Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Turn BfR: L’assunzione di vitamina D può aiutare a combattere il Covid-19?

Getty Images

Secondo il Federal Institute for Risk Research, la vitamina D potrebbe essere un modo per contenere la pandemia Corona

I ricercatori rimangono cauti poiché il caso di studio è ancora inadeguato. Tuttavia, riconosci che la vitamina D è benefica per alcuni gruppi di persone.

Gli scienziati irlandesi avevano precedentemente assegnato alla vitamina D un ruolo importante nella lotta contro l’epidemia.

Secondo il Federal Institute for Risk Assessment (BfR), la vitamina D può ora avere un effetto sulla malattia Covid-19, che deriva dalla comunicazione. È stato pubblicato dall’istituto il 14 maggio. “Ci sono prove che la mancanza di vitamina D nel siero del sangue è associata ad un aumentato rischio di sviluppare infezioni respiratorie acute. Ciò include anche la malattia di Covid 19”, dice.

Secondo un rapporto di Norddeutscher Rundfunk (NDR), l’istituto ha negato tale contatto per diversi mesi. Ora arriva il turno, anche se esitante. “Alcuni studi osservazionali e di intervento indicano che l’assunzione di integratori di vitamina D può avere un effetto positivo sul decorso della malattia di Covid-19”, afferma il comunicato.

D’altra parte, altri scienziati sono stati più chiari sulla somministrazione della vitamina D come strumento efficace per combattere il virus. In Irlanda, ad esempio, secondo il rapporto NDR, gli esperti hanno invitato i loro governi ad aprile a fornire a tutti gli adulti integratori di vitamina D, anche per contenere la pandemia Corona. Perché la carenza di vitamina D aumenta il rischio di malattie gravi con COVID-19. Il rapporto aggiunge che anche i membri del “Comitato congiunto per la salute” sono convinti che la vitamina D svolga un ruolo importante nella lotta contro il virus.

Gli studi non sono sufficienti

D’altra parte, BfR considera il caso di studio insufficiente per derivare una reale relazione causa-effetto e indica che il beneficio dei preparati di vitamina D per le persone con uno stato di vitamina D adeguato non è stato dimostrato. Tuttavia, nei mesi invernali, l’assunzione di vitamina D può essere utile per alcune persone. “L’uso di integratori alimentari può essere particolarmente vantaggioso per le persone che appartengono a un gruppo a rischio a causa dell’insufficiente apporto di vitamina D.” Si legge nel comunicato.

Secondo il BfR, questi includono persone che sono a malapena o per niente all’aperto o – per ragioni culturali o religiose, ad esempio – escono solo con il corpo completamente coperto. Inoltre, le persone dalla pelle scura sono tra i gruppi a rischio, poiché il contenuto più elevato di melanina nella pelle significa che possono produrre meno vitamina D rispetto alle persone con la pelle più chiara. Gli anziani possono essere un altro importante gruppo a rischio, perché la formazione di vitamina D diminuisce drasticamente con l’età e rimangono all’interno più spesso a causa di limitazioni fisiche.

La carenza di vitamina D è particolarmente comune tra i residenti delle case di cura. “Quindi per questo gruppo a rischio dovrebbero essere presi in considerazione integratori generali di vitamina D di 20 microgrammi al giorno”.

Gli esperti tedeschi vedono un effetto positivo sulla traiettoria del Covid-19

Secondo il rapporto NDR, esperti in Germania hanno già confermato che la vitamina D ha un effetto positivo sulla via COVID-19. Ad esempio, la valutazione del gruppo di specialisti COVRIIN, composto da medici di terapia intensiva senior, infettologi, medici di emergenza e consulenti del Robert Koch Institute (RKI) è stata: “La carenza di vitamina A è associata a un aumento del rischio di infezione . Può anche essere associato un rischio più elevato di sviluppare malattie. Tra le altre cose, una carenza acuta di vitamina D “.

Secondo il rapporto, la European Society of Clinical Nutrition and Metabolism (ESPEN) raccomanda una terapia alternativa per tutti i pazienti con carenza di vitamina D comprovata o altamente probabile e un aumentato rischio di gravi cicli di Covid-19.

Telefono

Leggi anche

READ  I virus del raffreddore proteggono dal virus corona?