Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Scudo antigas: Uniper presenta richiesta aiuti di Stato |  tagesschau.de

Scudo antigas: Uniper presenta richiesta aiuti di Stato | tagesschau.de

Stato: 08.07.2022 16:11

La società di importazione di gas Uniper ha presentato domanda al governo federale per misure di stabilizzazione. Riguarda il coinvolgimento del governo federale, prestiti più elevati e la capacità di trasferire i salti di prezzo ai clienti.

La società energetica in difficoltà Uniper ha chiesto al governo federale un aiuto per la stabilizzazione. La proposta è finalizzata a un’equa distribuzione dei costi, a un aumento della linea di credito in essere attraverso la banca statale di sviluppo KfW e a una possibile partecipazione del governo federale alla società, ha spiegato Uniper in una notifica obbligatoria al cambio. Tali azioni sono finalizzate a far cessare le perdite attualmente sostenute ea coprire il fabbisogno di liquidità di Uniper.

Uniper vuole lasciarlo passare attraverso i salti di prezzo

In questo contesto, Uniper propone anche la possibilità di comunicare istantaneamente gli aumenti di prezzo ai clienti. Il Bundestag e il Bundesrat hanno creato ulteriori opzioni in tal senso attraverso gli emendamenti alla legge approvati: si potrebbe creare un sistema fiscale in modo che gli aumenti dei prezzi del gas per i fornitori di energia possano essere trasferiti equamente ai clienti, in alternativa al precedente prezzo possibile regole di adeguamento. Secondo i propri dati, il governo federale non vuole utilizzare questa opzione se possibile, almeno non ancora.

Per quanto riguarda la potenziale partecipazione statale diretta, la società ha scritto che la domanda contiene una proposta per “componenti azionarie” che “porterebbero a una partecipazione rilevante del governo federale in Uniper SE”. Tuttavia, Uniper ha bisogno del supporto anche della casa madre finlandese Fortum per l’auspicata partecipazione del governo federale. “Questa è la strada che vogliamo intraprendere ora”, ha affermato il CEO Klaus-Dieter Maubach a Düsseldorf. L’arte ora è trovare una soluzione accettabile sia per il governo federale che per Fortum. Tale decisione deve essere decisa dall’assemblea generale. Fortum è un fattore importante, con i finlandesi che possiedono circa l’80% delle azioni.

READ  Curevac fa causa a Biontech - La reazione di Mainz

Per giorni Uniper, il più grande importatore di gas tedesco, ha discusso con il governo federale su possibili aiuti da parte dello Stato. Il pacchetto legislativo approvato ieri dal Bundestag e oggi dal Bundesrat crea opzioni più chiare con uno scudo protettivo contro il gas e facilita l’accesso all’assistenza delle società energetiche del settore delle infrastrutture critiche.

Uniper spera di ricevere aiuto in poche settimane

In una conferenza stampa, Maubach ha affermato che la società ora spera di “ricevere l’assistenza a breve termine necessaria su nostra richiesta”. Per lui breve termine significa in poche settimane. “Penso che ci sia un forte desiderio da parte del governo federale di lavorare a stretto contatto con noi su questo tema”, ha aggiunto.

Il ministro federale dell’Economia Robert Habeck ha affermato che il governo sta “lavorando il più rapidamente possibile sulle misure di stabilizzazione” ed è in stretto contatto con tutte le parti interessate. La forma specifica di sostegno sarà ora negoziata e poi decisa. Ma una cosa è chiara: “Non permetteremo che una società di importanza sistemica fallisca e, di conseguenza, provochi un’interruzione del mercato energetico globale”.

Per quanto riguarda la concessione di possibili misure di stabilizzazione, Habeck ha dichiarato: “Sceglieremo l’opzione migliore ed economica per la Germania, per i consumatori tedeschi, per i contribuenti tedeschi e per lo stato tedesco e la più sicura per la sicurezza dell’approvvigionamento”.

Il ruolo centrale dell’approvvigionamento di gas in Germania

Uniper svolge un ruolo centrale nell’approvvigionamento energetico della Germania e fornisce molti servizi municipali. L’azienda è il più grande cliente estero del gigante russo del gas Gazprom. A causa del forte aumento dei prezzi del gas e del calo delle spedizioni di gas dalla Russia, la risorsa è stata sottoposta a forti pressioni. Perché al momento il gruppo non può trasferire ai clienti costi aggiuntivi per l’acquisto di gas a causa della limitazione delle spedizioni di gas russe attraverso il gasdotto Nord Stream 1. La società aveva annunciato che ciò comporterebbe notevoli oneri finanziari. Uniper è anche uno dei maggiori produttori di elettricità in Germania. Con i suoi impianti di stoccaggio del gas, il gruppo svolge anche un ruolo importante nella sicurezza delle forniture invernali della Germania.

READ  Cosa stanno facendo le aziende per far fronte alla carenza di materiali

Non è chiaro in che misura la Confederazione parteciperà a Uniper o in che misura possa essere aumentato il plafond concesso da KfW, non ancora utilizzato. Finora sono due miliardi di euro. Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa tedesca (Dpa) citando i dipartimenti del governo, in Uniper non sono state prese decisioni su azioni concrete.

Tuttavia, come annunciato dalla società nell’informativa obbligatoria, anche il maggiore azionista finlandese Fortum in Uniper è in trattative con il governo federale sugli effetti negativi delle attuali restrizioni sulle forniture di gas su Uniper. Fortum, dal canto suo, ha detto che è in discussione con il governo federale una riorganizzazione delle aree di business di Uniper “al fine di mettere in comune le attività commerciali tedesche che sono critiche per il sistema e metterle al sicuro con il governo federale”. In questo contesto, Fortum ha sottolineato: “In quanto maggiore importatore di gas della Germania, Uniper è il più colpito dalla riduzione delle forniture di gas russo, e quindi è sottoposto a forti pressioni finanziarie”.

Altre aziende nominate per aiuto

Al Bundesrat, il sindaco di Brema Andreas Bovenshult (SPD) ha affermato che ci sono state discussioni sul lancio di una “iniezione di nove miliardi” per Uniper al fine di stabilizzare l’azienda. Il portavoce del governo Stephen Hebestreet non ha voluto confermarlo. Il governo sarà sospeso una volta completate le trattative con Uniper a sostegno dell’azienda. Hepstreet ha indicato che ci sono stati colloqui con altre parti interessate. “Non è solo Uniper.”

Secondo un rapporto del quotidiano “Handelsblatt”, lo Stato può anche fornire sostegno finanziario al commerciante di gas VNG di Lipsia. Per la Rete Gas, controllata del gruppo energetico EnBW, in sala c’è una cifra fino a 2 miliardi di euro. Lo ha riferito “Handelsblatt”, citando circoli finanziari. Oltre al prestito già fornito dalla banca di sviluppo KfW, l’importo totale dell’assistenza potenziale ammonterà a tre miliardi di euro.

READ  DAX e Dow & Co nel round di ripresa: con aumenti dei prezzi nel fine settimana a Pentecoste

L’operatore di centrali elettriche a carbone della Lusazia, Leag, ha dovuto essere sostenuto da un prestito di 5,5 miliardi di euro da KfW a marzo a causa delle turbolenze nel mercato energetico. Anche il gruppo energetico Steag di Essen, uno dei maggiori produttori di energia della Germania, ha ricevuto all’inizio dell’anno una linea di credito KfW di 400 milioni di euro. L’azienda gestisce diverse grandi centrali elettriche.