Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Una scoperta importante per la ricerca della vita nello spazio

Aggiornato il 14/09/2022 10:39

  • Le nane rosse sono la stella più comune nella Via Lattea. Finora, gli astronomi hanno conosciuto due classi di pianeti nelle loro vicinanze.
  • Ora i ricercatori hanno identificato un terzo gruppo. Questo può influenzare la ricerca della vita nello spazio.

Altri temi spaziali possono essere trovati qui

Le stelle nane rosse che orbitano attorno al Sole, che sono più piccole e più fredde del nostro Sole, sono di tre diversi tipi pianeti: Quelli con un’atmosfera ampia e densa, pianeti con un contenuto molto elevato di acqua in forma liquida o solida e pianeti rocciosi simili alla Terra. Ciò è dimostrato da un’attenta analisi dei dati d’archivio, in particolare dal telescopio spaziale TESS, da parte di due astrofisici spagnoli. Tutti questi pianeti sono buoni candidati per analizzare le loro atmosfere usando il nuovo telescopio spaziale James Webb, anche per cercare la vita extraterrestre, secondo gli scienziati della rivista. “Scienze”.

Le stelle nane rosse sono di particolare interesse per gli astronomi che cercano pianeti per una serie di motivi: sono il tipo di stella più comune nella nostra Via Lattea. È più facile vedere i pianeti che passano davanti a loro visti dalla Terra che vedere le stelle più grandi. Perché copre una parte più ampia della stella durante un tale “transito” e quindi indebolisce ancora di più la sua luce.

TESS, un telescopio spaziale lanciato dalla NASA nel 2018, è specializzato nella ricerca di un tale indebolimento periodico della luce stellare. Rafael Luc dell’Istituto Andaluso di Astrofisica e Enrique Ballet dell’Università di La Laguna a Tenerife hanno sottoposto a un’analisi dettagliata i pianeti nani rossi scoperti da TESS. I ricercatori si sono concentrati su pianeti non più di quattro volte più grandi della Terra.

READ  Ondata di caldo: l'Europa è in fiamme - Welt

Il Pentagono ha rivelato al Congresso alcune informazioni sull’inspiegabile fenomeno aereo e subacqueo lo scorso giugno. In risposta a una rinnovata richiesta di pubblicare più video di questo tipo, la Marina si sta ora rifiutando.

I ricercatori sono giunti a una conclusione sorprendente

Ricerche precedenti hanno indicato che ci sono due diversi tipi di pianeti in questa regione. Gli astronomi ritengono che mentre i pianeti più piccoli sono pianeti rocciosi simili alla Terra, i pianeti più grandi hanno ampie atmosfere di elio e idrogeno e quindi sembrano più grandi. Tuttavia, per verificare questa conclusione, è necessario conoscere anche la massa dei pianeti e quindi la loro densità.

Questo è esattamente ciò che hanno fatto Luque e Pallé, e nel processo sono incappati nella sorprendente scoperta che non ci sono due, ma tre diversi tipi di pianeti nelle stelle nane rosse.

Sebbene le dimensioni del pianeta possano essere lette direttamente dalla quantità di attenuazione della luce durante il transito, determinarne la massa è complicato. Perché ciò richiede misurazioni accurate del moto della stella nana rossa: in senso stretto, il pianeta non ruota attorno alla sua stella, ma entrambi si muovono attorno al loro baricentro comune, tuttavia, la stella è molto inferiore a causa della sua massa maggiore – questo rende questo movimento più difficile da misurare.

Importante cercare l’esistenza della vita

Tuttavia, per un totale di 34 pianeti vicini alle nane rosse, Luque e Pallé sono stati in grado di trovare misurazioni sufficientemente accurate nell’archivio dati e determinare così la massa e la densità di questi corpi celesti. Oltre ai pianeti rocciosi già noti e ad alcuni di essi con un ampio involucro gassoso, i ricercatori hanno trovato un gran numero di pianeti con densità coerenti con una miscela di circa metà roccia e metà acqua.

READ  Terapia individuale per i lipidi nel sangue

Questi pianeti ricchi d’acqua potrebbero essersi formati più lontano dalla stella – perché c’era più acqua nella fase di formazione – e in seguito essere entrati in orbite più vicine, suggeriscono Lock e Paley. Ciò è supportato anche dal fatto che i pianeti rocciosi puri sono sempre più vicini alla stella rispetto ai pianeti acquatici.

A seconda della distanza di un pianeta dalla sua stella, si possono visualizzare condizioni favorevoli alla vita per tutte e tre le specie. Questo rende tutti questi pianeti bersagli adatti per la ricerca di “biosignature” nelle loro atmosfere, cioè di materiali che indicano la presenza della vita. (Dpa)

Le prime immagini del telescopio spaziale James Webb hanno già superato tutte le aspettative, sebbene il telescopio spaziale Hubble abbia già fissato un soffitto molto alto. Ma quanto sono buone le immagini JWST nel confronto diretto? Potete vederlo nella nostra gallery.