Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Van der Poel inizia a Poujacar per vincere il round

Sloveno dopo aver resistito solo al quarto tentativo


Matthew van der Poel (Alpecin-Phoenix) ha vinto il 106° Giro delle Fiandre | Foto: Cor Vos

04/03/2022 | (rsn) – In una gara drammatica, Mathieu van der Poel (Alpecin-Phoenix) ha vinto la 106a edizione del Giro delle Fiandre, davanti a Dylan van Barley (Inios Grenadiers) e Valentin Maduas (Grupama-FDG). L’olandese è sbarcato in campo con Tadej Pojakar (UAE – UAE). Ma i due si sono tenuti d’occhio e persino Van Barley e Maddus (Groupama – FDJ) li hanno afferrati poco prima del finale. Mentre Van der Poel ha salvato una vittoria al Tour, Pogacar è stato passato al quarto posto. Stefan Küng (Groupama – FDJ) ha ottenuto il quinto posto, mentre John Degenkolb (DSM) ha ottenuto il diciottesimo posto come miglior tedesco.

Dopo i suoi lunghi problemi alla schiena durante l’inverno, per molto tempo non è stato chiaro se Van der Poel sarebbe tornato in forma in tempo. L’olandese ha festeggiato la sua rimonta appena due settimane fa. “Non posso credere di aver lavorato così duramente per ottenere questa vittoria. All’inizio non era chiaro che sarei mai stato in grado di guidare le Classiche”, ha detto felice Van der Poel.



Van der Poel e Pogacar giocano a poker lungo la casa

Il 27enne ha dimostrato di avere buoni nervi quando ha iniziato la tattica con Pogacar. I due in realtà hanno avuto progressi ragionevoli e poi hanno iniziato a guardarsi l’un l’altro alla maniera dei corridori su pista a velocità di marcia. “Sono venuti da dietro molto rapidamente, quindi ho iniziato a correre presto. È stato sorprendente che Taj fosse impegnato solo con me e non con gli altri. È stato uno shock”, ha spiegato Van der Poel.

L’esperienza maturata negli ultimi anni ha giocato per l’olandese sul lungo house stretch di Oudenaarde. Van der Poel ha accennato alla sua prima vittoria alla Ronde su Wout Van Aert 2020 e alla sconfitta a sorpresa contro Kasper Asgren l’anno scorso: “Mi era chiaro che ero stato in questa situazione per il terzo anno consecutivo”.



Pogacar è stato il più forte a Oude Kwaremont e Paterberg

Questo risultato è particolarmente amaro per Pogacar, poiché lo sloveno è stato infatti la forza determinante della gara. Dopo aver tagliato il traguardo, il 23enne ha colpito le sue manopole frustrato ed è rotolato via senza dire una parola. “Era il più forte oggi e guidava in modo così offensivo. Se avesse vinto, avrei applaudito”, ha detto van der Poel, rendendo omaggio al vincitore del Tour. “Durante le salite principali, Van der Poel era impegnato a trasportare la Pogacar posteriore wheel” su Oude Kwaremont e su Paterberg c’è Tadej [Pogacar] Avvio molto rapido. Ad un certo punto, ho quasi perso il contatto. Ma sapevo di dover bypassare la ruota posteriore, non c’era altra scelta. Ma è stato molto doloroso”, ha ammesso Van der Poel.

READ  Perché Anderson dovrebbe essere utile a FCM: il nuovo arrivato dai Paesi Bassi? | Gli sport

Van Barel e Madwas hanno condotto una gara tatticamente intelligente e, trascurando Van der Poel e Bogakar, sono stati premiati con un podio alla fine. Groupama – FDJ così come Bahrain – Victorious hanno dimostrato un’ottima prestazione di squadra portando due piloti nella top ten e determinando in modo decisivo la finale.

Ecco come è andata la gara:

Dopo le nevicate degli ultimi giorni, il 106° Giro delle Fiandre è iniziato in mattinata al Grote Markt di Anversa tra sole splendente e temperature limpide. Con una lunghezza di 272 chilometri, l’edizione in corso è la decima più lunga nella storia della Spring Classic, con 167 professionisti provenienti da 24 squadre partecipanti questa volta. A causa di diversi casi di Corona, Israele – Premier Tech non è stato in grado di inviare una squadra all’inizio.

Dopo diversi attacchi, il gruppo di oggi si è formato dopo quasi 15 chilometri, con Max Kanter (Movistar) anche lui pilota tedesco. Gli svizzeri Tom Boehle (Cofidis), i belgi Sebastian Grignard (Loto Soudal), Stan Deolph (AG2R Citroen), Matejs Passions (Bingual Bowles Sauce WB) e Lindsey de Felder (Sport Vanderen-Ballorens), l’olandese (Taco Vanderen-Ballos) Intermarché – Wanty – Gobert) così come dal campo gli italiani Manuele Boaro (Astana Qazaqstan) e Luca Mozzato (B&B Hotels – KTM), che dopo una breve resistenza hanno lasciato andare i fuggitivi.

Successivamente, i favoriti Alpecin – Fenix, UAE, Jumbo – Visma e Quick-Step Alpha Vinyl hanno assicurato che il divario tra la classifica e il gruppo rimanesse inferiore a cinque minuti. Quando, dopo 136,5 chilometri, è stato scalato per la prima volta Oude Kwaremont, che ha dovuto salire tre volte in totale, il distacco tra gli inseguitori era di soli quattro minuti a metà gara. Sulla salita di 2,2 chilometri, ripida dell’11 percento e guidata su ciottoli, sono scoppiate le prime battaglie per la posizione in campo. Infine, Bora Hansgrohe ha portato i corridori in cima alla leggendaria salita, all’inizio della tappa montuosa della gara.

READ  Solberg guiderà una Hyundai WRC in Italia


Koch, Van Hooydonk e Garcia Cortina mettono in campo l’azione

Ad Achterberg, terza su 18 piste della giornata, il distacco è stato di meno di quattro minuti per la prima volta da molto tempo, con diverse cadute mentre il ritmo frenetico del campo aumentava. A 100 km dal traguardo, Jonas Koch (Bora – Hansgrohe) ha iniziato l’attacco e poco dopo è stato raggiunto da Nathan van Hooydonk (Jumbo – Visma).

Dieci chilometri dopo, Ivan Garcia Cortina (Movistar) ha avviato un gruppo più ampio di stalker a Berendries, che comprendeva anche il duo Quick-Step Jannik Steimle e Zdenek Stybar, Mick van Dijke (Jumbo – Visma), Alberto Bettiol (EF Education – EasyPost) e Alex era Kirsch, Mads Pedersen (Trek – Segafredo), Gianni Vermeersch (Alpecin – Phoenix), Ben Turner (Inios Grenadiers), Oliver Le Jacques (Groupama – FDJ) e il compagno di cottage Marco Haller sono lì e presto incontreranno il duo.

In campo ora era richiesto l’UAE, che non è riuscito a inserire un pilota in uno dei gruppi di testa, ma ora è affiancato nell’inseguimento di Bahrain Victorious e AG2R Citroen. Sul monte Ten Hute, che ha un’altezza del 21 per cento, Buhle è caduto dal gruppo di testa per 76 chilometri per tagliarlo. Poco dopo, il campo è crollato su questa salita dopo un overdrive del prezioso assistente di Pogacar Matteo Trentin.


Pogacar ha già testato i concorrenti nella seconda corsia di Kwaremont

Un altro gruppo si formò a Canaryberg con Conor Swift (Arkia – Samsik), Tim Wells (Loto Soudal) e Kevin Genets (Groupama – FDJ), che tentò senza successo di seguire Nils Polit (Bora – Hansgrohe). Anche prima del secondo passaggio Oude-Kwaremont, il trio ha incontrato il primo gruppo di inseguitori rimasti a 60 km, a soli 25 secondi dai primi, mentre il divario tra il gruppo era cresciuto di oltre un minuto.

Kanter e Van der Horn si sono dimostrati i corridori più forti del gruppo in fuga a Kwaremont, ma sono stati raggiunti a 55 km dal traguardo. Pogacar è stato responsabile di questo, facendo un lungo attacco che ha sorpreso Van der Poel tra gli altri. Tuttavia, come molti altri piloti, l’olandese è riuscito a recuperare il ritardo quando Pogacar non ha dato seguito al suo attacco.

READ  La strana cabina rossa di Pique: Lewandowski e i protettori volano con un gesto arrogante

Un gruppo di testa di 30 ha affrontato le prime due clip di Batterberg, con Fred Wright (il vincitore del Bahrain) che ha strappato un piccolo gap con Van Barel. Pogacar ha messo alla prova i suoi avversari per la seconda volta su Koppenberg, questa volta Van der Poel ha risposto immediatamente e anche Maduas è stato in grado di seguire il vincitore del Tour. Il campione in carica Kasper Asgren (Quick-Step Alpha Vinyl), invece, è rimasto indietro con un difetto.


Pogacar anche nell’attacco a Taaienberg

A 37 chilometri dalla fine, Pogacar, van der Poel e Madouas am Taaienberg erano la coppia di testa, mentre a circa 40 secondi si inseguivano Jumbo-Visma e Ineos Grenadiers, seguiti da un altro gruppo guidato da Quick-Step. Nel quarto-ultimo turno della giornata, Pogacar ha accelerato di nuovo, ma senza riuscire a far esplodere il pentagramma.

Successivamente, i fuggitivi sono stati in grado di estendere il loro vantaggio sul primo gruppo di inseguitori di oltre un minuto. Il gruppo è rimasto insieme anche a Kruisberg e ha superato gli ultimi 25 chilometri in 1:10 minuti. D’altra parte, gli inseguitori non erano d’accordo prima che Bennott colpisse il gruppo con un attacco. Il belga è stato seguito dal connazionale Dylan Tunisia (Victor Bahrain) e dallo svizzero Stefan Kung (Groupama – FDJ).

A Oude Kwaremont, a 18 chilometri dal traguardo, Pogacar riaccese il turbo e scosse tutti i suoi compagni tranne van der Poel. Il duo sloveno-olandese ha affrontato Batterberg fianco a fianco. Van der Poel ha avuto problemi brevi a soli 360 metri, ma ha registrato una media del 13% di ripide salite acciottolate ed è stato in grado di colmare un piccolo gap nell’ultima difficoltà della giornata con grande difficoltà.

Dopo circa 25 secondi del duo di testa, Madaus e Van Barle hanno superato la vetta di Butterberg. Van der Poel e Bogakar hanno mantenuto questo vantaggio fino all’ultimo chilometro, poiché ci sono stati tentativi di rialzarsi. Maduas e Van Barley sono riusciti a recuperare il ritardo con una distanza di 300 metri. Nello sprint a quattro, Van der Poel è stato il più forte.