Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Vaccinazione corona: l’OMS critica Biontech per la terza dose – “seriamente deludente”

  • perIsabelle Wetzel

    Vicino

Biontech e Pfizer vedono la necessità di una terza vaccinazione contro il Corona. L’Organizzazione Mondiale della Sanità è molto critica nei confronti dei progressi dei produttori di vaccini.

GINEVRA – Secondo i dati del Robert Koch Institute (al 12 luglio 2021), circa il 43 per cento delle persone in Germania è già “completamente vaccinato”. Con la maggior parte dei vaccini corona, così come i vaccini Biontech / Pfizer, ciò significa, secondo il produttore, che dopo le due vaccinazioni forniscono una protezione completa contro Corona virus avere. I test attuali e i dati di laboratorio provenienti da Israele ora danno ai produttori di vaccini motivo di presumere che la protezione svanirà dopo circa sei mesi. Sulla base di questi pochi dati finora disponibili, secondo i produttori Biontech e Pfizer, è probabile che “sarà necessaria una terza dose entro sei-dodici mesi dopo la vaccinazione completa”.

In base a ciò, con la terza vaccinazione è possibile rilevare un numero molto elevato di anticorpi protettivi nel sangue, da cinque a dieci volte di più rispetto alle prime due vaccinazioni. Poiché l’effetto protettivo della vaccinazione Biontech/Pfizer, secondo i dati disponibili, diminuisce generalmente al 64 percento dopo sei mesi, la protezione contro le malattie gravi scende al 90 percento – e quindi rimane relativamente alta – la terza dose viene utilizzata anche come trattamento . La cosiddetta “vaccinazione di richiamo”. Le prime voci della scienza hanno criticato questo tentativo di una terza “vaccinazione di richiamo” come prematura.

I paesi ricchi mettono da parte la pandemia di coronavirus

Soprattutto, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) non vedono ancora una base di dati adeguata per le “vaccinazioni di richiamo”. L’Organizzazione mondiale della sanità è stata citata in un rapporto trasmesso dalla stazione di notizie statunitense CNN, tra le altre cose, una dichiarazione secondo cui sono disponibili solo dati limitati sull’utilità di un richiamo e, in tal caso, su chi. Il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, soprattutto, critica le conseguenze etiche della raccomandazione di un terzo vaccino contro il Corona di Biontech e Pfizer.

READ  Coronavirus: Nuovi timori in Gran Bretagna per l'alternativa indiana

“Non solo è deludente, è seriamente deludente che i paesi con la maggior parte della popolazione già vaccinata stiano ora somministrando la terza dose e stiano passando alla vaccinazione di richiamo mentre altri paesi non hanno iniziato la vaccinazione”, ha affermato il direttore generale. Lunedì 12 luglio 2021 a Ginevra. Secondo Tedros Adhanom Ghebreyesus, i paesi ricchi dove la popolazione può essere vaccinata gradualmente inizieranno a non considerare la pandemia di Covid-19 come un loro problema, “e questo è grave”. Alcuni paesi possono avere l’impressione di avere l’epidemia sotto controllo. Ma il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità avverte: “Non credo che siano lontani dal pericolo, e non credo che lo abbiano sotto controllo”.

Dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità.

© Christian Spieker / Imago

Vaccinazione nella pandemia di corona: non perdere di vista la situazione globale

“Non dovremmo perdere di vista la situazione globale”, ha detto in un’intervista al New York Times la biostatistica Natalie Dean della Emory University di Atlanta: “Trovo difficile immaginare che le persone ricevano una terza dose, mentre ci sono ancora persone in assistenza sanitaria che stanno curando i pazienti Il virus Corona non è immunizzato.” Celine Gunder, virologa presso il Bellevue Hospital Center di New York, ha chiesto: “Se siamo preoccupati per la diffusione delle varianti, la nostra migliore protezione sono i vaccini nel resto da ottenere il mondo davanti” piuttosto che accumulare più vaccini o somministrare terze dosi in Occidente.

L’Organizzazione mondiale della sanità sta quindi esortando i produttori di vaccini Biontech/Pfizer e Moderna a non dare la priorità alla consegna di vaccini ai paesi con una campagna di vaccinazione avanzata, ma a fare tutto il possibile, paesi a basso o medio reddito con una copertura vaccinale molto ridotta.

READ  Affermazione di Biden: revocare i brevetti per i vaccini Corona

Incontro di Pfizer con le autorità statunitensi: sono necessari molti più dati e tempo

Lunedì 12 luglio 2021, i rappresentanti del gigante farmaceutico Pfizer hanno incontrato scienziati e funzionari americani di alto livello della Food and Drug Administration statunitense per promuovere l’approvazione di una terza dose del vaccino Corona. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha dichiarato dopo la riunione che ci vorranno più dati e forse qualche mese in più prima di poter determinare se i vaccini di richiamo sono davvero necessari. Inoltre, la decisione non si basa solo sui dati dello studio del laboratorio, ma devono essere raccolte anche informazioni dalla vita quotidiana nel settore sanitario. Ad esempio, quante persone completamente vaccinate sono gravemente malate del virus Covid-19 e devono essere curate negli ospedali.

È abbastanza possibile prendere una decisione diversa, secondo l’autorità, che la terza vaccinazione con il principio attivo di Biontech / Pfizer sia raccomandata solo per le persone con malattie e immunodeficienze preesistenti. Inoltre, non è ancora certo se la “vaccinazione di richiamo” debba poi essere effettuata con il vaccino originale, o direttamente con una versione del vaccino adattata alla variante delta. Gli scienziati di Biontech e Pfizer stanno già lavorando su questo prodotto. (Ye)