Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Tour de France – Tre cose spiccano: Vingegaard non è il pilota più forte e il prossimo bambino prodigio è già in agguato

Il principe ereditario è il nuovo re: dal capitano supplente dell’anno scorso, che era entusiasta di prendere il secondo posto assoluto, Jonas Weinggaard è diventato il nuovo dominatore del Tour 2022.

Anche Tadej Pojjakar ha dovuto ammettere la superiorità del 25enne, non importa dove e quante volte ha attaccato: non è riuscito a perdere il suo avversario nell’ultima settimana cruciale del Tour.

se dentro traguardi in montagna o a cronometro, Vingegaard ha resistito e ha battuto il due volte vincitore del Tour quasi senza sforzo.

Giro di Francia

Superiore a Ullrich: Pogacar domina la classifica speciale

10 ore fa

subito dopo La fase vince Lo sloveno era 3:2 avanti – dentro valutazione Il divario era netto, anche dopo che la maglia gialla era ancora 51 secondi dietro a Parigi, poiché Jumbo ha preferito godersi il momento della vittoria e ha rotolato negli ultimi chilometri per formare una squadra a suo agio dietro la prima parte del campo, esultando. .

Tre cose sono emerse durante il tour.

1. Vinggaard non è stato il pilota più forte in gara

Per Vingegaard, un momento di felicità condivisa con i suoi compagni di squadra di Parigi non è stato più importante del risultato sconvolgente: anche il vincitore di serie Wout Van Aert ha sacrificato una potenziale vittoria di tappa sugli Champs-Elysees e lo ha fatto senza lo sprint. Una mossa tutta nuova per il belga assetato di successo, che ha addirittura raccolto una maglia gialla all’inizio del Tour dopo tre secondi posti attacco con gli artigli Si inginocchiò per stare finalmente in cima.
Ma le sue prestazioni più impressionanti sono arrivate dopo – e senza di loro Vingegaard non avrebbe vinto il Tour: sui ciottoli del nord della Francia è stato Van Aart a guidare il suo capitano, fermato per un difetto, in vista di una Pogacar. Sulle Alpi, con la sua velocità, forza di salita e capacità di discesa, è stato determinante nel fare del vero e proprio attacco sulla via del Col du Granon una svolta nel giro, e nei Pirenei ha presentato il suo capolavoro: dopo l’Hautacam l’ha sollevato così tanto Anche Pogacar non ha potuto seguire il suo ritmo nell’ultima salita.

Se avesse deciso, Arte avrebbe vinto anche la maglia da montagna: al Col d’Aubisque ha avuto la sua grande occasione (di cui poi si è pentito). Così Vingegaard ha spiegato al microfono di Eurosport a Parigi: “Wout è stato sicuramente il pilota più forte in questa gara!”

Van Aert emotivamente dopo aver vinto una tappa: “The Dream Scenario”

Ha mostrato la sua unica debolezza fuori pista: alla domanda sulla questione della credibilità, del tutto giustificata vista l’estrema prestazione, ha reagito dopo aver vinto la prova a suo tempo con uno sguardo e un commento sconvolti, Egli “non voleva rispondere a una domanda così strana”. Ma finché non ci saranno risposte convincenti, le domande non finiranno.

2. 75 metri, sette punti, 11 secondi: un tedesco senza fortuna

Non doveva essere. Non importa cosa hanno provato i piloti tedeschi in questo tour, alla fine mancava qualcosa per renderlo un grande colpo. In cima alla Planche des Belles Filles Lennard Kämna a meno di 100 metri dalla fine Presentandosi ancora, anche Megève nelle Alpi alla fine lo ha mancato Undici secondi per saltare in maglia gialla Simon Geschke alla fine è sceso a sette punti Sulla storica vittoria in maglia da montagna.
Anche l’ultima tappa è stata un sintomo di questo: chi è stato così energico e catturato come l’ultima fuga nell’ultimo giro? Duo tedesco Jonasrutsch e Maximilian Schachmann. A chi è andata l’ultima classifica di montagna? Maglietta da vice Mountain, il tuo esercito.

Tuttavia, ciò che resta da sapere che non c’è davvero carenza di spirito combattivo e spirito combattivo – e quanti fan hanno fatto il tifo per questo stile di leadership offensivo. Ciò ha reso il ciclismo divertente e, come ha detto Geschke, speriamo di ispirare altri ciclisti a fare cose altrettanto coraggiose nel prossimo round.

‘Ispirazione per altri piloti’: Geschke valuta la maglia da montagna

3. Il prossimo bambino prodigio è già latente

Un 23enne e un 25enne si dividono il comando sul podio per il secondo anno consecutivo: chi dovrebbe avere spazio nelle prossime edizioni del Tour?

Beh, forse per un passeggero con i suoi precedenti Medaglia d’oro olimpica in mountain bike E il Campionato mondiale di sci di fondo proprio adesso Trionfo all’Alpe d’Huez Ha aggiunto – all’età di 22 anni era più giovane di qualsiasi altro vincitore su quest’ultima salita leggendaria prima di lui. Tom Bidcock alla sua prima corsa ha mostrato una grande promessa per il futuro: velocità nello sprint, eccellere in discesa E difficile da scalare.

Pogacar e Vingegaard come controllori permanenti? Gli esperti discutono del futuro

a ve valutazione Per fare meglio del 17° posto, il 22enne deve lavorare su quella che potrebbe essere la sua unica debolezza: “Deve ancora migliorare nelle cronometro – dice l’esperto di Eurosport Jens Voigt – e deve essere disposto a dare up I suoi soliti successi in altre discipline”, se vuole puntare tutto sulla classifica in tre settimane.
L’inglese è in buone mani con l’Ineos in termini di tempi di allenamento di prova e il maggiore passaggio alle corse su strada potrebbe iniziare già dalla prossima stagione. Prima di questo, però, vuole completare una trilogia speciale: una croce d’oro a cui seguiranno titoli nei Mondiali di Mountain Bike e nelle gare su strada per i Mondiali di quest’estate. Allora sarà il maestro di tutte le classi – e Libero per nuove sfide.
Potrebbe interessarti anche: Vittoria del tour perfetto: Vingegaard emerge dall’ombra di sua suocera

Baci e lacrime: Vingegaard festeggia la maglia gialla con la famiglia

Giro di Francia

Il capo della Bora Dink ha dichiarato: “Trai conclusioni da questo round”.

11 ore fa

Giro di Francia

Superiore a Ullrich: Pogacar domina la classifica speciale

10 ore fa

READ  “Dialogo vittima-autore”: Pistorius incontra i genitori della sua fidanzata assassinata