Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Separatismo in Belgio e in Italia

Ci sono anche movimenti indipendenti in altri paesi dell’UE. I partecipanti a una manifestazione l’11 settembre 2017 sventolano bandiere catalane in una strada di Barcellona. (Image Alliance / DPA / Sputnik / Elena Chesternina)

Il suo sito web non ha dubbi sulla posizione del Movimento popolare fiammingo in questa controversia. Viva la Catalogna, viva la Repubblica delle Fiandre! Questo è stato il risultato della richiesta del presidente Bart de Walk ai membri di sostenere i catalani nella loro ricerca di indipendenza.

“Sicuramente darà una spinta al movimento popolare fiammingo. Si rafforzerà nella sua ricerca dell’indipendenza fiamminga”.

Afferma Dirk Roctus, politologo presso l’Università Cattolica di Lovanio. Ciò che lo scienziato descrive così casualmente suona così difensivo su Internet. Con l’indipendenza catalana – si dice lì – inizia la guerra per il Paese al centro dell’Europa per il movimento indipendentista fiammingo.

Libertà sì, ma niente referendum

Il Movimento popolare fiammingo è stato fondato nel 1956 per dare ai fiamminghi una maggiore autonomia in Belgio. Quando è stata soddisfatta è arrivata la richiesta di indipendenza dello stato. Molti club, associazioni e partiti fiamminghi, tra cui il Conservative N-VA e la New Flemish Alliance, stanno lavorando per questo. Ma attualmente in movimento con il freno a mano:

La maggioranza degli elettori N-VA non sono separatisti o indipendentisti. Ma ovviamente c’è un duro centro a favore della libertà delle Fiandre. Ovviamente solleciterà la leadership della N-VA a prendere l’indipendenza catalana come esempio.

Referendum indipendente nelle Fiandre? Come in Catalogna? No, no, dice Mark Demsmaker, eurodeputato di N-VA:

“Stiamo cercando di raggiungere il nostro obiettivo passo dopo passo. Non tramite referendum, non crediamo nel nostro ambiente”.

Nuovo interesse per la Catalogna

Il contesto in cui parla Mark Demsmaker è la partecipazione del suo partito al governo federale belga. Offre tre ministri e due segretari di stato. La libertà è un obiettivo a lungo termine. Anche una Catalogna indipendente non cambierebbe le cose. Flemings non sa molto di cataloghi, soprattutto come pensa il Timesmaker. Negli ultimi giorni, da quando la dura posizione del governo spagnolo contro i separatisti catalani è apparsa sui titoli dei giornali, Fleming ha trovato il cuore per gli studenti:

READ  Italia, il miracolo economico? - Attività commerciale

“Ora vedono la Catalogna in una posizione arretrata. Ovviamente tutti hanno simpatia in una posizione arretrata”.

Perché, come recita il testo difensivo, per il movimento indipendentista fiammingo inizia la guerra per l’indipendenza della Catalogna con il Paese al centro dell’Europa. Combatteranno finché la Repubblica delle Fiandre sarà sicura e stabile come una casa.

“Non mi sento italiano”

C’è un forte movimento indipendentista in Italia, specialmente in Veneto. Molti qui non vogliono più essere italiani, ma vogliono ricordare quei tempi gloriosi in cui gran parte dell’Italia settentrionale era governata da Venezia. Alessio Morozin combatte da decenni per la resurrezione della Repubblica di Venezia, distrutta nel 1797.

“Quando viaggio mi chiedono: da dove vieni? Dico ‘Venita’. ‘Venita?’ “Sì, la Repubblica di Venezia”. “Gli italiani?” “No, non mi sento italiano. Scusa, mi fa male la mente. Perché amo molto la Penisola Italiana, la sua storia, la sua cultura! Ma non posso amare queste aziende ostili. IO. “

Con questo i separatisti dell’Italia settentrionale si riferiscono principalmente al governo di Roma. È molto inefficiente. Miliardi di soldi dei contribuenti del nord vengono sprecati inutilmente a Roma, da qui l’accusa. Ingenti somme vengono infatti pompate anno dopo anno dal nord al sud Italia, dove la situazione non è affatto migliorata. Per i separatisti del nord, Roma non era altro che un comune ladro: “Roma Latrona” era il loro grido di guerra.

Il nuovo stato si chiamerà Pathania

50 anni fa il Veneto era ancora considerato la “Sicilia del Nord”, ma da allora è sbocciato in una delle zone più prospere d’Italia. L’economia sta andando bene. E la pubblica amministrazione sta andando meglio della maggior parte delle regioni meridionali. Per molto tempo molti italiani del nord sognavano un nuovo stato chiamato Lombardia, Piemonte e una caotica Pathania veneta.

READ  Crisi Corona: l'Italia allenta le restrizioni | tagesschau.de

“Libera Patania! Beatmonti, lombardi e veneziani uniti! Questo riguarda noi. Prima noi e poi solo gli altri…”

I veneziani sono particolarmente testardi perché invidiano i vicini altoatesini, che hanno già conquistato l’autonomia e possono così trattenere il 90 per cento delle tasse. Il risultato sono paesaggi economicamente prosperi nel centro dell’Europa, di cui Venezia e Alessio Morozin si sentono parte di se stessi.

“Io credo nell’Europa. Ma l’Italia non può essere in questa Europa. Quest’Italia è zoppa e non segue queste regole italiane. Il Veneto può appartenere all’Europa. Deve rispettare tutti gli accordi e rispettare le linee guida di Maastricht”.