico.

I migliori lavori di oggi

Trova subito i lavori migliori e
Riceverai una notifica tramite e-mail.

Quindi l’industria chiede una più rapida espansione delle energie rinnovabili, minori costi dell’elettricità, tecnologia ampliata e più sostegno finanziario.

Martin Brodermuller in una conversazione con il caporedattore di Handelsblatt Kirsten Ludwig

Il presidente di BASF, Brudermüller, chiede un “design del mercato elettrico completamente nuovo” invece di EEG.

(Immagine: Handelsblatt)

La tecnologia per la produzione di idrogeno esiste da decenni. Ma solo ora c’è clamore su di esso. Il cambiamento climatico e la transizione energetica hanno posto l’idrogeno al centro del dibattito sulla futura politica energetica. Alle aziende piace Siemens EnergyThyssen-Krupp e MAN Energy Solutions sperano di generare miliardi di affari, ad esempio con la produzione completa del singolo elettrolizzatore e dei sistemi di produzione di idrogeno.

Ma Claudia Kimfert, un’esperta DIW, ha avvertito di un’eccessiva euforia al primo summit sull’idrogeno di Handelsblatt: “L’idrogeno non è il nuovo petrolio. Avrà solo un ruolo secondario, anche se importante. L’idrogeno è lo champagne per il trasferimento di energia”.

Secondo l’industria, la politica e la scienza, ci sono ancora molti ostacoli sulla strada per l’età d’oro dell’idrogeno con una vera produzione di massa. Le sfide più grandi:

1. Espansione delle energie rinnovabili

In un’era di idrogeno e mobilità elettrica, la domanda di elettricità in Germania potrebbe più che triplicare, secondo il presidente di BASF Brudermüller. Perché per produrre idrogeno verde sono necessari molta acqua, vento e energia solare. Brödermöller e il presidente di BDI Siegfried Rossum hanno affermato che le energie rinnovabili tedesche devono quindi essere ampliate con forza.

Poco è già successo: nel 2020, ad esempio, il governo federale ha aumentato il suo obiettivo di espansione per l’energia eolica offshore al 2030 da 15 gigawatt a 20 gigawatt. Tuttavia, gli obiettivi climatici devono ancora essere inaspriti. “La nuova legge sulla protezione del clima sta spingendo di nuovo il ritmo”, ha detto Rossorm.

Secondo i rappresentanti dell’industria, anche l’infrastruttura di trasporto deve essere notevolmente ampliata – dopotutto, ad esempio, l’elettricità deve essere trasportata dalle strutture offshore nel Mare del Nord alle zone industriali nel sud. Tuttavia, la realizzazione del percorso Sodlink sta facendo progressi lenti.

Christian Bruch in una conversazione con l’editore di Handelsblatt, Kathryn Witch

“Il dibattito richiede più realismo”, spiega DAX Siemens Energy.

(Immagine: Handelsblatt)

Ma anche se i parchi eolici e le reti elettriche dovessero espandersi notevolmente, le capacità della Germania non sarebbero sufficienti. “Non stiamo solo importando carbone o petrolio, ma idrogeno o suoi derivati”, ha affermato Kathryn Reich, presidente di Westenergie e presidente del Consiglio nazionale dell’idrogeno. “Ci sarà una chiara concorrenza tra i siti”, ha affermato Sopna Sury, COO Hydrogen presso RWE Generation.

Sono necessarie partnership di importazione. Ci sono già una serie di iniziative. Ad esempio, la Germania e l’Australia hanno recentemente avviato un progetto di collaborazione volto a mappare tutte le fasi della catena del valore nell’economia dell’idrogeno, dalla produzione dell’idrogeno al suo trasporto e utilizzo. Siemens Energy prevede di creare un impianto pilota in Cile con Porsche.

2. Produzione

Un’altra sfida: i costi devono essere ridotti dal lato del prodotto. “Abbiamo imparato la tecnologia”, ha detto Reimund Neugebauer, presidente dell’Associazione Fraunhofer, al vertice sull’idrogeno. “Ma dobbiamo espanderlo.” L’influenza maggiore è “progetti pilota non in provetta, ma su scala industriale, ad esempio nell’industria siderurgica”.

I singoli impianti per la produzione di idrogeno esistono da molto tempo. Ginepro Ad esempio, il primo analizzatore di idrogeno per elettroforesi è entrato in funzione nel 2013. Tuttavia, come nella maggior parte dei casi in tutto il mondo, questo era solo un sistema sperimentale.

Affinché la produzione diventi più economica, devono accadere due cose: la fabbricazione dell’elettrolizzatore, che è ancora prodotta in una sorta di lavoro manuale, deve essere prodotta in modo che diventi più economica. Siemens Energy, ad esempio, sta attualmente cercando un sito per tale produzione industriale.

Siegfried Rossum in conversazione con il vicedirettore di Handelsblatt Kirsten Ludwig

All’Handelsblatt Hydrogen Summit, il capo della BDI ha chiesto un’accelerazione dell’espansione dell’economia dell’idrogeno.

Inoltre, gli impianti di produzione di idrogeno devono essere più grandi. L’industria è sulla buona strada qui. Di recente, le aziende di tutto il mondo si sono offerte a vicenda per progetti sempre più grandi. Linde ha recentemente annunciato che intende utilizzare il più grande elettrolizzatore al mondo per l’idrogeno su una linea da 24 MW presso il Leona Chemical Complex entro il 2022. Ma questo è lontano dalla fine della storia; Anche i sistemi più grandi sono già allo studio.

3. L’economia

Il terzo problema: tutti parlano di idrogeno, ma quasi nessuno ci guadagna. Il presidente di Siemens Energy, Broche, ha affermato che “non esiste ancora un modello commerciale commerciale” per l’idrogeno verde. I numerosi sussidi governativi sono un “segnale forte”. Ma servono anche investimenti privati ​​che ripagano. Anche la sostenibilità deve avere i suoi costi.

Il presidente della BDI Rossorm si è espresso a favore di un “prezzo fisso dell’anidride carbonica”. Ma quanto dovrebbe essere alto, nessuno vuole mantenerlo al vertice sull’idrogeno.

In Germania, l’onere sulla produzione di idrogeno derivante dalla legge sulle risorse energetiche rinnovabili è importante quasi quanto il prezzo del biossido di carbonio. Più economica è l’elettricità utilizzata per produrre idrogeno, più economica sarà la fonte di energia. La domanda ora è se e come l’elettricità utilizzata per l’elettrolisi dell’idrogeno sarà esentata in tutto o in parte dalle sovrattasse EEG.

L’attuale disegno di legge del Ministero federale dell’economia prevede due casi. Ci dovrebbe essere un’esenzione fiscale completa EEG per la produzione di idrogeno verde. Il prerequisito è utilizzare esclusivamente elettricità da fonti rinnovabili non supportate da EEG.

Quindi questa potrebbe essere elettricità da nuove stazioni al di fuori del sistema EEG, o vecchi impianti che hanno perso la paga EEG dopo 20 anni di funzionamento.

D’altro canto, il regolamento di compensazione speciale EEG dovrebbe essere in grado di applicare la produzione di idrogeno nelle aziende con costi elevati dell’elettricità. Ciò si traduce in una significativa riduzione del costo aggiuntivo EEG. Tuttavia, il capo della BASF, Brudermüller, non pensa che sia sufficiente “scherzare con l’EEG”. Il coraggio è necessario per un “design completamente nuovo del mercato elettrico” per garantire la competitività di questo settore.

Di più: Vertice sull’idrogeno – In che modo il governo federale vuole aiutare le aziende ad alta intensità energetica

READ  Nessun investimento a lungo termine: crollo delle criptovalute con conseguenze: la Bank of America ha perso la metà dei suoi clienti crittografici | newsletter