Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Studio: il raffreddore può proteggere da Covid-19

Il comune raffreddore può aiutare l’organismo a difendersi dal COVID-19 e a proteggersi dalle infezioni.

I ricercatori hanno scoperto che i linfociti T che il corpo produce per combattere il comune raffreddore – che, come il COVID-19, può anche essere causato dai coronavirus – possono riconoscere e attaccare il virus.

I linfociti T sono globuli bianchi che sono una parte importante del sistema immunitario.

L’autore dello studio, il dott. Rhea Kondo dell’Imperial College di Londra.

I risultati dello studio verificato in modo indipendente sono stati pubblicati lunedì in Rivista di comunicazione sulla natura Potrebbe essere la chiave per lo sviluppo della prossima generazione di vaccini contro le varianti attuali e future di COVID-19, hanno affermato i ricercatori.

Secondo gli autori, un gran numero di cellule T presenti può ridurre il rischio di infezione da SARS-CoV-2. Ma nessuno dovrebbe fare affidamento sul freddo per proteggersi dall’infezione con il coronavirus, anche perché non tutti i raffreddori sono causati dai coronavirus.

“Voglio sottolineare che non si dovrebbe fare affidamento solo su questo. Invece, la migliore protezione contro COVID-19 è la vaccinazione completa, inclusa la vaccinazione di richiamo”, ha affermato Kondo.

Protezione dei linfociti T

Per lo studio del National Heart and Lung Institute del Regno Unito, sono stati prelevati campioni di sangue da 52 partecipanti dopo il contatto con COVID-19 a casa.

L’analisi dei campioni ha mostrato che 26 persone che hanno contratto il virus dopo l’esposizione avevano livelli più bassi di cellule T “reattive” rispetto a 26 persone che non avevano COVID-19 dopo l’esposizione.

I ricercatori hanno affermato che il motivo per cui le cellule T reattive sono così efficaci è il modo in cui attaccano il virus.

READ  Più cancro al colon con antibiotici frequenti

“Queste cellule T forniscono protezione attaccando le proteine ​​all’interno del virus piuttosto che la proteina appuntita sulla sua superficie”, ha affermato il professor Ajit Lalvani, autore principale dello studio.

In confronto, gli attuali vaccini COVID-19 migliorano una risposta immunitaria che prende di mira la proteina spike virale, la parte di superficie del virus che interagisce con le cellule dei nostri corpi.

Come ha dimostrato la variante omcron, le mutazioni nella proteina spike possono ridurre l’efficacia dell’attuale generazione di vaccini COVID-19.

“Al contrario, le proteine ​​endogene che sono prese di mira dai linfociti T protettivi che abbiamo identificato sono molto meno in evoluzione. Di conseguenza, sono altamente conservate tra diverse varianti di SARS-CoV-2 (COVID-19), incluso Omicron, quindi Lalvani .

“I nuovi vaccini contenenti queste proteine ​​endogene conservate susciteranno quindi risposte protettive delle cellule T che dovrebbero proteggere dalle varianti attuali e future di SARS-CoV-2”, ha aggiunto.

I ricercatori hanno affermato che il loro studio era la “prova più chiara fino ad oggi” che le cellule T prodotte al freddo possono aiutare a combattere il COVID-19. Tuttavia, a causa del piccolo numero di partecipanti, l’88% dei quali erano europei bianchi, non sono stati in grado di determinare se persone di altri gruppi demografici avrebbero sperimentato lo stesso effetto.

Risultati simili da Berlino

Alla fine di agosto 2021, il Berlin Institute of Health in the Charité e il Max Planck Institute for Molecular Genetics hanno condiviso risultati simili. Esiste una cosiddetta immunità incrociata attraverso le cellule della memoria immunitaria che riconoscono l’agente patogeno della SARS-CoV-2, ed è stata chiamata es in un comunicato stampa.

READ  La navicella spaziale della NASA fa una scoperta emozionante su Marte: "Risolto uno dei più grandi misteri"

per me studia I dati di circa 800 persone sono stati valutati e controllati regolarmente per vedere come l’infezione e la presenza di cellule T hanno influenzato il loro sistema immunitario.

Secondo i ricercatori di Berlino, l’immunità crociata diminuisce con l’età, il che potrebbe spiegare il decorso di malattie gravi negli anziani.