Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il caffè può proteggere dall’Alzheimer

I ricercatori hanno scoperto che bere molto caffè può rallentare il declino delle capacità mentali. Quest’area del cervello è particolarmente importante per la pianificazione, l’autocontrollo e l’attenzione. Una diminuzione di queste capacità è spesso associata a uno stadio iniziale della demenza di Alzheimer. Bere caffè rallenta anche la formazione delle cosiddette placche beta-amiloidi, ampiamente sospettate di essere coinvolte nello sviluppo del morbo di Alzheimer.

Tuttavia, non è ancora chiaro quanto caffè sia meglio bere ogni giorno per avere un effetto positivo sulla funzione di memoria. Secondo i ricercatori, una persona che beve solo una tazza al giorno può berne un’altra: la tazza in più riduce il rischio di disturbi mentali dell’otto percento dopo 18 mesi, ha affermato il direttore dello studio, il dott. Samantha Gardner della Edith Cowan University (ECU).

La caffeina non è solo responsabile dell’effetto positivo

Per il futuro, i ricercatori australiani sperano di sviluppare linee guida per le persone di mezza età basate su questo studio su come rallentare il declino delle prestazioni della memoria. Gli scienziati sono ottimisti sul fatto che questi potrebbero includere anche cose semplici come un aumento del consumo di caffè. In ulteriori studi, ora vogliono sapere quali componenti del chicco di caffè causano l’effetto positivo. Gli esperimenti sugli animali hanno dimostrato che la caffeina non è probabilmente l’unico colpevole. Anche altri ingredienti come il cafesterolo e il coahyl hanno mostrato effetti positivi sulla funzione cerebrale e sono presenti anche nel caffè decaffeinato.

I risultati sono stati pubblicati nell’ambito dello studio AIBL. Questo studio a lungo termine indaga l’influenza delle caratteristiche cognitive, dello stile di vita e della salute generale sullo sviluppo della malattia di Alzheimer. I partecipanti erano pazienti con diagnosi di malattia di Alzheimer, persone con decadimento cognitivo lieve e persone sane preoccupate delle loro prestazioni mnemoniche.

READ  Il nuovo trattamento utilizza nanoparticelle per la terapia, una pratica di guarigione

Cosa faccio 10.3389 / fnagi.2021.744872