Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Una rivoluzione nelle maschere corona: questo paradenti può rilevare SARS-CoV-2

Ecco come appare il prototipo della maschera sviluppata negli Stati Uniti, che si dice abbia un tester corona integrato.

© Phyllis Frankel e MIT News Desk

Affidabile come un test della reazione a catena della polimerasi (PCR): i ricercatori di Harvard hanno sviluppato una nuova maschera che può utilizzare un sensore per rilevare il Cov-2 nella respirazione

BOSTON – Una maschera protettiva e test regolari e completi per il coronavirus SARS-CoV-2 sono componenti chiave nella lotta contro il coronavirus. Corona*-Epidemia. I ricercatori dell’Università di Harvard a Boston e del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno combinato questi due elementi costitutivi del controllo dell’epidemia e hanno progettato una maschera corona in grado di rilevare Sars-Cov-2 direttamente nell’aria con l’aiuto di un sensore integrato. E questo dovrebbe funzionare in modo particolarmente rapido e semplice. Tuttavia, ci vorrà del tempo prima che la maschera sia pronta per l’uso quotidiano.

I ricercatori spiegano come funziona la nuova maschera Corona: “Il virus si accumula all’interno delle maschere a causa della tosse, del parlare o della respirazione normale”. A tale scopo, nella maschera sono integrati biosensori appositamente sviluppati, in grado di rilevare virus, batteri e tossine. Scienziati di Harvard e del MIT hanno presentato i risultati delle loro indagini alla fine di giugno (28 giugno 2021) in Biotecnologie naturali Nature il petto.

Una rivoluzione nella lotta alle epidemie? Una nuova maschera protettiva contro il corona

I biosensori incorporati nel tessuto in grado di rilevare virus, batteri e tossine si basano sulla modifica a forbice del gene CRISPR/Cas9. Le sequenze CRISPR sono regioni del genoma dei batteri che si ripetono più e più volte. Insieme all’enzima (Cas9), queste sequenze consentono quasi ogni manipolazione del materiale genetico. Il team di ricerca di Peter Nguyen ha utilizzato questa tecnologia per sviluppare nuovi biosensori. I ricercatori del MIT hanno inizialmente sviluppato un test cartaceo in grado di rilevare i virus Ebola e Zika. La tecnologia di questi test è servita come base per nuovi biosensori.

Gli scienziati spiegano come funziona la maschera di prova: un sensore integrato che rileva i virus nello stesso indossatore della maschera. Con la semplice pressione di un pulsante, può aprire un serbatoio dell’acqua e iniziare i test.

© Fornito da ricercatori/MIT

Maschera corona come test corona: risultato affidabile dopo 90 minuti

Uno dei coautori dello studio, Louis Swinksen del Massachusetts Institute of Technology, ha dichiarato alla rivista Fast Company che una delle principali speranze per questa tecnologia è incoraggiare più persone a sottoporsi a regolari test del coronavirus. In questo modo è più facile e veloce identificare le catene di infezione e interromperle. “Fondamentalmente devi indossare una maschera in un modo o nell’altro. Allora perché non indossare una maschera e testarla allo stesso tempo? A questo scopo, non è più necessario prelevare campioni dal rinofaringe con un bastoncino, come nel caso con un tradizionale test PCR.

READ  Sette ore ottimali: la mancanza di sonno aumenta il rischio di demenza nella vecchiaia

La cosa migliore è che la nuova Aura Test Mask unirà i migliori ingredienti delle precedenti opzioni di test in un modo. Secondo i test preliminari di laboratorio, il nuovo biosensore è accurato quanto il test PCR, ma fornisce un risultato molto più rapido. Sono necessarie solo circa 1,5 ore dall’attivazione del sensore della maschera facciale alla lettura finale. Spiegazione dei ricercatori. Rispetto ai test antigenici rapidi, il biosensore è leggermente più lento, ma più accurato. Inoltre, l’applicazione è facile e divertente e chiunque può usarla Si può fare a casa come autotest, senza sbagliare molto الكثير*.

Una rivoluzione nelle mascherine Corona: chiunque può semplicemente fare il test a casa

Secondo gli scienziati, il sensore pesa solo tre grammi, quindi la nuova maschera facciale non differirà molto dai modelli tradizionali. L’unica cosa visibile dall’esterno è un pulsante sulla maschera che chi lo indossa può utilizzare per avviare il processo di test. Dopo circa 30 minuti di utilizzo, poiché i potenziali virus si accumulano nella maschera, chi lo indossa preme questo pulsante. Questo rilascia un fluido che attiva il sensore. Se il respiro raccolto contiene virus a RNA di Sars-Cov-2, la maschera lo mostra a colori.

Roman Wohlfel, capo dell’Istituto di microbiologia della Bundeswehr di Monaco, che non è stato coinvolto nello studio, vede enormi ostacoli nella portabilità della maschera di prova nella vita di tutti i giorni. Dal suo punto di vista, i risultati dello studio hanno mostrato soprattutto che un tale test utilizzando il respiro è sostanzialmente possibile. Tuttavia, poiché alcuni agenti dirompenti possono ancora interferire con il processo nella vita di tutti i giorni rispetto al laboratorio, i risultati potrebbero effettivamente essere distorti e meno affidabili.

READ  Nuovi sintomi della variante delta: ecco cosa hanno riferito le persone colpite

Inoltre, si ritiene che l’idea di indossare una maschera Corona bagnata per un’ora e mezza sia scomoda e poco pratica. Wölfel suggerisce che inizialmente le maschere possono essere utilizzate solo come sostituto di un tampone, in modo che il virus possa essere rilevato utilizzando i test di laboratorio convenzionali. “I dischi filtranti rimovibili incorporati nelle maschere possono essere testati per Sars-Cov-2 – o altri agenti patogeni – in laboratorio o sul campo utilizzando metodi convenzionali”. (Io noi) * hna.de è un’offerta di IPPEN.MEDIA.