Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Secondo Corona Winter: le scuole devono restare aperte

Opinione Il secondo inverno di Corona

Le scuole devono restare aperte

Andreas Rosenfelder Andreas Rosenfelder

L’autore di WELT Andreas Rosenfelder

Fonte: WELT / C.Pflug

Con l’aumento del tasso di infezione, aumenta anche il timore dei genitori che le scuole possano chiudere di nuovo. Ma non ce n’è bisogno, perché la situazione è diversa da quella di un anno fa. C’è ancora pericolo.

NSC’è uno spettro che va avanti in Germania da un anno e mezzo: lo spettro della chiusura delle scuole. Sono i mezzi più eclatanti della politica epidemica del governo e le loro conseguenze devastanti sulle biografie di milioni di bambini e adolescenti sono ben documentate.

Non c’è da stupirsi che i nervi siano tesi con l’inizio del secondo inverno di Corona: alcuni – soprattutto le famiglie – temono nuove chiusure, mentre altri – soprattutto politici e media – stanno sollevando questa paura con fosche previsioni.

Non c’è motivo per questo: è ora di scacciare il fantasma e porre fine al luogo infestato. La situazione in cui viviamo oggi è diversa da quella di un anno fa.

Leggi anche

Tutta l'Austria è in isolamento.  Almeno gli operatori dei mercatini di Natale sanno da che parte stare: tutto resta stretto

La nostra conoscenza dei pericoli delle scuole, a lungo ingiustificatamente descritte come causa di epidemie, e dei rischi estremamente bassi per i bambini, è cambiata. E la politica, che non può chiudere un occhio sulla devastazione psicologica e sociale di un altro inverno, ha imparato qualcosa di nuovo.

Qui puoi ascoltare i nostri podcast WELT

Usiamo il lettore di Podigee per il podcast WELT. Abbiamo bisogno del tuo consenso per poter visualizzare il riproduttore di podcast e interagire con o visualizzare i contenuti di Podigee e di altri social network.

Persino Angela Merkel ha escluso “la chiusura delle scuole a livello nazionale” alla conferenza stampa dopo l’ultima conferenza del primo ministro – una frase storica, perché la stessa cancelliera ha parlato delle chiusure di mesi dello scorso inverno nel Bundestag che l’hanno spinta alla presidenza. Il viaggio del ministro

“Grande danno” dell’apprendimento a distanza

Anche negli stati federali nessuno vuole che si ripeta lo stesso scenario dell’orrore, nemmeno i puristi come Winfried Kretschmann, che sottolinea il “grande danno” dell’apprendimento a distanza. L’aumento della frequenza obbligatoria, che il Brandeburgo ha deciso ora, non è senza problemi. Ma quando viene utilizzato per accogliere i genitori più ansiosi, favorisce la chiusura e il silenzio della scuola.

Leggi anche

Gli studenti della Bassa Sassonia devono sostenere il test più volte alla settimana, ma questo non si applica in altri stati federali

Il pericolo più grande al momento è che le rigide regole di quarantena per le persone che possono essere contattate portino a un aumento del caos, persino al blocco virtuale. Non dovrebbe succedere.

Le autorità scolastiche di Amburgo stanno mostrando una via d’uscita: hanno interrotto il tracciamento dei contatti nelle scuole e le quarantene obbligatorie per coloro che siedono accanto a loro, sottolineando giustamente che le scuole sono tra i “luoghi più sicuri nell’epidemia” grazie ai test seriali. Questo esempio dovrebbe catturare. I bambini meritano un inverno senza paura.

READ  Lo stato delle proteine ​​è critico per il sistema riproduttivo? Pratica di guarigione