Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sonda Plutone New Horizons: 50 volte di distanza dal sole, dalla Terra

La sonda New Horizons della NASA si trova a più di 50 volte la distanza del Sole dalla Terra. Quindi la sonda che è stata inviata per esplorare il pianeta nano Plutone è solo la quinta ad aver spostato più di 50 unità astronomiche (UA) dal sole. L’agenzia spaziale statunitense ha annunciato di aver raggiunto una pietra miliare lo scorso fine settimana.

Solo pochi mesi fa, New Horizons ha scattato una foto in direzione del detentore del record Voyager 1, anche se la sonda New Horizons, a circa 23 miliardi di chilometri di distanza, ovviamente non poteva essere realizzata. Per il direttore del progetto Alan Stern, l’immagine è ancora “assolutamente carina”.

Voyager 1 “foto” da New Horizons, la posizione esatta della sonda è nota, ma la distanza è molto grande.

(Immagine: NASA / Johns Hopkins APL / Southwest Research Institute)

New Horizons è stato lanciato 15 anni fa e il 14 luglio 2015 è stata la prima sonda a passare attraverso Plutone, che da allora è degenerato in un pianeta nano. Lì ha rivelato un mondo sorprendentemente complesso. Due anni fa, è stato il primo corpo umano a raggiungere un corpo astronomico nella lontana fascia di Kuiper – Arokoth, composto da due parti. Da allora non ha più avuto una nuova destinazione, ma sta ancora uscendo dal sistema solare. Recentemente, New Horizons ha aiutato, tra le altre cose, a fare la più grande misura di parallasse nella storia e ad analizzare la luminosità di fondo dell’universo.

Prima di New Horizons, solo Voyager 1, 2 e Pioneer 10 e 11 erano più di 50 unità astronomiche del Sole. Il Voyager 1 è il più distante oggetto di fabbricazione umana. Per la sonda New Horizons, che è ancora attiva, la distanza assoluta significa che un segnale alla Terra impiega sette ore per viaggiare, quindi i ricercatori devono attendere 14 ore per assicurarsi che la richiesta arrivi. La maggior parte del team era già presente quando New Horizons non era altro che un’idea. Alan Stern spiega. Durante la missione hanno visto crescere i loro figli, ma soprattutto hanno fatto tante scoperte e “scritto un po ‘di storia”.

Come spiega la NASA, il telescopio Subaru in Giappone continuerà a cercare oggetti che New Horizons possa raggiungere e attraversare lungo la sua strada. La sonda sta attualmente raccogliendo dati sul suo ambiente nella fascia di Kuiper. L’aggiornamento del software dovrebbe migliorare le loro prestazioni in estate. La batteria di radionuclidi fornirà ancora energia sufficiente per alimentare New Horizons fino alla fine del 2030, conferma l’Agenzia spaziale americana; Negli anni Quaranta, come la sonda Voyager, dovrebbe raggiungere lo spazio interstellare. Il percorso New Horizons è vicino al tracciato Voyager 2, ma poiché i sensori Voyager volano più velocemente, non saranno in grado di raggiungerlo, anche se raggiungono circa 53.000 chilometri all’ora.

La superficie di Plutone
(Bild: NASA / Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory / Southwest Research Institute)


(Mo)

Alla home page

READ  TFT: lancio del 5 ° gruppo di fatturazione oggi