Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Stress test Europa: le banche tedesche sono peggio della media

Stress test Europa: le banche tedesche sono peggio della media

Test di resistenza in Europa
Le banche tedesche sono peggio della media

L’EBA esamina decine di istituzioni finanziarie di 15 paesi europei. Risultato dello stress test: è possibile che tutti sopravvivano a una crisi economica dopo la pandemia di Corona. Deutsche Bank è stata duramente colpita tra le istituzioni nazionali.

Le banche europee, in larga misura, sono in una posizione forte per affrontare una nuova crisi economica. Questa è la conclusione raggiunta dalle autorità di vigilanza bancaria dell’Unione europea dopo il loro ultimo test di crisi, i cui risultati sono stati pubblicati dall’Eba. In un ipotetico scenario di crisi, le istituzioni perderebbero quasi un terzo del loro capitale di copertura. Tuttavia, il settore bancario dell’UE nel suo insieme rimarrà al di sopra della soglia del 10% con un coefficiente patrimoniale di base Tier 1 come cuscinetto contro potenziali battute d’arresto. Sulla base del loro bilancio del coronavirus del 2020, le autorità di vigilanza hanno chiesto agli istituti finanziari di calcolare quanto capitale protettivo si ridurrà entro la fine del 2023 se la pandemia e la recessione economica raggiungeranno il picco e l’economia dell’UE crollerà del 3,6%. .

Inoltre, nello stress test, che è particolarmente duro, sono stati ipotizzati tutta una serie di sviluppi sfavorevoli: aumento della disoccupazione, crollo dei prezzi degli immobili, forte calo della domanda estera e ulteriore calo dei tassi di interesse di mercato. In questo ipotetico scenario di crisi, il settore bancario dell’UE perderebbe un totale di 265 miliardi di euro di riserve di capitale secondo i calcoli dell’EBA. La percentuale di capitale di base di classe 1 come riserva di crisi diminuirà dal 15% alla fine del 2020 al 10,2% alla fine del 2023.

Secondo l’EBA, le insolvenze sui prestiti saranno cruciali

L’Autorità bancaria europea (EBA) ha esaminato 50 banche di 15 paesi europei, che rappresentano il 70% del mercato bancario nell’Unione europea. Questi includevano sette istituti tedeschi: BayernLB, Commerzbank, Deutsche Bank, DZ Bank, Landesbank Baden-Württemberg, Landesbank Hessen-Turingia e Volkswagen Bank. 38 dei 50 istituti dell’esame EBA sono banche dell’Eurozona, e come tali sono soggette alla supervisione della Banca Centrale Europea (BCE). Parallelamente al test EBA, l’Autorità di vigilanza bancaria della Banca centrale europea ha esaminato altre 51 banche dell’area dell’euro che aveva vigilato direttamente.

In generale, le sette banche tedesche hanno registrato negli stress test risultati leggermente peggiori rispetto alla media europea. Più colpito è l’ipotetico scenario di crisi tra le istituzioni finanziarie nazionali, Deutsche Bank, come evidenziato dai dati. Di conseguenza, il coefficiente di capitale di base del più grande istituto finanziario tedesco in caso di recessione economica, insieme a vari altri fattori di pressione, diminuirà dal 13,6% alla fine del 2020 al 7,4 alla fine del 2023. . In Commerzbank, il coefficiente patrimoniale di base nello scenario negativo si è ridotto all’8,5% dal 13,2% nel 2020.

Secondo l’EBA, la ragione principale per incorporare le riserve di capitale in un ipotetico scenario di crisi è l’aumento delle insolvenze sui prestiti. Sui bilanci pesano anche i tassi di interesse ancora bassi. L’EBA ha osservato che le banche che sono principalmente attive nel loro mercato interno hanno subito un duro colpo nello scenario di stress.

I test non sono senza polemiche

Non c’era diarrea nel test di quest’anno. Tuttavia, gli istituti finanziari peggiori dovrebbero aspettarsi che le autorità di vigilanza li inducano ad aumentare le riserve di capitale e a porre limiti ai pagamenti dei dividendi. Dalla crisi finanziaria ed economica del 2008 e del 2009, le autorità di vigilanza di tutto il mondo hanno regolarmente utilizzato questi stress test per determinare la vulnerabilità delle banche in caso di crisi. Tali test e le conclusioni da essi tratte sono indiscutibili, perché i rischi che vengono ponderati e quanto siano pesanti in scenari ipotetici cadono alla fine nelle mani dei moderatori.

In effetti, la nuova versione dello stress test della Banca europea dovrebbe essere condotta già nel 2020. Ma per non gravare gli istituti di altri compiti nel bel mezzo della crisi del Corona, l’Associazione degli imprenditori egiziani ha rinviato l’esame di un anno.

READ  Corona governa al supermercato: Aldi, Rewe, Edeka e Lidl - che cambierà a luglio