Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un tappeto di Sargassum largo 8.000 km va alla deriva verso la costa americana

Un tappeto di Sargassum largo 8.000 km va alla deriva verso la costa americana

Milioni di tonnellate di alghe brune si riversano al largo delle coste intorno ai Caraibi e al Golfo del Messico. Il problema sembra peggiorare ogni anno.

Le immagini satellitari non fanno ben sperare: nel marzo 2023 circa 20 milioni di tonnellate di alghe brune andranno alla deriva verso le coste dei Caraibi, della Florida e del Messico. La cintura di alghe si estende in realtà per oltre 8.000 chilometri attraverso l’Oceano Atlantico.

Il primo tappeto
Sargasso
– Le alghe brune sono già arrivate a riva – insolitamente all’inizio dell’anno. È probabile che il 2023 sarà un altro anno con una forte fioritura di alghe brune, scrivono gli scienziati guidati da Chuanmin Ho della University of South Florida nel “Sargassum Outlook”.

galleggiante
Sargasso
– I tappeti sono una parte naturale dell’Oceano Atlantico e forniscono cibo e riparo a molti animali in alto mare. Tuttavia, dal 2011, questi tappeti si sono espansi in modo significativo, estendendosi regolarmente per migliaia di chilometri dalla costa dell’Africa occidentale al Brasile e al Venezuela, fino ai Caraibi e al Golfo del Messico.

Le alghe marciscono sulla terra – rilasciano idrogeno solforato

L’anno 2023 potrebbe stabilire un nuovo record: da novembre a gennaio, l’area di fioritura è raddoppiata ogni mese. Nonostante lievi diminuzioni durante il mese di febbraio, questo intervallo corrisponde ancora al tratto dalla costa orientale alla costa occidentale degli Stati Uniti.

In alto mare, le bolle d’aria intrappolate assicurano il galleggiamento delle alghe. Sulla Terra, però, si decompone rapidamente, rilasciando grandi quantità di idrogeno solforato: un gas tossico che puzza di uova marce.

La distribuzione e l’espansione delle alghe brune è soggetta a ritmi stagionali, con più alghe brune ora nell’acqua durante l’effettivo punto basso del ciclo rispetto a prima del 2011 al picco di distribuzione. Finora, il 2018 e il 2022 hanno visto nuovi record.

READ  "Scoperta connessione sconosciuta": il virus dell'herpes può causare il cancro

Il fertilizzante entra in mare attraverso l’Amazzonia

Gli scienziati non sanno ancora cosa causi il massiccio aumento delle fioriture di alghe brune.
Uno studio del 2019 suggerisce un legame con la dilagante deforestazione in Amazzonia e l’aumento dell’agricoltura lì
.

Grandi quantità di fertilizzante sparso su aree deforestate per i campi di soia appena piantati raggiungono il mare attraverso l’Amazzonia. Lì, i nutrienti innescano la crescita delle alghe e danno regolarmente origine a nuove fioriture.

L’Oceano Atlantico potrebbe aver raggiunto un punto critico nel 2011: i fattori che in precedenza tenevano le alghe brune fuori dall’oceano tropicale ora giocano solo un ruolo nell’influenzare le dimensioni del tappeto, come quando la superficie del mare diventa troppo calda per le alghe o quando le acque si alzano al largo I sedimenti dell’Africa e dell’Amazzonia apportano pochi nutrienti. Nella situazione odierna, i ricercatori temono, forme di
Sargasso
– Venere è parte integrante dell’oceano.

Questa è una cattiva notizia per i paesi caraibici che dipendono in gran parte dal turismo: devono spendere un sacco di soldi per ripulire montagne alla deriva di alghe puzzolenti e allo stesso tempo perdere i turisti che li rimandano.