Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un cenno al passato di Benno.

Un cenno al passato di Benno.

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Un piccolo campione di materiale proveniente dall’asteroide Bennu. I ricercatori possono già lavorare sul materiale, anche se ce n’è ancora nel contenitore. (Foto d’archivio) © IMAGO/Trustees London/Cover Images

Un campione di terreno dell’asteroide Bennu contiene tracce sorprendenti che potrebbero indicare un passato che i ricercatori non avevano ancora sospettato.

Washington, DC – Nell’autunno del 2023, la sonda spaziale Osiris-Rex della NASA è riuscita a riportare in sicurezza sulla Terra campioni di roccia provenienti dall’asteroide Bennu. Diversi mesi fa, la roccia dell’asteroide, che era sopravvissuta entrando indenne nell’atmosfera terrestre, è stata analizzata da un gruppo di ricerca guidato da Dante Lauretta, il ricercatore principale della missione Osiris-Rex della NASA. I ricercatori hanno fatto una scoperta inaspettata nella roccia di Bennu.

Oltre agli “ingredienti” fondamentali della composizione del nostro sistema solare (carbonio, azoto e composti organici), il campione di terreno dell’asteroide contiene anche magnesio e fosfato di sodio. Questo elemento ha rappresentato una sorpresa per il gruppo di ricerca, poiché i dati di telerilevamento raccolti dalla navicella spaziale su Bennu non avevano precedentemente fornito alcuna indicazione in merito. Il gruppo di ricerca interpreta la presenza di fosfato di sodio e di magnesio come prova dell’origine dell’asteroide.

L’asteroide Bennu potrebbe aver fatto parte del mondo oceanico

Loretta spiega in uno avviso NASA: “La presenza e lo stato del fosfato così come di altri elementi e composti su Bennu indicano un passato acquoso per l’asteroide”. E aggiunge: “Bennu potrebbe aver fatto parte di un mondo più umido, tuttavia questa ipotesi necessita ancora di ulteriori indagini”. Nella rivista specializzata Meteoriti e scienza planetaria pubblicato.

Jason Dworkin, scienziato del progetto della missione e coautore dello studio, è entusiasta: “OSIRIS-REx ci ha dato esattamente quello che speravamo: un grande campione dell’asteroide originale ricco di azoto e carbonio e proveniente da un mondo precedentemente umido”. L’analisi continua dei campioni di asteroidi sta fornendo al gruppo di ricerca ulteriori informazioni sulla composizione dell’asteroide.

READ  Il ricercatore sull'invecchiamento avanzato elenca sette fonti di routine giovanili

La missione Osiris-Rex della NASA trasporta campioni di roccia dall’asteroide Bennu

Il campione conteneva principalmente minerali argillosi, soprattutto serpentino. Questo tipo di roccia si trova sulla Terra nelle dorsali medio-oceaniche, dove il materiale del mantello terrestre incontra l’acqua. Questa reazione porta alla formazione di argilla e di una varietà di minerali come carbonati, ossidi di ferro e solfuri di ferro. Ma la scoperta più notevole è stata la presenza di fosfato solubile in acqua. Questi composti sono i componenti biochimici di tutta la vita conosciuta oggi sulla Terra.

Loretta ne è convinta: “Il campione che abbiamo riportato da Bennu è il più grande serbatoio di materiale asteroidale inalterato attualmente sulla Terra”. La composizione del campione consente agli scienziati di guardare indietro agli inizi del sistema solare più di 4,5 miliardi di anni fa. Il materiale dell’asteroide ha mantenuto il suo stato originale e non si è sciolto o solidificato dal momento della sua formazione, il che è un vero tesoro per la ricerca che probabilmente produrrà ulteriori studi su Bennu nei prossimi anni. (fattura non pagata)