Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Studio: La mortalità nella cirrosi è molto alta

Lo studio include i dati di 250 milioni di ricoveri ospedalieri e un periodo di follow-up di 14 anni. Sebbene i dati provengano dalla Germania, Austria e Germania sono molto simili in termini di degenza ospedaliera e consumo di alcol.

Ha scritto la Goethe University nello studio da lui condotto Juneel Tribeca Dall’ospedale universitario di Francoforte sul Meno In Lancetta è stato pubblicato.

Ho una malattia cronica in ospedale

Il team di ricerca ha analizzato i dati di quasi 250 milioni di ricoveri ospedalieri in Germania dal 2005 al 2018 per qualsiasi motivo. Lo 0,94 per cento di questi ricoveri è attribuibile a una diagnosi di cirrosi, nella maggior parte dei casi come comorbidità piuttosto che come malattia principale.

La mortalità per cirrosi epatica è stata esaminata principalmente in ospedale. Sebbene questo tasso di mortalità sia diminuito dall’11,57% al 9,49% durante il periodo di osservazione, era significativamente superiore al tasso di mortalità ospedaliera dopo il ricovero per altre malattie: l’8,4% dei ricoverati in ospedale è morto per insufficienza cardiaca cronica. , l’8,4% è morto a causa di insufficienza renale, 6,4 per cento e infine 5,2 per cento a causa di BPCO/BPCO.

“Se la cirrosi si è verificata in concomitanza con un’altra malattia cronica, la sua mortalità è aumentata da due a tre volte, in particolare nelle malattie respiratorie infettive”, ha affermato l’università.

Predomina la cirrosi alcol-correlata

Grazie all’introduzione di antivirali direttamente efficaci contro la malattia dell’epatite C alcuni anni fa, la percentuale di cirrosi associata all’epatite C nel periodo di osservazione è stata ridotta a circa un terzo. L’epatite cronica C può quasi sempre essere curata in poche settimane con questi farmaci. Al contrario, la frequenza della cirrosi causata dalla steatosi epatica non alcolica (NASH) è quadruplicata durante questo periodo, parallelamente a un aumento dei pazienti patologicamente obesi (obesi).

READ  Un pianeta extrasolare sta perdendo la sua atmosfera: gli scienziati fanno un'osservazione estremamente rara

Tuttavia, la cirrosi epatica causata dall’abuso di alcol non è stata influenzata da queste trasformazioni. “Rappresentano il 52% di tutti i casi di cirrosi registrati nello studio e i numeri assoluti sono in aumento”, affermano gli autori dello studio.

Due terzi dei contagiati sono uomini

Rispetto ad altre malattie croniche, i pazienti ricoverati in ospedale per cirrosi erano significativamente più giovani: la metà aveva meno di 64 anni. Due terzi di loro erano uomini. Tribeca ha riassunto i fatti: “I risultati del nostro studio mostrano che i decisori e i contribuenti sanitari dovrebbero investire molto di più nella prevenzione della cirrosi alcolica”.

Austria e Germania sono simili sotto aspetti chiave: nel 2019 il consumo pro capite di alcol è stato registrato in Germania a 12,8 litri, l’Austria è rimasta indietro con una media di 11,9 litri, ma è stata anche relativamente “molto avanzata” in Europa. Con 252 ricoveri ogni 1.000 abitanti (per tutte le cause), la Germania è in testa alla lista dell’OCSE in quest’area nel 2019, seguita dall’Austria al secondo posto con 253 ricoveri ogni 1.000 abitanti.