Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un passeggero di Bootelborn tra i cortili

Andrea Marches trova la strada dall’Italia meridionale all’Assia meridionale attraverso i cavalli ed è un frequente punto fermo dei tornei a Darmstadt-Kranichstein.

Andrea Marchis di RG Büttelborn durante un salto a Kranichstein su “Menzo de Toxandria”, per il quale l’italiano aveva anche gol in nazionale.
(Immagine: Peter Heinrich)

Darmstadt – Il suo quinto incarico quest’anno è stato all’Hofgut Kranichstein, il quinto giorno di fila del torneo, il 20 ° round dell’apertura di primavera. Andrea Marchis avrebbe potuto averne abbastanza dello stesso ambiente più e più volte? Ma: “Non ci annoiamo qui, ci sono sempre nuovi salti e missioni. È un grande torneo, mi piace sempre andare a cavallo qui”.

E questo è vicino a casa. Anche con un camion a pieno carico, il 26enne italiano non ha bisogno della mezz’ora di Bonnehof Butelborn, dove si allena e lavora. Attualmente ci sono anche 15 cavalli che allena e con cui commercia. Come la maggior parte dei motociclisti professionisti, che sono quindi grati per lo spettacolo di Darmstadt. Un grande palcoscenico per raccogliere pratiche e risultati di competizione con i cavalli e renderli divertenti per un mercato redditizio.

Per un passeggero c’è sempre un lato bilaterale. Perché vuole avere successo da solo, ma deve anche pensare al proprio budget e continuare a rinunciare ai buoni cavalli. “Per noi i tornei sono un’affermazione del lavoro svolto in casa, della posta in gioco e dell’investimento sui cavalli”, dice Marchis, che era un fantino frequente tra i 334 partecipanti all’apertura di primavera con otto cavalli. “È faticoso. Ma te ne accorgi davvero solo quando ti siedi sul divano la sera.”

Ha vinto un premio M * saltando su “Cotino”, ma ha visto il bambino di nove anni “E-Up” e “Menzo de Toxandria”, che aveva completato la sua prima Classe S a Kranichten, sulla sua strada per affrontare la nazionale Le sfide stavano trovando una svolta per i marchigiani. Fu venduto dal vincitore del premio delle Nazioni Unite Sven Schlosselburg a un giovane cavaliere che, dopo problemi con l’eunuco, acquistò un altro cavallo dalle Marche, che a sua volta addestrò l’animale – con successo.

“Questo è il 50 per cento di fortuna, ma è anche un buon occhio, molto impegno e lavoro”, spiega Marchis, che ha risvegliato la sua passione per i cavalli di suo nonno in Puglia. “Da giovane sono andato nel Nord Italia e quando avevo 14 anni ho deciso di fare dei cavalli il mio lavoro”. All’età di 18 anni, Emmanuel Godiano è stato nominato il miglior corridore italiano dell’epoca – alla Butelborn Ponies Farm. Senza alcuna conoscenza della lingua tedesca, iniziò il viaggio straordinario nello sport equestre, che lo riportò a Bottelborn passando per Babenhausen, Bischofsheim, Wiesbaden e di nuovo in Italia.

Tre vittorie per Krause Maximilian

Maximilian Krauss è stato il partecipante di maggior successo dell’apertura primaverile di Hofgut Kranichstein. Lo spettacolo di RFV Groß-Zimmer ha vinto due classi in “Elaiza” e la classe M * in “Baloue’s Girl”. Il compagno di squadra Jens Christ ha battuto “Tamina” in un test di salto in due fasi per Junior Horses (Livello L).

Matthias Baum, che corre con RG Büttelborn, ha vinto la classe M * in “Catch me” con Antonia Kircher (RuF Pfungstadt) terza in “Aleqs”. Nella categoria M **, Philip Brodhecker (RFV Wolfskehlen) è arrivato secondo su “Chilano Blue”. Jörg Oppermann (RFV Elz) ha vinto le due categorie avanzate (S) nei cinque giorni di “Quin-Ba-Lu” e “Olymp”. L’americana Diana Livingston (RV Heimkirchen) ha dominato due abiti S * in “Schoko Prinz”, Ricarda Franziska Peukert (PSC Erbes-Büdesheim) ha vinto il St. George’s Prize per il “Golden Gate”.

Dopo che Gaudiano si è trasferito nelle vicinanze di Bonn, Marchese ha gestito la bancarella con la sua ragazza, che è la figlia del proprietario della fattoria, per quasi due anni – ora in un tedesco esemplare. Sebbene gli manchi la leggerezza italiana, apprezza la precisione e la professionalità tedesca. Ulteriore sviluppo della struttura, cavalli e abilità individuali sono gli obiettivi principali.

La fattoria e i cavalli sono sopravvissuti al virus mortale dell’herpes. Il divieto ai tornei è costato opportunità di avvio internazionale. Ora il marchese ha nel mirino i campionati in Olanda, Belgio e Repubblica Ceca. “Se veniamo presi, perché dopo le pause ovviamente c’è una grande corsa”. Tuttavia, per il prossimo fine settimana, l’uso del ciclo è assicurato. Quindi viaggia di nuovo in camion dei cavalli tra Bonnehoff-Bottelborn e Hofgut Kranichstein.

READ  Bayern Monaco: i file Boateng - svelati nuovi dettagli! Il caos raggiunge un nuovo livello