Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il succo: nessuna antenna radar significativa è stata dispiegata sulla navicella spaziale europea Jupiter

Il succo: nessuna antenna radar significativa è stata dispiegata sulla navicella spaziale europea Jupiter

Due settimane dopo il successo del lancio della sonda europea Jupiter Juice e poco dopo aver ricevuto i primi dati di misurazione sulla Terra, si è verificato un problema con Jupiter Ice Explorer. L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha annunciato venerdì che un’antenna radar dedicata a penetrare nel ghiaccio delle lune di Giove non è stata ancora dispiegata come previsto. Nella prima settimana di tentativi di far funzionare l’Icy Moon Reconnaissance Radar (Rime) di 16 metri, il dispositivo non si era ancora staccato dal suo supporto. L’ipotesi più plausibile al momento è che “un piccolo spillo incastrato” stia impedendo il rilascio dell’antenna.

“I lavori per l’apertura del radar continuano”, conferma l’Agenzia spaziale europea. I team del Mission Control Center di Darmstadt, insieme a partner della scienza e dell’industria, “hanno molte idee nella manica”. Ogni giorno, l’antenna di Rime mostra più segni di movimento, come si vede nelle immagini della telecamera di sorveglianza Juice della navicella, che mostrano una vista parziale del radar e della sua base di montaggio. Lo strumento è ora parzialmente esteso, ma si è aperto solo per un terzo della sua lunghezza prevista. Se l’ipotesi principale è corretta, un movimento di pochi millimetri può essere sufficiente per rivelare il resto dell’antenna.

L’agenzia spaziale è ottimista: “Ci sono ancora varie opzioni per rimuovere lo strumento critico dalla sua posizione attuale”. “I prossimi passi per dispiegare completamente l’antenna includono l’accensione di un motore per far oscillare un po’ il veicolo spaziale.” “Una serie di cicli che faranno girare il succo e riscalderanno la montatura e il radar” è poi seguita come previsto. Sono entrambi attualmente all’ombra fredda. Rime può quindi studiare la struttura della superficie e del sottosuolo delle lune ghiacciate di Giove Europa, Callisto e Ganimede a una profondità di 9 chilometri. È uno dei dieci strumenti a bordo della sonda progettati per studiare la formazione di mondi abitabili attorno ai giganti gassosi e al nostro sistema solare.

READ  Galaxy Z Fold 4 e Z Flip 4: Samsung Galaxy Unpacked che si terrà il 10 agosto

A due mesi dal lancio pianificato, i team sul campo hanno ancora del tempo per superare le difficoltà incontrate con la distribuzione di Rime e continuare a lavorare sul resto dei potenti strumenti. Juice non raggiungerà il pianeta gigante fino al 2031. Il modo per arrivarci prevede una deviazione, che coinvolge il volo intorno alla Terra e alla Luna e Venere usando la gravità. I ricercatori ipotizzano che le lune da esaminare possano ospitare oceani sotterranei e possibilmente vita. Le prove corrispondenti sono uno degli obiettivi principali della missione, che ha un costo di circa 1,6 miliardi di euro.

Dopo il successo del dispiegamento e della messa in servizio delle celle solari mission-critical da 85 metri quadrati, di un’altra antenna centrale e del braccio del magnetometro lungo 10,6 metri, “Juice mostra prestazioni altrimenti eccellenti”, l’ESA è soddisfatta. Il pubblico sarà tenuto informato di ulteriori sviluppi.


(io)

alla pagina iniziale