Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Storia astronomica: cosa rivelano gli antichi pannelli di vetro

Cosa rivelano i vecchi pannelli di vetro
Redazione
/ idw / comunicato stampa dell’Università di Regensburg
astronews.com
26 aprile 2021

Una fase completamente nuova della ricerca astronomica è iniziata con la fotografia. Nei primi cento anni sono stati utilizzati principalmente pannelli fotografici in vetro, dai quali sono state realizzate non solo stampe, ma anche direttamente valutate. Le note e le partiture corrispondenti vengono ora registrate come parte di un progetto di ricerca.


Immagine della luna con note scritte a mano.

immagine: Osservatorio di Amburgo, Dipartimento di Fisica, Maine College, Università di Amburgo [Groansicht]

Gli abitanti del mondo hanno partecipato all’astronomia da tempo immemorabile. Se i corpi celesti sono stati inizialmente osservati ad occhio nudo, successivamente sono stati aggiunti telescopi, telescopi e osservatori. Una pietra miliare fu raggiunta nella prima metà dell’Ottocento con la creazione della fotografia. Un nuovo progetto di ricerca del Dr. Omar Nasim, Professore di Storia della Scienza all’Università di Regensburg. La Fondazione tedesca per la ricerca sostiene il progetto “The Glass Archives for Astronomy: Photographic Practices in the Observatory, 1850-1950” con una somma di mezzo milione di euro.

Ci sono circa 180 anni tra i primi giorni della fotografia e le app fotografiche di oggi sugli smartphone. Intorno al 1850, la fotografia era ancora un mestiere elaborato che includeva un dispositivo straordinario, pannelli fotografici in vetro nitido e lunghi tempi di esposizione. L’introduzione della fotografia ha segnato una svolta nell’astronomia: le osservazioni visive possono ora essere documentate per la prima volta attraverso registrazioni fotografiche rendendole così più facili da comprendere per gli altri. Tempi di esposizione di diverse ore hanno permesso di esplorare oggetti deboli, come la nebulosa nordamericana, che sono appena visibili ad occhio nudo.


La fotografia ha dominato ogni aspetto dell’astronomia tra il 1850 e il 1950, fornendo innumerevoli immagini del sole, della luna, delle stelle e degli spettri delle stelle. In questo tipo di fotografia, i pannelli di vetro rivestiti con un’emulsione fotochimica sono stati installati nelle fotocamere del tablet e visualizzati. I pannelli fotografici sono stati quindi trasformati in negativi di vetro, dai quali è stato possibile realizzare una serie di stampe positive. Per gli astronomi, le tavole fotografiche avevano il vantaggio di essere piatte, uniformi, dimensionalmente stabili – e ferme – e più resistenti agli impatti ambientali rispetto alle pellicole fotografiche.

Nassim e il suo gruppo di ricerca non si stanno concentrando sugli aspetti positivi, cioè sulle registrazioni astronomiche stampate, perché raccontano solo una parte della storia della produzione di conoscenza astronomica. Il progetto di ricerca si concentra invece sui pannelli in vetro, ovvero i passivi a vista e statici. Anche a questo punto, le immagini di pannelli di vetro sono state ampiamente utilizzate come portatori di informazioni, come testimoniano chiari segni di utilizzo e osservazioni di persone che le hanno ricercate e con esse: gli astronomi non solo hanno notato le loro considerazioni e conclusioni nei loro libri di osservazione, ma anche i loro ritrovamenti sotto forma di aggiunte grafiche Segni e adesivi applicati direttamente sui pannelli di vetro stessi.

Il focus del progetto di ricerca è sul materialismo della fotografia, ovvero i pannelli di vetro come portatori di una forma unica di storia dei materiali che non può essere ricostruita dai soli documenti cartacei. Nassim Research Group utilizzerà materiale d’archivio da
Osservatorio reale di Greenwich
Gli osservatori si trovano ad Harvard, Leiden, Heidelberg e Amburgo e li collegano a fonti degli archivi Kodak, Ilford e Zeiss.

In qualità di DFG Mercator Fellow, il Prof.Dr. Kelly Wilder è stata associata al progetto, sfruttando la sua esperienza come direttrice di Centro di ricerca sulla storia fotografica Alla De Montfort University di Leicester, Regno Unito. Questo gruppo di materiali include la produzione e l’elaborazione delle lastre prima dell’esposizione, nonché i dati fotografici e le note fatte sui pannelli o nei computer notebook di accompagnamento dopo l’esposizione. La ricerca sul materialismo dei pannelli di vetro è più urgente poiché le aggiunte manuali minacciano di perdersi nel contesto della digitalizzazione di queste immagini.

Forum

Guarda anche

Collegamenti istantanei WWW

Consiglia nei social network

READ  Alla scoperta di un buco nero vicino alla Terra: i ricercatori lo chiamano "rinoceronte"