Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

The Wild Plan: come i ricercatori statunitensi vogliono salvare il clima con i mammut clonati

The Wild Plan: come i ricercatori statunitensi vogliono salvare il clima con i mammut clonati

Ripristinare la natura della tundra artica: un piano selvaggio: come i ricercatori statunitensi vogliono salvare il clima con i mammut clonati

  • e-mail

  • Divide


  • Di più

  • Twitter


  • Insiste


  • Segnala un errore

    Hai notato un errore?

    Si prega di segnare le parole rilevanti nel testo. Con soli due click potrai segnalare l'errore alla redazione.

    Non esiste alcuna ingegneria genetica nelle piante

    Ma non preoccuparti:
    Geneticamente modificati
    Lei

Lunedì 11 marzo 2024 alle 16:23

La rinascita del mammut lanoso si avvicina. Una società americana ha annunciato un risultato importante nell'ottenimento di speciali cellule di elefante. Un successo che potrebbe aiutare a combattere il cambiamento climatico. Perché i mammut sono in grado di riparare la tundra artica e quindi di fermare le emissioni di anidride carbonica.

Un mondo in cui i mammut lanosi vengono riportati in vita attraverso la scienza, la tecnologia e il calpestio della natura sembra più simile a Jurassic Park. Ma in futuro il progresso scientifico potrebbe trasformare la fantasia in realtà. Perché: ricercatori americani sono riusciti a convertire le cellule di un elefante asiatico in cellule staminali da cui successivamente si potranno allevare mammut lanosi.

Dietro questo successo c'è l'azienda americana Colossal Biosciences. I ricercatori hanno estratto “cellule staminali pluripotenti indotte” (cellule staminali iP) da elefanti asiatici, il cui DNA è simile al 99,6% a quello dei mammut. Queste cellule staminali iP hanno la capacità di moltiplicarsi all'infinito e formare diversi tipi di cellule. Una svolta scientifica renderebbe possibile creare un ibrido tra un mammut e un elefante creando un embrione di mammut contenente cellule di elefante e portandolo a termine da una madre surrogata di elefante.

FOCUS online Earth è dedicato alla crisi climatica e a come superarla.

Centrato sulla verità. Fondato su buone basi. edificio.
Ogni settimana come newsletter.

*I campi contrassegnati con * sono obbligatori

In che modo i ricercatori americani stanno cercando di salvare il clima utilizzando mammut clonati?

George Church, genetista di Harvard e cofondatore di Colossal, sottolinea l'importanza di questa svolta nell'ottenimento di cellule germinali e altri tipi di cellule senza la necessità di eseguire procedure chirurgiche su animali preziosi. Anche Vincent Lynch, biologo dello sviluppo dell'Università di Buffalo, rimase colpito da questo progresso e lo considerò un passo importante verso la creazione di un elefante simile a un mammut.

I ricercatori cercano da anni di clonare il nuovo mammut. Questa svolta potrebbe significare una svolta sorprendente nella crisi climatica: se i mammut lanosi clonati venissero rilasciati in natura nella tundra artica, gli animali potrebbero aiutare a controllare il rilascio di gas serra dal permafrost e quindi a contrastare il cambiamento climatico.

allo sfondo: Le regioni artiche sono in gran parte coperte dal permafrost, terreno ghiacciato che non è cambiato da più di 10.000 anni. Questi terreni contengono enormi quantità di carbonio intrappolato a freddo. Quando il permafrost si scioglie, i microbi rilasciano anidride carbonica e metano, che potrebbero causare un ulteriore aumento della temperatura globale.

L’idea alla base della reintroduzione dei mammut è che questi grandi erbivori fungessero da geoingegneri naturali. Calpestavano costantemente le piante e disturbavano il paesaggio, creando paesaggi steppici aperti. Questi paesaggi senza alberi assorbono meno luce solare e calore, contribuendo a mantenere il terreno fresco e a stabilizzare le riserve di carbonio nel permafrost. Il ritorno dei mammut e dei loro compagni nella tundra potrebbe contribuire a ripristinare l’ecosistema della steppa e a rallentare il cambiamento climatico.

+++ Non perdere altre notizie sul clima: iscriviti al nostro canale WhatsApp +++

READ  Un tappeto di Sargassum largo 8.000 km va alla deriva verso la costa americana