Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Stock in via di estinzione: ecco perché il tonno si riprende, ma gli squali no

Aggiornato il 11/11/2022 alle 16:33

  • La pesca sostenibile aiuta alcune specie, come il tonno, a riprendersi.
  • Altri ancora sono minacciati, in particolare gli squali.
  • Perché il grosso problema è che alcuni animali finiscono nelle reti da pesca come catture accessorie, mostra un nuovo studio.

Maggiori informazioni su natura e ambiente

Gli stock di tonno e alcuni altri grandi pesci predatori si sono ripresi negli ultimi anni grazie a misure di pesca sostenibile. La situazione è diversa per molte specie di squali. Questi sono ancora in pericolo di estinzione, riferisce un team di ricerca internazionale sulla rivista Science.

I risultati riaffermano il valore delle misure di conservazione, soprattutto per le specie in forte domanda commerciale, dimostrando al contempo la necessità di estendere le misure agli squali.

Gli stock ittici e predatori stanno diminuendo in tutto il mondo

Con la crescita dell’economia e della popolazione mondiale, gli ecosistemi sono stati sfruttati dall’uomo negli ultimi 100 anni e sono stati spesso gravemente danneggiati o addirittura distrutti. Si stima che circa la metà degli stock di pesci commerciali e di invertebrati negli oceani sia stata sovrasfruttata nel 20° secolo. Anche uno stock più grande di pesci predatori Come il pesce spada e gli squali sono caduti.

L’entità del danno agli ecosistemi oceanici e l’efficacia delle misure di protezione e gestione adottate non sono spesso chiare, scrivono nel loro articolo i ricercatori guidati da Maria José Juan Gorda dell’Istituto di ricerca marina AZTI. Ora hanno sviluppato un Indice della Lista Rossa rivisto che, sulla base delle classificazioni e dei criteri della Lista Rossa IUCN, indica il rischio di estinzione delle specie per ogni anno successivo.

READ  Esiste un mondo parallelo? I ricercatori trovano indizio - puzzle

In questo modo, hanno determinato lo stato di rischio di sette specie di tonno e di altre sei specie di grandi pesci predatori come il pesce spada e cinque specie di squali tra il 1950 e il 2019. La Lista Rossa classifica le specie in una delle otto categorie, da “estinto “al “meno stimato” di ansia.” Nel loro studio, i ricercatori si sono concentrati sui pesci predatori, in parte perché sono così in alto nella catena alimentare e svolgono un ruolo fondamentale negli ecosistemi.

La condizione della popolazione tonnara sta migliorando nuovamente

Gli autori definiscono in qualche modo “gestito in modo sostenibile” quando il tasso di mortalità legato alla pesca è inferiore al tasso di mortalità che può garantire la massima produttività della pesca. Da allora in poi, la condizione della popolazione di tonni è costantemente migliorata negli anni ’90 e dalla fine degli anni 2000.

Le popolazioni di pesce spada hanno iniziato a riprendersi solo nell’ultimo decennio. D’altra parte, la condizione delle popolazioni di squali è in costante deterioramento: il loro tasso di mortalità è ben al di sopra della massima produttività possibile della pesca, il che significa che sono sempre più a rischio di estinzione.

Gli scienziati attribuiscono i diversi livelli di pericolo alle misure di gestione più rigorose nel settore della pesca, che si applicano al tonno e a molti altri pesci predatori. La Commissione internazionale per la conservazione dei tonnidi dell’Atlantico ha fissato limiti alla pesca del tonno e ne controlla il rispetto. Tuttavia, non esiste una cosa del genere per gli squali.

Le catture accessorie sono un grosso problema

Tuttavia, altri fattori biologici, come quelli legati alla pesca, contribuiscono anche all’aumento del rischio di estinzione degli squali, scrivono Matthew Burgess e Sarah Baker dell’Università del Colorado Boulder (USA) in un commento allo studio. Pertanto, le cinque specie di squali esaminate mostrano tutte una lenta crescita della popolazione. Inoltre, viene spesso catturato dal mare come cattura accessoria dai pescherecci già specializzati in tonno o pesce spada. Poiché le popolazioni di questi squali aumentano solo lentamente, sono anche estremamente vulnerabili se molti individui della loro specie finiscono nella rete come catture accessorie.

READ  Con alpaca contro corona: ecco come i ricercatori di Gottinga vogliono porre fine all'epidemia

Sebbene siano stati compiuti alcuni progressi nella gestione sostenibile degli stock di squali, il redditizio commercio di pinne di squalo e la pesca illegale associata minacciano questi risultati. Mentre alcuni grandi pesci predatori come il marlin vengono spesso catturati come catture accessorie e sono quindi altamente minacciati, il tonno in particolare viene catturato in modo specifico. Secondo gli autori, il loro breve tempo di generazione e il prezzo di mercato relativamente basso sono i principali fattori per migliorare lo stato di conservazione delle specie di tonno, ancor più della pesca controllata.

Il team di ricerca raccomanda di migliorare le misure di gestione

Gli stock di specie in via di estinzione possono essere migliorati attraverso migliori misure di gestione nella pesca, che andranno a beneficio anche dell’industria della pesca a lungo termine. Tuttavia, è probabile che la protezione delle specie in via di estinzione e non particolarmente colpite sia più difficile perché la pesca deve investire in attrezzature e metodi di pesca migliori. Un altro modo è ridurre lo sforzo di pesca senza beneficiare direttamente di questi cambiamenti. “I compromessi tra i benefici della pesca e gli impatti sull’ecosistema richiederanno difficili negoziati e compromessi tra le parti interessate”, hanno commentato gli autori dello studio. (dpa/sbi)

Per molte persone, saltare in mare è solo una parte delle vacanze in climi caldi. Tuttavia, si consiglia cautela: molti animali possono essere pericolosi.