Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Allergia alle punture di insetti: si consiglia cautela, soprattutto in autunno

Foto: Ayupov Evgeniy_stock-adobe.com

Una puntura di vespa è pericolosa per chi soffre di allergie.

Una puntura di vespa è molto dolorosa e spesso porta a gonfiore nel sito della puntura, anche nelle persone non allergiche. Tuttavia, se c’è una certa allergia al veleno degli insetti, le conseguenze sono molto più gravi. In questo caso i sintomi non sono più limitati al luogo del morso, ma, a seconda della loro gravità, portano a gonfiore del viso o problemi al cuore e ai vasi sanguigni, fino ad arresto respiratorio pericoloso per la vita.

Per chi è allergico agli insetti, quindi, sono necessarie precauzioni molto particolari per evitare il più possibile il contatto con insetti pungenti.

Protezione dagli insetti nell’ambiente domestico

L’Associazione tedesca per allergie e asma (DAAB) consiglia alle persone allergiche in casa di tenere le finestre chiuse o installare invece zanzariere. Va notato che la zanzariera assicura che la finestra sia completamente chiusa. Ad esempio, le semplici reti antimosche offrono ancora molte opportunità per la furtività. Ad esempio, una zanzariera rigida per finestre fornisce una maggiore sicurezza poiché la zanzariera è sigillata ermeticamente in un telaio che sigilla completamente i lati. Il dispositivo immobile, ad esempio, permette anche di aprire le finestre per la ventilazione in estate senza rischiare di essere pugnalato.

Consigli per stare lontano da casa

D’altra parte, una prevenzione completa all’esterno è più difficile, perché qui non è possibile una protezione dagli insetti al 100%. Tuttavia, il rischio di punture può essere ridotto. Ad esempio, le persone allergiche non dovrebbero mangiare all’aperto ed evitare prodotti profumati per la cura del corpo per non attirare insetti pungenti con determinati odori. Lavarsi anche le mani e la bocca dopo i pasti. Se si avvicina una vespa o un’ape, si consiglia di mantenere la calma e di spostarsi lentamente in un’area protetta.

READ  Un riferimento all'origine naturale - I ricercatori trovano coronavirus nei pipistrelli - Prove

Nonostante tutte le precauzioni, è opportuno portare sempre con sé un kit di emergenza in modo che in caso di pugnalata si possa reagire immediatamente alle contromisure apprese in precedenza durante l’allenamento. Programmi di formazione appropriati possono essere richiesti, ad esempio, alla compagnia di assicurazione sanitaria competente o al medico di famiglia. Se i sintomi persistono dopo un morso nonostante l’utilizzo di un kit di emergenza, dovresti sempre andare all’ospedale o allo studio medico più vicino.

Desensibilizzazione per ridurre i sintomi allergici potenzialmente letali

Un’allergia da puntura di insetto può limitare gravemente la qualità della vita nella vita di tutti i giorni. Ad esempio, mentre le reazioni allergiche alimentari gravi possono essere prevenute relativamente bene evitando accuratamente determinati alimenti, non è facile evitare di incontrare insetti che pungono all’aperto. Qualsiasi soggiorno all’aperto può diventare scoraggiante una volta che vespe o api compaiono nelle immediate vicinanze.

Per le persone colpite, la desensibilizzazione o la cosiddetta immunoterapia specifica (SIT) fornisce un modo per ridurre il rischio. Piccole quantità di pesticida vengono somministrate per iniezione a intervalli. Il sistema immunitario si abitua a ridurre le dosi di veleno nel tempo e la reazione al veleno dell’insetto è corrispondentemente minore. Il trattamento dura dai tre ai cinque anni. Dal momento in cui le misure protettive in patria e all’estero possono essere gradualmente ridotte, il medico curante può essere discusso durante il trattamento.