Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Taglio di capelli! Il padre di Gornes fa causa alla scuola per 1 milione di dollari – BZ Berlin

Le sue graziose ciocche creano una causa costosa.

Il padre di Gurney, 7 anni, del Michigan, negli Stati Uniti, ha citato in giudizio il personale della scuola di sua figlia per un milione di dollari di risarcimento, perché un insegnante ha semplicemente tagliato i capelli della bambina.

La causa è stata intentata presso la corte federale contro le Mount Pleasant Public Schools, riporta MLive.com. Prevede la violazione dei diritti costituzionali della ragazza. Riguarda la discriminazione razziale, l’intimidazione razziale e l’inflizione deliberata di sofferenza mentale e danni fisici.

Jamie Hofmeyer, il padre della ragazza, ha spiegato che Gurney è tornata a casa dalla scuola elementare a marzo con molti dei suoi capelli ricci mancanti da un lato. La ragazza ha detto che una delle sue compagne di classe le ha tagliato i capelli con le forbici sullo scuolabus.

Due giorni dopo l’incidente dell’autobus, dopo che i genitori si sono lamentati con il preside e Journey le ha stirato i capelli dal barbiere per compensare le diverse lunghezze, la ragazza dall’altra parte è tornata a casa con un taglio di capelli.


Leggi anche

La nonna sposa i 24enni: “Ci amiamo incondizionatamente!”

Ecco perché le manette sono state premute su questo pony


“Pensavo di averti detto che nessun bambino dovrebbe mai più tagliarti i capelli”, ha detto Hoffmeer a sua figlia, secondo MLive.com. La sua risposta: “Ma papà, quello era l’insegnante”. Presumibilmente ha tagliato i capelli di Jurnee per lisciarli.

Motivazione: odio razziale?

Hoffmeyer sospetta un background razzista perché la madre di Gurney è bianca e lui è nero. Sia il compagno di classe che ha tagliato i capelli di Gurney che l’insegnante erano bianchi.

READ  Oggi è il 22 luglio 2021

Il motivo dell’uso delle forbici da parte dell’insegnante non è chiaro. A luglio, l’autorità educativa ha annunciato solo che l’insegnante aveva ricevuto un rimprovero perché le sue azioni, nonostante le sue “buone intenzioni”, senza il permesso dei suoi genitori e all’insaputa dell’amministrazione distrettuale, avevano violato la politica scolastica. Altri due dipendenti erano a conoscenza dell’incidente ma non lo hanno segnalato. I tre membri dello staff si sono scusati, secondo la direzione della scuola.

Il consiglio scolastico ha anche affermato che un’indagine indipendente non ha rilevato pregiudizi razziali. Ciò includeva interviste con il personale del distretto scolastico, studenti e famiglie, nonché la revisione di video e foto, compresi i post sui social media. L’amministrazione distrettuale ha anche condotto un’indagine interna sull’incidente.

Ma per il padre di Gurney, l’argomento non finisce qui. Ha detto che il vicinato non aveva incontrato né lui né la ragazza. Pertanto, il caso sarà ora portato in tribunale.

I ricci di Jurnee sono cresciuti di nuovo, ma il piccolo ora sta andando in un’altra scuola.