Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Scorcio del giorno della guerra: i russi distruggono l’ultimo ponte a Sjewerodonetsk – Scholz forse giovedì a Kiev

Nel Donbass i riferimenti alle forze ucraine al momento non sono buoni, ed è chiaro che l’esercito russo è superiore. Soprattutto quando si tratta di artiglieria, i difensori sono in svantaggio. Il numero di vittime – sia civili che militari – è in aumento secondo i dati ucraini. Dopo molte esitazioni, il Cancelliere Schulze può ora recarsi a Kiev, dopotutto. Secondo un rapporto, giovedì sarà accompagnato dal primo ministro italiano Draghi e dal presidente francese Macron. Poi l’Ucraina presenterà sicuramente la sua lista dei desideri per la consegna delle armi, che è stata presentata di recente da un consigliere presidenziale. Un rapido sguardo al 110° giorno di guerra.

Un chiaro vantaggio russo a Sevgerodonetsk

Secondo le autorità, si trova intorno alla città di Severodonetsk, nell’Ucraina orientale Sono proseguiti i pesanti combattimenti. Anche la zona industriale, dove sono rintanati circa 500 civili, è sotto il fuoco pesante, spiega il governatore di Luhansk Serhi Hajjaj. Questa è probabilmente l’area in cui si trova l’impianto chimico di Azote, adatto come rifugio antiaereo. Il governatore ha annunciato su Facebook che le forze russe controllano già circa il 70 per cento della città. Il nemico schierò lì sette battaglioni e aveva una superiorità di fuoco di dieci volte. “Ogni metro di terra ucraina è macchiato di sangue – non solo il nostro sangue, ma anche il sangue degli occupanti”, ha detto il comandante in capo delle forze armate Valery Salushny su Facebook. In serata, il governatore Hadji aggiunge che anche il terzo e ultimo ponte della città sul fiume Seversky Donets è stato distrutto. Ciò significa che Sievjerodonetsk non è completamente chiuso. Tuttavia, ha detto su Telegram che né i civili potevano essere evacuati né rifornimenti di aiuti portati in città.

Attraversamenti fluviali critici

Gli attraversamenti del fiume nei prossimi mesi saranno probabilmente tra i fattori determinanti più importanti della guerra. Il ministero della Difesa britannico sta speculando nel suo ultimo rapporto. La parte centrale del fronte del Donbass si trova a ovest del fiume Seversky Donets. Affinché la Russia abbia successo nell’attuale fase dell’offensiva del Donbas, la Russia deve “o intraprendere ambiziose misure di scorta o impegnarsi in attraversamenti del fiume in stile offensivo”, secondo il Ministero della Difesa britannico.

READ  I manifestanti chiedono giustizia per Sarah Halimi

Evacuazione dopo attacchi aerei nel nord

I combattimenti continuano in altre parti del Paese. Dopo i raid aerei sulla città di Priluki, nel nord dell’Ucraina, quattro città circostanti sono state evacuate. Il governatore della regione di Chernihiv, Vyacheslav Chaus, ha scritto su Telegram: “Il nemico ha lanciato tre missili contro Pryluky”. Il capo della protezione civile del distretto, Sergey Boldyrev, ha affermato che l’ordine di evacuazione era stato ordinato a causa del rischio di incendio, secondo il sito di notizie Suspilne. Pryluky si trova a 150 chilometri a est di Kiev e dispone di un aeroporto militare. In generale, le forze ucraine difenderanno ora un fronte di circa 2.450 km dagli attaccanti russi. “Sono in corso operazioni di combattimento attive lungo 1105 km di questo”, ha scritto il comandante in capo Valery Salushny su Facebook.

L’Ucraina bombarda la città di Donetsk

I separatisti filo-russi a Donetsk hanno riferito del più pesante bombardamento ucraino della città dall’inizio della guerra. Quattro persone sono state uccise e almeno 23 persone sono rimaste ferite, secondo i media locali. Una clinica di maternità nell’ex capitale ha preso fuoco, ma nessuno è rimasto ferito. I rapporti non possono essere verificati in modo indipendente. Per proteggere la città e la Repubblica popolare di Donetsk, sono necessarie più truppe delle “forze alleate” – cioè l’esercito russo – ha affermato il leader separatista Denis Pushlin, secondo Dan.

L’Ucraina riporta che 12.000 civili uccisi

Secondo fonti ucraine, gli attacchi russi hanno ucciso più di 12.000 civili dall’inizio della guerra. La maggior parte di loro è stata uccisa nelle esplosioni, ha detto il capo della polizia ucraina Ihor Klimenko in un’intervista pubblicata dall’agenzia ucraina Interfax. Il 75% dei morti sono uomini, il 2% sono bambini e quasi un quarto sono donne. “Questi sono civili e queste persone non hanno nulla a che fare con l’esercito o le forze dell’ordine”, sottolinea Klimenko. 1200 vittime devono ancora essere identificate.

Un’altra fossa comune è stata scoperta vicino a Bucha

Ci sono state anche segnalazioni di altre vittime della guerra vicino alla capitale, Kiev. La polizia ha detto che i corpi di altri sette civili sono stati trovati vicino al sobborgo di Buka. “Sono stati torturati dai russi e poi vili giustiziati con un proiettile alla testa”, ha detto su Facebook il capo della polizia di Kiev Andrei Nebitov. Diverse vittime sono state trovate in una fossa vicino al villaggio di Mirozki, con le mani e le ginocchia legate. Nebito spiega che le autorità stanno ora lavorando per “identificare le vittime”.

READ  Due migranti muoiono in un pick-up mentre si recavano in Austria

Reportage sulla visita di Draghi, Macron e Schultz a Kiev

Il quotidiano italiano “La Stampa” ha riferito che il presidente del Consiglio Mario Draghi con il cancelliere Olaf Schultz e il presidente francese Emmanuel Macron Giovedì viaggio a Kiev lana vergine. D’altra parte, il portale Nexta, citando l’ambasciatore francese in Ucraina, ha riferito che i tre capi di Stato e di governo si recheranno in Ucraina mercoledì. Non vi è alcuna conferma per nessuna delle date menzionate.

Silinsky critica l’esitazione di Schulze

ucraino Il presidente Selenskyj chiede a Scholz Una posizione più chiara nella guerra in Ucraina. “Abbiamo bisogno del cancelliere Schulz per assicurarsi che la Germania sostenga l’Ucraina. Lui e il suo governo devono prendere una decisione”, ha detto in un’intervista al quotidiano ZDF. “La Germania è rimasta un po’ indietro rispetto ad alcuni dei nostri paesi vicini in termini di consegna di armi. Questo è un dato di fatto”, ha criticato il capo dello Stato. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, gli Stati baltici e altri paesi dell’est dell’UE sono stati i primi ad agire. Inizialmente, Germania e Francia sostenevano l’Ucraina solo politicamente e retoricamente.

Kiev rinnova la lista dei desideri delle armi

L’elenco attuale mostra le armi che l’Ucraina vuole. In esso, il consigliere del presidente calcola quale equipaggiamento militare sarà necessario a lungo termine per porre fine alla guerra contro la Russia. Ma lo sfondo di questo è l’incontro dei ministri della Difesa degli alleati occidentali mercoledì. Per essere alla pari della Russia nelle attrezzature pesanti, l’Ucraina avrà quindi bisogno di:

  • 1000 obici
  • 300 lanciarazzi multipli
  • 500 carri armati
  • 2000 veicoli blindati
  • 1000 droni

Erdogan dà speranza alle trattative

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan annuncia la possibilità di intrattenere nuovi colloqui con il presidente russo Vladimir Putin e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Secondo il quotidiano britannico The Guardian, lo ha riferito il quotidiano turco Haber Turk. È probabile che parleranno con entrambi questa settimana, secondo Erdogan. Riguarda, tra l’altro, il ritorno delle esportazioni dall’Ucraina “in un’altra dimensione”. I colloqui tra le parti in guerra si sono conclusi dopo che i corpi sono stati trovati a Bucha e la completa distruzione di Mariupol.

READ  Incidente in funivia in Italia: il fratello annuncia un momento tragico - Nuovi dettagli noti

La Lituania dona droni all’Ucraina

Nel frattempo, altri quattro droni stanno arrivando dalla Lituania. Il presentatore televisivo lituano Andrios Tabinas parla di una campagna di crowdfunding che ha finanziato quattro droni da ricognizione. Questi saranno immediatamente inviati in Ucraina. Tabinas scrive che i droni prendono il nome da “Magila”, la dea lituana della morte. Altri due droni saranno spediti entro due mesi.

L’Unione Cristiano Democratica chiede lo status di adesione dell’Ucraina all’Unione Europea

Tuttavia, l’Ucraina non solo richiede spedizioni di armi, ma ha anche formalmente chiesto l’adesione all’UE alcune settimane fa. La fazione dell’Unione al Bundestag chiede ora prospettive di adesione immediata all’UE per l’Ucraina, ma anche la Moldova e la Georgia. Secondo una delle richieste, il governo federale dovrebbe adoperarsi per garantire che questi tre paesi ottengano lo status di candidati all’adesione all’Unione europea al Consiglio europeo del 23-24 giugno.

Un grosso carico di grano arriva in Spagna

Una nave che trasportava 18.000 tonnellate di mais dall’Ucraina è arrivata in mattinata in un porto nel nord-ovest della Spagna. L’associazione alimentare spagnola Agavak ha dichiarato alla Galileus Web che questa è la prima spedizione di grano ucraino che è stata utilizzata su una nuova rotta marittima per aggirare il blocco russo dei porti ucraini sul Mar Nero. L’ufficio stampa del porto ha detto alla Galileus Web che la nave mercantile Alppila che trasportava mais è arrivata a Port A Coruña prima dell’alba e dovrebbe essere scaricata martedì.

Altri articoli sulla guerra in Ucraina:

Tutti gli altri sviluppi possono essere trovati nel nostro sito web nastro dal vivo Leggi la guerra in Ucraina.