Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Senza testimoni chiave, l’Italia non avrebbe alcuna possibilità contro l’opinione mafiosa

L’Italia è lacerata da un ostacolo. Non è una novità, ma è più grave di prima. Pochi giorni fa è uscito dal carcere Giovanni Brusca, il peggior e il peggior assassino della mafia siciliana, dopo 25 anni di carcere. Bruska si è dichiarato colpevole di 150 omicidi. Fu lui a premere il pulsante nel 1992 per far saltare in aria il giudice Giovanni Falcon. È lui che ha rapito Giuseppe de Matteo, figlio di un testimone chiave, lo ha strangolato e sciolto nell’acido. Giuseppe aveva 14 anni quando morì.

25 anni di reclusione per 150 omicidi, quindi due mesi per un omicidio? Questa è, ovviamente, una presa in giro emotiva per le vittime, i parenti e l’Italia. Bruska ha 64 anni, quindi potrebbe aver recuperato quasi un terzo della sua vita.

Ma tutto è legale. Bruska è stato un testimone chiave con la magistratura e quindi ha beneficiato di una massiccia esenzione dalla pena. Anche quando era in custodia, c’erano sempre dei privilegi perché si comportava meglio: uscire, trascorrere qualche giorno di vacanza sotto sorveglianza, lunghe visite. Come indica proprio il termine “pentito” di pentimento, il fatto che Brusca si rammarica delle sue tante azioni è di secondaria importanza.

“Abbatti i muri e illumina gli angoli più segreti”

Era conosciuto come Giovanni Brusca, che era in Sicilia Bicchiere Il richiamo, quindi maiale, era una fonte affidabile e abbondante. Grazie alle informazioni privilegiate di Bruska, il governo italiano è riuscito a indebolire Cosa Nostra, ad arrestare grandi e piccole mafie ea sequestrare denaro e beni. Probabilmente un fattore sul perché stanno andando così male e perché stanno andando così male. Un classico calcolo costi-benefici – con un tocco cinico. Ma probabilmente non c’è alternativa. L’uscita iniziale di personaggi come Brusca è il prezzo che l’Italia paga per essere impotente contro la malavita senza l’aiuto di testimoni chiave.

READ  Corona: L'Italia vuole riaprire ai turisti da metà maggio - a queste condizioni

Gian Carlo Caselli, ex procuratore generale di Palermo, nota: “La mafia è una roccaforte. Non possiamo prenderla senza testimoni chiave. Se siamo fortunati, possiamo graffiare qualcosa sulla facciata. Può servire per capire i passaggi e modalità operative.

Devi chiedere ai cacciatori di mafia, il programma Lenincy è in pratica da trent’anni. Pietro Grosso, magistrato di lunga data a Palermo e poi presidente del Senato italiano, ha detto di Brusca: “Il governo ha vinto tre volte nel suo caso. Ha vinto quando è stato arrestato perché Brusca è stato uno dei più grandi criminali della nostra storia. ha vinto. E ora che è uscito 25 anni dopo, sta vincendo di nuovo, perché il governo sta mandando un segnale alla mafia”.

Sono guide – in un mondo pieno di pozzi

Novità: Canta! Stiamo già rispettando il nostro contratto. Per la prima volta un grosso boss della misteriosa e particolarmente potente ‘Entrangeta calabrese ha iniziato a collaborare con la magistratura. Niccolino Grande Aracri, il nome dell’uomo, può aprire da un giorno all’altro agli investigatori un intero mondo e tutte le sue fosse.

Testimoni chiave della mafia si uniscono a un piano di sicurezza dopo essere stati rilasciati. Quindi devono temere soprattutto i loro ex fratelli – traditori per un motivo oscuro.