Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Kein endloses Wachstum: Apple, Facebook, Google & Co: Diesen Mythos um die Tech-Riesen sollten Anleger nicht verkennen

Senza una crescita infinita: Apple, Facebook, Google e altri: gli investitori non dovrebbero fraintendere questo mito sui giganti della tecnologia | Messaggio

Le dimensioni dell’azienda non determinano la crescita
Anche altre società hanno margini elevati
Le autorità di regolamentazione sono sempre più alle prese con le aziende tecnologiche

Negli ultimi decenni, poche società tecnologiche sono diventate dei veri pesi massimi delle azioni. La società quotata più preziosa è il produttore di smartphone Apple, che ora ha un valore di mercato inimmaginabilmente alto di $ 2,11 trilioni. I colleghi del settore Amazon, Facebook, Microsoft e Google stanno graffiando il trilione con i loro valori di borsa o li hanno annullati molto tempo fa.

È opinione comune che le aziende che sono arrivate così lontano e controllano quote di mercato così ampie possano solo continuare a crescere. Questo può essere visto anche se si guardano le stime degli esperti dei volumi di tecnologia. Senza eccezioni, tutti gli analisti di FactSet consigliano di acquistarli con un’ampia maggioranza. Anche i bilanci più recenti per il primo trimestre del 2021 sembrano confermare questa visione comune. In definitiva, tutti i gruppi tecnologici hanno riportato forti salti di vendite e profitti, nonostante la crisi del coronavirus in corso. Ma questo significa anche che gli investitori possono continuare ad aspettarsi una forte crescita in futuro?

Base Jabrat

Non quando si tratta di “Ingalits conomique” dell’economista Robert Gibert del 1931. Tra le altre cose, Jabrat si è dedicato alla questione di come cresce l’azienda e perché alcune aziende crescono più o più velocemente di altre. Ha scoperto che le dimensioni delle aziende seguono il cosiddetto “random walk”, ovvero i loro tassi di crescita sono casuali. La cosiddetta regola Jabrat afferma che la crescita di un’azienda non dipende dalle dimensioni dell’azienda.

READ  Test di conformità aziendale - Il ministro delle finanze Schultz contro la compensazione finanziaria aziendale

Le aziende tecnologiche non hanno margini di profitto elevati

Quindi, se come investitore presumi che solo i grandi giganti della tecnologia possano continuare a crescere, vale la pena dare un’occhiata al passato. I gruppi tecnologici Apple, Amazon e Co. Non è affatto un pioniere quando si tratta di capitalizzazione di borsa. Come sostiene Patrick Herger della nuova Zrcher Zeitung, Apple rappresenterà attualmente il 5,3% di tutte le società statunitensi in base al valore del mercato azionario. Tuttavia, il gigante dei media AT&T è riuscito a rivendicare una quota di oltre il 7% negli anni ’50; E negli anni ’60 la quota era ancora superiore al sei percento. Da questo punto di vista, Apple non è niente di speciale, secondo Hirger, le aziende tecnologiche non si distinguono nemmeno nell’S & P 500 con la loro forza di margine. Microsoft, Facebook, Apple e Google avrebbero potuto raggiungere un margine operativo compreso tra il 37 e il 23 percento lo scorso anno, ma lo stesso vale anche per le 15 aziende più vicine all’S & P 500 per valore di mercato. Qui il margine medio è stato di oltre il 30 percento.

I diplomi tecnici beneficiano di tasse più basse

Inoltre, i margini non sono solo dovuti alla crescita delle aziende, ma tiene anche conto del fatto che le grandi aziende ora devono pagare molte meno tasse rispetto a 70 anni fa. Quindi i giganti della tecnologia hanno semplicemente più profitti che pendono da loro. Tuttavia, anche le dimensioni delle società tecnologiche possono avere un impatto negativo, poiché il loro potere di mercato significa che le autorità di regolamentazione le prendono sempre più di mira. Perché mentre i venti politici degli ultimi decenni hanno soffiato sempre più nella direzione di una corretta mitigazione del monopolio, il clima è ora diverso a causa della crescente importanza dei dati e della protezione dei consumatori.

READ  T come Tesla?: Il segreto rivelato: Elon Musk spiega cosa rappresenta veramente il logo di Tesla | newsletter

Il vento gira

Ad esempio, l’Australia è stato il primo paese al mondo ad approvare un Media Act nel marzo 2021, che richiede alle piattaforme Internet di pagare i contenuti multimediali forniti dagli utenti e le entrate pubblicitarie alle loro reti. Facebook in particolare si era lamentato in maniera massiccia in anticipo della legge pianificata. Quindi, se c’è una cosa che potrebbe gettare il bastone tra i due cluster tecnologici in futuro, è la forte concorrenza e le regole fiscali.

La rivale cinese di Amazon, Alibaba, ha recentemente sofferto di questa dolorosa esperienza diretta. Il gruppo di Jack Ma è stato multato per miliardi dalle autorità cinesi per aver sfruttato la sua posizione dominante sul mercato. Anche l’offerta pubblica iniziale pianificata della controllata finanziaria di Alibaba Ant Financial è stata posticipata a tempo indeterminato a causa di modifiche alle regole da parte delle autorità cinesi.

Gli investitori in giganti della tecnologia devono essere convinti che solo i giganti della tecnologia sono consapevoli di questi fattori e non sono oscurati dai miti sulle potenziali vulnerabilità.

Redazione di Finanzen.net

Altre notizie su Amazon

Fonti delle immagini: Sundry Photography / Shutterstock.com, Brendan Howard / Shutterstock.com