Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un buco nero emette materia nello spazio: i ricercatori riescono a fotografarlo

Un buco nero emette materia nello spazio: i ricercatori riescono a fotografarlo

  1. Pagina iniziale
  2. sapere

creatura:

da: Stendardo Tanya

Rappresentazione artistica: il massiccio getto del buco nero M87* che sale dal centro. © S. Dagnello (NRAO/AUI/NSF)

Molti buchi neri supermassicci espellono materia nello spazio. Ora, per la prima volta, i ricercatori sono riusciti a registrare contemporaneamente la regione attorno al buco nero e i getti di materia.

I buchi neri di Bonn sono misteriosi corpi celesti. La sua straordinaria attrattiva allontana tutti coloro che le si avvicinano. La materia in orbita attorno a un buco nero attivo sul cosiddetto disco di accrescimento si riscalda, si illumina e viene gradualmente inghiottita dal mostruoso corpo celeste. Alcuni buchi neri lanciano anche nello spazio quello che viene chiamato un getto, un flusso di materia che si muove quasi alla velocità della luce.

Il modo in cui i buchi neri creano questi getti, che si estendono ben oltre la loro galassia, rimane un mistero. Ru-Sen Lu dell’Osservatorio Astronomico di Shanghai in Cina dice in uno comunicazione. Ma ancora non comprendiamo appieno come ciò avvenga effettivamente. Per uno studio diretto, dobbiamo osservare l’origine del getto il più vicino possibile al buco nero».

Il buco nero M87* emette un flusso di materia nello spazio

La nuova registrazione potrebbe aiutare i ricercatori a rintracciare questo fenomeno. Un gruppo di ricerca ha utilizzato il Global Millimeter VLBI Array (GMVA), un gruppo di radiotelescopi che si combinano per formare un telescopio che attraversa la Terra, per visualizzare il buco nero M87* e il suo getto. M87* si trova a circa 55 milioni di anni luce dalla Terra e 6,5 miliardi di volte la massa del nostro Sole. Come la maggior parte dei buchi neri supermassicci, si trova al centro della galassia. M87* potrebbe essere uno dei buchi neri più famosi, in quanto è il campione da cui è stata pubblicata la prima immagine di un buco nero nel 2019.

READ  Scoperta una supernova di tipo III - la prima osservazione di una supernova che cattura gli elettroni chiarisce anche l'origine della Nebulosa del Granchio
Questa immagine mostra per la prima volta contemporaneamente il deflusso e l'ombra del buco nero al centro di M87.  Questa immagine fornisce agli scienziati la struttura di cui hanno bisogno per capire come si formano potenti getti.
Questa immagine mostra per la prima volta contemporaneamente il deflusso e l’ombra del buco nero al centro di M87. Questa immagine fornisce agli scienziati la struttura di cui hanno bisogno per capire come si formano potenti getti. © R.-S. Lu (SHAO), E. Ros (MPIfR), S. Dagnello (NRAO/AUI/NSF)

L’immagine del 2019 mostra la regione attorno al buco nero, inclusa la sua ombra sul disco di accrescimento. La nuova immagine mostra ancora di più: non solo si può vedere la regione attorno al buco nero, ma anche il getto da cui emette M87*. “Questa nuova immagine completa il quadro mostrando contemporaneamente la regione intorno al buco nero e il getto”, afferma Jae-Yong Kim del Max Planck Institute for Radio Astronomy (MPIfR) di Bonn.

bollettino satellitare

Iscriviti alla newsletter dello spazio gratuito e rimani informato.

Gli scienziati studiano i buchi neri in un modo nuovo

“L’anello grande e spesso che vediamo ora può essere spiegato dal gas che cade nel buco nero”, spiega Lu. “La radiazione osservata consente una migliore comprensione dei processi fisici nelle immediate vicinanze del buco nero e dell’interazione tra l’accrescimento e la generazione del getto”, aggiunge. Il metodo utilizzato per catturare l’immagine non è nuovo: diversi grandi radiotelescopi in tutto il mondo sono stati collegati tra loro utilizzando l’interferometria a base lunga (VLBI) per formare un grande telescopio terrestre. Anche la prima immagine del buco nero è stata scattata con una tecnica simile.

“Grazie alle capacità di imaging notevolmente migliorate di GMVA, stiamo acquisendo nuove informazioni sui processi fisici coinvolti nella generazione di getti”, afferma Thomas Krichbaum di MPIfR. comunicazione. Puoi vedere il getto emergere dall’anello di emissione attorno al buco nero. La ricerca è stata fatta nel diario natura pubblicato.

Solo di recente i ricercatori Un buco nero con più di 30 miliardi di masse solari così come quello Il più antico buco nero conosciuto Scoprire. (fattura non pagata)

READ  Nuovi piccoli caricatori USB-C fino a 65W