Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sguardo del giorno della guerra: pesanti combattimenti si sono conclusi nel Donbass – Battaglia di Mariupol

Un rapido sguardo al giorno della guerra
Combattimenti pesanti nel Donbass – La battaglia di Mariupol è finita

Sembra che l’esercito russo stia cercando di lanciare nuove offensive per occupare parti della provincia orientale di Luhansk ancora sotto il controllo ucraino. D’altra parte, a Mariupol la battaglia è finita: secondo le loro stesse dichiarazioni, la Russia sta ottenendo il controllo completo sulle acciaierie di Azov, che hanno recentemente combattuto le controversie. Uno scorcio dell’ottantasettesimo giorno di guerra.

Kiev: pesanti combattimenti nel Donbass

Lo stato maggiore ucraino ha registrato un gran numero di attacchi russi, soprattutto a est. Il governatore ucraino Serhiy Gaidai ha dichiarato tramite Telegram che l’esercito russo sta cercando di distruggere la città di Sievierdonetsk. I combattimenti sono scoppiati alla periferia della città.

Secondo lo stato maggiore di Kiev, il nemico sta ancora cercando di prendere il pieno controllo delle regioni di Luhansk e Donetsk per assicurarsi un corridoio terrestre verso la Crimea sul Mar Nero, che la Russia ha annesso nel 2014. Parti delle province di Luhansk e Donetsk erano già sotto il controllo dei separatisti filo-russi prima dell’invasione della Russia il 24 febbraio.

Mosca: l’ultima resistenza di Mariupol Steelworks è rotta

Dopo settimane di pesanti combattimenti, l’esercito russo ha affermato di aver preso il controllo completo delle acciaierie Azovstal a Mariupol. Il ministero della Difesa a Mosca ha detto che tutti i combattenti ucraini si erano arresi. All’inizio la squadra ucraina non ha commentato questo.

Il vasto complesso industriale sul Mar d’Azov era l’ultimo luogo di riposo nella città portuale strategicamente importante dell’Ucraina sudorientale che non era ancora del tutto sotto il controllo russo. Secondo le informazioni di Mosca, i russi hanno catturato 2.439 soldati ucraini dal 16 maggio. Sabato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato in un’intervista televisiva di aver fatto di tutto per liberare Mariupol. Tuttavia, ha detto L’Ucraina ha “spezzato la spina dorsale” dell’esercito russo. “Non sarai più in grado di stare in piedi da solo nei prossimi anni.”

Nuovo problema con le spedizioni di armi tedesche

Per quanto riguarda la consegna delle armi tedesche, il cancelliere Olaf Schultz ha affermato che questa è stata la decisione giusta. “I confini in Europa non dovrebbero essere spostati con la forza”, ha affermato Schultz. Putin ha completamente sbagliato i calcoli. L’ex segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen ha criticato la Germania per essere “troppo riluttante a fornire armi pesanti e imporre sanzioni”. “Abbiamo bisogno della leadership tedesca”, ha detto il danese al quotidiano Handelsblatt.

Nel frattempo, c’è nuova confusione sulle spedizioni di armi dalla Germania. Il quotidiano Bild ha pubblicato un rapporto su uno di loro Un documento segreto del Ministero della Difesa contraddice la versione ufficiale del ministro Christine Lambrecht. Secondo questo, l’esercito tedesco ha 62 mart che non sono più in uso. Secondo un servizio del quotidiano “Spiegel”, il governo è unito Varsavia era sconvolta perché la Germania non voleva sostituire i carri armati polacchi di design russo nel prossimo futuro, come promessogià fornito dalla Polonia all’Ucraina.

La Russia interrompe le forniture di gas alla Finlandia

Così, il giorno prima, la Gazprom, di proprietà dello stato russo, si è avverata sabato. Ufficialmente, il motivo era il rifiuto della Finlandia di pagare le forniture in rubli russi. Tuttavia, il presidente russo Vladimir Putin è stato molto critico nei confronti della domanda ufficiale della Finlandia per l’adesione alla NATO – insieme alla Svezia – e ha minacciato conseguenze. Poiché la Finlandia non è fortemente dipendente dal gas russo, la fornitura non è influenzata in modo significativo. Finlandia e Svezia vogliono entrare a far parte della NATO a causa della guerra aggressiva della Russia contro la vicina Ucraina, che sta per entrare nel suo quarto mese.

La Turchia stabilisce le condizioni per l’adesione della Svezia alla NATO

Secondo il presidente Recep Tayyip Erdogan, la Turchia chiede misure concrete contro il terrorismo dal Paese scandinavo nella disputa con la Svezia sull’adesione alla NATO. Dopo una telefonata con il primo ministro svedese Magdalena Andersson, l’agenzia di stampa ufficiale Anadolu ha citato Erdogan che anche l’embargo sulle armi imposto alla Turchia dopo l’invasione della Siria nel 2019 doveva essere revocato.

Biden mette in azione miliardi di aiuti all’Ucraina

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato un pacchetto di aiuti da 1 miliardo di euro per l’Ucraina in vigore. Il Congresso aveva precedentemente approvato il pacchetto, che ammonta a circa 40 miliardi di dollari (38 miliardi di euro) a larga maggioranza.

L’Italia elabora un piano per il processo di pace nella guerra in Ucraina

L’Italia sta lavorando a un piano per una soluzione pacifica. “Ora serve un contrattacco diplomatico”, ha detto a La Stampa il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Il primo obiettivo è una cessazione locale delle ostilità, seguita da un cessate il fuoco, la neutralità e infine un accordo di pace.

Commissario Ue alla Giustizia: i crimini di guerra non rimarranno impuniti

Il commissario UE alla Giustizia Didier Reynders si è impegnato a perseguire i crimini di guerra in Ucraina. “Ci vorrà tempo, sarà un processo lungo, ma le atrocità commesse in Ucraina non rimarranno impunite”, ha detto Reynders al quotidiano italiano La Stampa.

Altri articoli sulla guerra in Ucraina

Tutti gli altri sviluppi possono essere trovati nel nostro sito web nastro dal vivo Leggi la guerra in Ucraina.

READ  Norvegia: la polizia di Oslo spara a coltellate per strada