Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Teoria della relatività: scoprire la luce dietro il buco nero

Nonostante approfondite ricerche, i buchi neri rimangono un mistero affascinante. La massa in essi è così compressa che nulla sfugge alla sua immensa gravità. Nemmeno la luce penetra all’esterno. Solo circa due anni fa i ricercatori hanno pubblicato la prima immagine di giganti gravitazionali.

Gli astrofisici della Stanford University hanno fatto una scoperta che rivela ancora di più il mistero. Hanno osservato la luce dall’altra parte del buco nero chiamata emissioni di raggi X – uno scenario previsto dalla teoria della relatività generale di Einstein ma non ancora confermato.

“Qualsiasi luce che entra nel buco nero non esce di nuovo. Di conseguenza, non dovremmo essere in grado di vedere nulla dietro il buco nero. Dan Wilkins, un astrofisico della Stanford University. “Il motivo per cui possiamo farlo è perché un buco nero distorce lo spazio, piegando la luce e attorcigliando i campi magnetici attorno a se stesso”. I ricercatori hanno pubblicato le loro osservazioni sulla rivista specializzata “natura” Pubblicato, Stanford University riportato in a comunicato stampa Così.

In realtà invisibile

In effetti, i ricercatori volevano solo saperne di più su una caratteristica di alcuni buchi neri, chiamata corona. Ciò accade quando il gas cade in un buco nero supermassiccio, si riscalda a causa della sua accelerazione estremamente forte e brilla brillantemente. La luce è la luce dei raggi X. Possono essere analizzati per mappare e caratterizzare il buco nero.

I ricercatori di Stanford riportano le prime registrazioni di emissioni di raggi X dall’altra parte di un buco nero. © Coyle: Agenzia spaziale europea

Ma dopo le indagini, gli astrofisici notano Dan Wilkins Schema imprevisto: una serie di raggi X luminosi seguiti da ulteriori lampi di raggi X erano più piccoli, venivano dopo e avevano “colori” diversi, hanno scritto i ricercatori. Da ciò conclusero che la luce doveva provenire dal retro del buco nero.

READ  Aggiornamento 3.1.0 di Monster Hunter Rise in arrivo il 24 giugno • Nintendo Connect

Raggi X riflettenti

Nello specifico, i ricercatori hanno scritto: “L’analisi a raggi X mostra brevi lampi di fotoni corrispondenti alla frequenza di emissione dietro il buco nero”. .

“L’osservazione dei fotoni che si piegano attorno al buco nero conferma un’importante previsione della relatività generale”, hanno detto i ricercatori.

Un evento speciale per Roger Blanford, che sta lavorando anche allo studio: “Cinquant’anni fa, quando gli astrofisici iniziarono a speculare su come si sarebbe comportato un campo magnetico vicino a un buco nero, non avevano idea che un giorno sarebbero state le tecniche per vedi la teoria della relatività generale di Einstein. Al lavoro”, dice.