Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Turingia: l’ondata di chiusura raggiunge la prossima compagnia!

Turingia: l’ondata di chiusura raggiunge la prossima compagnia!

L’economia della Turingia vacilla: nello Stato libero muoiono una dopo l’altra aziende. Tuttavia, la chiusura di questo stabilimento è stata una grande sorpresa. Allo stesso tempo ciò significa la fine di circa 300 dipendenti. Adesso anche il ministro dell’Economia Tevinci ha cominciato a intervenire e vuole parlare con la proprietà dell’azienda.

Puoi leggere qui di quale azienda stai parlando e perché probabilmente non c’è più.

Turingia: chiusura al massimo entro 15 mesi

La zona industriale nei pressi di Erfurter Cruise non è solo la più grande, ma anche una delle zone commerciali più importanti di tutta la Turingia. Qui si sono stabilite grandi aziende high-tech come “CATL” e “N3 Engine Overhaul Services”. Secondo l’Agenzia statale per lo sviluppo della Turingia, nel parco industriale si trovano circa 110 aziende che danno lavoro a circa 12.000 persone. Ma ora qualcuno cede e le conseguenze potrebbero essere fatali.

+++Turingia: la prossima azienda tradizionale in difficoltà: i dipendenti dovrebbero tremare +++

Come riportato da MDR venerdì (19 aprile), un importante fornitore di automobili vuole chiudere la sua fabbrica. Il fornitore di automobili IHI Charging Systems International (ICSI) di Ichtershausen dovrà chiudere i battenti tra 12 e 15 mesi, ha dichiarato il direttore dello stabilimento Christian Geist in un’intervista al canale di notizie. Ma fino ad allora le operazioni dovrebbero continuare normalmente.

Un viaggio in Giappone per andare a fondo del lockdown

L’azienda in realtà viene dal Giappone e produce principalmente turbocompressori per automobili. In precedenza aveva la sua sede tedesca a Heidelberg, nel Baden-Württemberg, prima di trasferirsi a Echtershausen in Turingia nel 2019. Il trasferimento ha dato i suoi frutti per il Libero Stato in quel periodo, con la creazione di circa 300 nuovi posti di lavoro. Ma forse per ora se ne sono andati.

READ  Alta inflazione: esperto di metalli preziosi: il prezzo dell'oro potrebbe raggiungere un nuovo record entro la fine dell'anno | newsletter

Più notizie:


Questa notizia sorprende anche il ministro dell’Economia Wolfgang Tiefensee. Il ministro desidera quindi recarsi in Giappone sabato (20 aprile) e parlare con l’azienda, poiché la chiusura della fabbrica avrebbe gravi conseguenze per lo Stato libero. Anche se attualmente la domanda complessiva di turbocompressori è molto buona, per lo stabilimento della Turingia le cose vanno male. Tevensi spera che il viaggio non si limiti a scoprire le ragioni della chiusura. Anche lo Stato della Turingia è pronto a sviluppare concetti di continuazione o successore.