Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Tunisia: soldati circondano il parlamento

in un Tunisia La situazione è tesa dopo l’indebolimento del premier Hisham Michi. Lunedì le forze di sicurezza hanno circondato il parlamento a Tunisi. I manifestanti arrabbiati sono andati lì e hanno chiesto l’ingresso. Alcuni hanno cercato di scalare il cancello. Al Jazeera ha riferito che la polizia ha fatto irruzione nell’ufficio della stazione nella capitale tunisina.

In precedenza, il presidente Kais Saied aveva Il primo ministro Michichi ha licenziato لق Il Parlamento è stato sospeso per i primi 30 giorni. Inoltre, l’immunità di tutti i parlamentari sarà revocata, ha annunciato Saeed domenica sera dopo un incontro con i rappresentanti militari.

L’ex professore di diritto ha confermato che era all’interno della costituzione. D’altra parte, i critici parlano di un colpo di stato. Le proteste continuano da giorni nel Paese nordafricano a causa del forte aumento del numero di Corona e della crisi economica in corso.

L’esercito ha anche tenuto un presidente del parlamento quella notte Rachid Ghannouchi Astenersi dall’entrare nell’edificio. I sostenitori del presidente Said, invece, hanno festeggiato nelle strade di notte. Alcuni di loro accendevano fari, fuochi d’artificio e sventolavano bandiere. Alcuni hanno cantato l’inno nazionale. I video mostravano anche veicoli militari che passavano tra gruppi di applausi.

Anche Said è apparso quella notte nel centro di Tunisi e ha salutato i suoi sostenitori. Il presidente, in carica dal 2019, ha sottolineato che non si è trattato di un golpe. “Come è un colpo di stato contro la legge?” Said sottolinea che è nel quadro giuridico. In vista della possibilità di disordini, ha detto: “Non voglio che venga versata una sola goccia di sangue”.

READ  L'esercito israeliano attacca le forze anticarro di Hamas

Ghannouchi organizza uno sciopero davanti al Parlamento

I sostenitori di Ghannouchi ed Ennahda hanno organizzato un sit-in davanti al Parlamento. Dopo che l’esercito ha impedito al presidente del parlamento di entrare in parlamento, ha chiamato i suoi sostenitori a marciare davanti al parlamento.

Diverse centinaia di persone si sono radunate lì. Hanno protestato contro il partito al governo e hanno impedito ai sostenitori di Ennahda di avvicinarsi all’edificio. Bottiglie e pietre erano sparse tra i sostenitori su entrambi i lati, ha riferito un corrispondente dell’AFP. Ghannouchi è salito su un’auto con alcuni deputati del partito di governo per organizzare il sit-in.

Il governo federale chiede il rispetto della costituzione

Il governo federale era “estremamente preoccupato” per l’escalation. “Crediamo che ora sia importante tornare all’ordine costituzionale molto rapidamente”, ha detto lunedì a Berlino una portavoce del ministero degli Esteri. Tutte le parti sono tenute a “assicurare l’adesione e l’attuazione della costituzione in Tunisia”. Ciò include anche un impegno per le libertà civili, che è stato uno dei risultati più importanti della rivoluzione tunisina.

Una portavoce del ministero degli Esteri tedesco ha affermato che la situazione nel Paese sottolinea l’urgente necessità di affrontare rapidamente le riforme politiche ed economiche. “Questo può funzionare solo se tutti gli organi costituzionali lavorano insieme in modo costruttivo”. Il Parlamento dovrebbe poter tornare al lavoro rapidamente.

La portavoce ha sottolineato che “la Tunisia ha fatto un buon, e persino meraviglioso, passo avanti negli ultimi anni”. Le passate elezioni presidenziali e parlamentari pacifiche hanno dimostrato “che il popolo tunisino vuole la democrazia e che la democrazia sta prendendo piede in Tunisia dal 2011”. La portavoce ha detto che l’ambasciatore tedesco nel Paese è in trattative con il ministero degli Esteri. Il ministero degli Esteri cercherà inoltre di dialogare con l’ambasciatore tunisino a Berlino.

READ  Vacanze in Italia da metà maggio: il governo scalda i piani per il turismo