Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Segnale a Erdogan: il Cremlino sta inviando forze aggiuntive nel nord della Siria

Un riferimento a Erdogan
Il Cremlino invia forze aggiuntive nel nord della Siria

Il presidente del Cremlino Putin ha risposto alle minacce del presidente turco Erdogan di invadere la Siria settentrionale con forze di terra aumentando la presenza russa nella regione. Si dice che ci siano posti di blocco. Gli osservatori lo considerano un avvertimento inequivocabile.

Alla luce di un’imminente offensiva di terra turca nel nord della Siria, la Russia ha inviato truppe per rafforzare un’area controllata da combattenti curdi e soldati del governo siriano. I residenti della città di Tal Rifaat, a nord di Aleppo, hanno riferito che i soldati russi erano arrivati ​​in città. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, la Russia sta rafforzando le sue forze in una vicina base aerea e nella città di confine di Kobani.

La mossa arriva sulla scia di un’offensiva militare turca, durante la quale Ankara ha lanciato attacchi contro centinaia di obiettivi curdi nel nord della Siria e nel nord dell’Iraq dal 20 novembre. Anche il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha minacciato un’offensiva di terra nel paese vicino. Rami Abdel Rahman, capo dell’Osservatorio siriano, ha affermato che i rinforzi russi potrebbero essere un tentativo di “fermare o ritardare l’attacco turco”.

Tell Rifaat si trova a 15 chilometri a sud del confine con la Turchia. Le forze curde controllano la città ei villaggi circostanti. I soldati russi sono già di stanza nella zona. Secondo i residenti locali, le forze russe hanno già istituito posti di blocco per delimitare i confini dalle posizioni controllate dalle forze turche e dai loro alleati siriani. Quest’ultimo controlla le aree a nord di Tell Rifaat.

Il Cremlino sta con Assad

La Russia combatte a fianco del presidente siriano Bashar al-Assad nella guerra siriana dal 2015. L’esercito russo è presente anche nel nord-est della Siria dal 2019, dopo un accordo con la Turchia. Dal 2016, l’esercito turco ha lanciato tre offensive, principalmente contro combattenti curdi e aree occupate nel nord della Siria, che ora è controllata dai delegati di Ankara.

Pochi giorni prima dell’inizio dell’ultima offensiva militare turca, sei persone sono morte in un attentato a Istanbul. Ankara ha accusato il fuorilegge del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK). Tuttavia, il PKK e le unità di protezione del popolo curdo siriano hanno negato qualsiasi coinvolgimento nell’attacco.

READ  Incidente in funivia in Italia: il fratello annuncia un momento tragico - Nuovi dettagli noti